sabato 06 marzo 2021

Streetspace: solo il 20% dei pendolari di Londra utilizzerà i mezzi pubblici

Londra ha rilasciato il suo programma Streetspace, delineando come dirotterà milioni di viaggi dal trasporto pubblico una volta che il blocco si allenterà, con una capacità che dovrebbe essere solo un quinto dei livelli pre-crisi.

Gli esperti dei trasporti avvertono che se anche solo una parte dei viaggi che sarebbero stati effettuati con i mezzi pubblici vengono effettuati in auto, la città rischia di “fermarsi”, con un peggioramento della qualità dell’aria e un aumento dei rischi per la sicurezza. Il piano Streetspace delinea rapide trasformazioni stradali per incoraggiare più persone a pedalare e camminare.

Mentre le città di tutto il mondo si trovano ad affrontare una sfida simile, la capitale del Regno Unito afferma che i cambiamenti che sta apportando sono “senza pari” in una città delle sue dimensioni. Includono infrastrutture ciclabili temporanee, marciapiedi allargati e zone a basso traffico.

Un portavoce di Transport for London (TfL) ha detto a Cities Today : “Even in una versione di blocco molto precoce con meno del 20 percento dei viaggi di punta dei trasporti pubblici al mattino prima del coronavirus nel centro di Londra, decine di migliaia di viaggi dovrebbero passare dal trasporto pubblico a quello attivo per mantenere le distanze sociali.

“Questo potrebbe rapidamente diventare centinaia di migliaia se la domanda aumentasse fino alla metà dei livelli pre-coronavirus, implicando un massiccio aumento del numero di viaggi attivi e un urgente bisogno di azione.”

In orari normali, la sola rete metropolitana (metropolitana) di Londra gestisce fino a cinque milioni di viaggi al giorno. Utilizzando la modellazione desktop, TfL ha calcolato che potrebbe esserci un aumento di oltre dieci volte nei chilometri percorsi in bicicletta e fino a cinque volte la quantità di camminata rispetto alla pre-crisi, se la domanda di trasporto torna ai livelli precedenti.

Se lo costruisci, verranno?

Questi modelli, tuttavia, potrebbero non riflettere l’atteggiamento nei confronti del viaggio attivo. Solo perché le città rendono lo spazio disponibile per camminare e andare in bicicletta, la grande domanda è se, in un momento di forte ansia, i cittadini possano davvero essere persuasi a non usare la propria auto.

TfL ritiene che la creazione di percorsi sicuri renderà la camminata e il ciclismo l’opzione più semplice e accattivante, anche per le persone che in genere non hanno viaggiato in quel modo.

Un portavoce ha dichiarato: “I motivi per cui le persone scelgono di non andare in bicicletta a Londra derivano principalmente dagli ambienti fisici e sociali che li circondano. Questi ambienti influenzano persone diverse in modi diversi e sappiamo che creano particolari ostacoli al ciclismo per donne, persone BAME [black, Asian and minority ethnic community], persone anziane e disabili. Questo è il motivo per cui ci impegniamo a costruire una rete ciclistica inclusiva, per superare queste barriere. ”

Hanno aggiunto che anche la Congestion Charge di Londra e la zona di emissioni ultra basse (ULEZ) svolgeranno un ruolo importante nella gestione dell’uso del veicolo.

Come in molte altre città, verrà costruita una rete ciclabile utilizzando materiali temporanei, con nuovi percorsi volti a ridurre l’affollamento della metropolitana e delle linee ferroviarie e su corridoi di autobus affollati.

I centri urbani locali in almeno 20 otterranno marciapiedi più ampi. Ciò ha anche lo scopo di incoraggiare gli acquisti locali a rilanciare l’economia, sostenendo al contempo il distanziamento sociale nelle code e il camminare sicuro.

Gli schemi temporanei saranno rivisti da TfL e potrebbero diventare permanenti.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, è in trattative con il governo per quanto riguarda il sostegno finanziario alla TfL. Scrivendo in Città AM , ha detto che il reddito delle tariffe è diminuito di circa 90 la percentuale e le proiezioni future sono in forte calo, definendola una “crisi finanziaria senza precedenti”.