Entra in contatto con noi

Mercati americani

Synchrony Financial (SYF) Q4 2022 Trascrizione della chiamata agli utili

Pubblicato

il

Fonte immagine: The Motley Fool.

Sincronia finanziaria (SYF -2,40%)
Chiamata sugli utili del quarto trimestre 2022
23 gennaio 2023, 8:00 ET

Contenuti:

  • Osservazioni preparate
  • Domande e risposte
  • Chiama i partecipanti

Osservazioni preparate:

Operatore

Buongiorno e benvenuti alla teleconferenza sugli utili del quarto trimestre 2022 di Synchrony Financial. Si prega di fare riferimento al sito Web delle relazioni con gli investitori della società per l’accesso ai loro materiali sugli utili. Vi informiamo che la teleconferenza di oggi è in fase di registrazione. Attualmente, tutti i chiamanti sono stati messi in modalità di solo ascolto.

La chiamata sarà aperta alle vostre domande dopo la conclusione delle osservazioni preparate dalla direzione. [Operator instructions] Passerò ora la chiamata a Kathryn Miller, vicepresidente senior delle relazioni con gli investitori. Grazie. Puoi cominciare.

Advertisement

Kathryn Miller — Vicepresidente senior, Relazioni con gli investitori

Grazie e buongiorno a tutti. Benvenuti alla nostra conference call trimestrale sugli utili. Oltre al comunicato stampa di oggi, abbiamo fornito una presentazione che copre gli argomenti che intendiamo affrontare durante la nostra chiamata. Il comunicato stampa, i programmi finanziari dettagliati e la presentazione sono disponibili sul nostro sito Web, synchronyfinancial.com.

Tali informazioni sono accessibili accedendo alla sezione Investor Relations del sito web. Prima di iniziare, vorrei ricordarvi che i nostri commenti di oggi includeranno dichiarazioni previsionali. Queste dichiarazioni sono soggette a rischi e incertezze e i risultati effettivi potrebbero differire in modo sostanziale. Elenchiamo i fattori che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente nei nostri documenti SEC, che sono disponibili sul nostro sito web.

10 azioni che ci piacciono di più di Synchrony Financial
Quando oil nostro pluripremiato team di analisti ha una mancia azionaria, può pagare per ascoltare. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Advertisement

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni per gli investitori da acquistare in questo momento… e Synchrony Financial non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Vedi i 10 titoli

*Stock Advisor torna a partire dal 9 gennaio 2023

Durante la chiamata, faremo riferimento a misure finanziarie non GAAP nel discutere le prestazioni dell’azienda. Puoi trovare una riconciliazione di queste misure con le misure finanziarie GAAP nei nostri materiali per la chiamata di oggi. Infine, Synchrony Financial non è responsabile e non modifica né garantisce l’accuratezza delle nostre trascrizioni di teleconferenze sugli utili fornite da terzi. Gli unici webcast autorizzati si trovano sul nostro sito web.

Advertisement

Stamattina alla chiamata ci sono Brian Doubles, presidente e amministratore delegato di Synchrony, e Brian Wenzel, vicepresidente esecutivo e direttore finanziario. Ora passerò la chiamata a Brian Doubles.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Grazie, Kathryn, e buongiorno a tutti. Synchrony ha chiuso l’anno con una nota molto forte con un utile netto del quarto trimestre di 577 milioni, o 1,26 dollari per azione diluita; un rendimento del patrimonio medio del 2,2%; e un ritorno sul capitale comune tangibile del 22,1%. Questi risultati finanziari hanno contribuito a un utile netto per l’intero anno 2022 di oltre $ 3 miliardi, o $ 6,15 per azione diluita, il nostro secondo più alto nella storia dell’azienda; un rendimento del patrimonio medio del 3,1%; e un ritorno sul capitale comune tangibile del 28,5%. Questa performance è stata guidata dalla forza continua dei fattori fondamentali della nostra attività e da un alto livello di esecuzione delle nostre priorità strategiche chiave durante tutto l’anno.

Abbiamo raggiunto un volume di acquisti record di 180 miliardi per l’intero anno, che ha superato il record dell’anno precedente ed è stato superiore del 15% su base core. La spesa per account attivo è stata superiore del 7% per l’anno, riflettendo la forte domanda dei consumatori attraverso l’ampia gamma di prodotti e servizi per i quali Synchrony offre finanziamenti flessibili. Abbiamo inoltre acquisito 23,6 milioni di nuovi account e aumentato la media degli account attivi dell’8% su base core. La combinazione di una forte spesa al consumo e una certa moderazione nel tasso di pagamento ha contribuito a porre fine alla crescita dei crediti del 15%.

Advertisement

Come previsto, il credito ha continuato a normalizzarsi in tutto il nostro portafoglio con perdite per l’intero anno del 3%, ancora più di 250 punti base al di sotto del nostro obiettivo di sottoscrizione dal 5,5% al ​​6%, che è generalmente il livello al quale il nostro margine corretto per il rischio è più pienamente ottimizzato. Infine, Synchrony ha continuato a guidare i progressi verso il nostro obiettivo di efficienza operativa a lungo termine, riflettendo gli impatti combinati della nostra disciplina dei costi, la leva operativa intrinseca nel nostro modello altamente scalabile e la forte crescita dei ricavi. La capacità di Synchrony di offrire una crescita costante e forti rendimenti è una testimonianza del nostro portafoglio ben diversificato, del nostro approccio equilibrato alle strategie di prodotto e di credito, delle nostre convincenti proposte di valore e della forza del nostro modello di business. Di conseguenza, Synchrony è stata in grado di restituire oltre 3,8 miliardi di capitale agli azionisti nel 2022, di cui 3,3 miliardi attraverso il riacquisto di azioni, una riduzione del 17% delle nostre azioni in circolazione.

Quando guardiamo indietro al 2022 e al calibro dei risultati che siamo stati in grado di fornire ai nostri clienti, ai nostri partner e fornitori e ai nostri azionisti, tutto torna davvero alla dedizione condivisa dal team Synchrony mentre realizziamo il nostro obiettivo finale: potenziare il commercio offrendo un ecosistema digitale leader, collegando i nostri partner e clienti a tecnologia, prodotti e capacità di livello mondiale. Nell’ultimo anno, Synchrony ha sfruttato i punti di forza fondamentali del nostro modello di business differenziato eseguendo le priorità strategiche chiave che stanno guidando il progresso verso tale obiettivo collettivo. Abbiamo continuato ad espandere e migliorare i nostri programmi per i partner, inclusa l’aggiunta di oltre 30 partner e il rinnovo di oltre 50 relazioni, tra cui, più recentemente, Lowe’s, con cui abbiamo collaborato per oltre quattro decenni per promuovere l’innovazione e il valore per entrambi i loro clienti fai-da-te e professionisti. Synchrony ha inoltre continuato a diversificare i nostri prodotti, programmi e mercati durante il 2022, ampliando la nostra portata ed espandendo l’utilità e il valore che offriamo ai nostri clienti e partner.

Continuiamo a ridimensionare la nostra suite di prodotti diversificata con il lancio della rata di Synchrony e dei prodotti BNPL presso numerosi rivenditori e fornitori, tra cui Belk e Discount Tire. Queste offerte a pagamento fisso rappresentano un altro strumento finanziario che possiamo offrire ai clienti idonei, promuovendo al contempo vendite incrementali ai nostri partner e fornitori. E che si tratti di fornire offerte di finanziamento flessibili in uno studio dentistico, connettere un cliente con un grande partner attraverso una transazione mobile senza soluzione di continuità o promuovere vendite incrementali presso piccole e medie imprese, Synchrony incontra i nostri clienti, partner e fornitori ovunque si trovino nel loro digitale o viaggio al dettaglio e consegnare il prodotto giusto al momento giusto. Per questo motivo, nell’ultimo anno abbiamo avviato una serie di partnership strategiche per espandere i nostri canali di distribuzione e ampliare l’accesso dei clienti alla nostra suite di prodotti completa.

Attraverso le integrazioni con le piattaforme di gestione dei punti vendita e aziendali come Clover e le soluzioni di gestione degli studi come Sycle, Synchrony ha aggiunto centinaia di migliaia di sedi di piccole imprese e diverse migliaia di sedi di fornitori attraverso le quali possiamo offrire in modo semplice e responsabile l’accesso a finanziamenti flessibili. Alla fine dell’anno, Synchrony contava più di 460.000 sedi di fornitori di servizi commerciali e 71 milioni di clienti attivi. Quindi, se si pensa alla vastità e alla portata dei collegi elettorali che serviamo e all’ampia gamma di esigenze di finanziamento che forniamo attraverso esperienze omnicanale, non dovrebbe sorprendere che la nostra piattaforma tecnologica dinamica sia al centro di tutto. Durante l’ultimo anno, Synchrony ha continuato a innovare e scalare le nostre capacità digitali per garantire che possiamo rimanere in prima linea nel panorama in continua evoluzione del finanziamento al consumo.

Advertisement

Abbiamo promosso un maggiore coinvolgimento dei clienti mobili attraverso una serie di iniziative, tra cui il provisioning del portafoglio digitale e l’app Synchrony. La fornitura di account per l’utilizzo del portafoglio digitale nel 2022 è aumentata del 75% rispetto allo scorso anno, contribuendo all’85% della crescita delle vendite del portafoglio mobile. E per quanto riguarda la nostra app mobile, abbiamo aggiornato le pipeline del nostro sito all’ultima versione, che offre nuove funzionalità, tra cui una nuova esperienza utente, blocca la mia carta, estratti conto elettronici, pagamento automatico, applica e provisioning Apple pay push. Di conseguenza, i visitatori unici ei pagamenti all’interno del canale SyPi sono cresciuti ciascuno di oltre il 20% rispetto allo scorso anno.

Nel mondo odierno tecnologicamente all’avanguardia, un’esperienza cliente di prim’ordine è caratterizzata da un coinvolgimento continuo, intuitivo e iper-personalizzato. Ciò, a sua volta, richiede una comprensione più completa di ciascun cliente mentre lo mettiamo in contatto con partner e fornitori e anticipiamo quali prodotti e servizi ottimizzeranno l’esperienza. Per questo motivo, promuoviamo costantemente integrazioni più approfondite, sfruttando informazioni più predittive e fruibili in tutto il nostro ecosistema digitale e sviluppando soluzioni basate sulle nostre informazioni sull’esperienza del cliente. Nell’ultimo anno, Synchrony ha registrato una crescita di oltre il 70% nel numero di applicazioni che utilizzano le nostre API e una crescita di oltre l’80% nelle transazioni API, anche da parte dei nostri clienti e partner che sfruttano le API di Synchrony per potenziare la loro esperienza digitale.

La nostra partnership con PayPal è un ottimo esempio di come, insieme, continuiamo a sfruttare più API per migliorare le nostre offerte e offrire un’esperienza ancora più fluida per i loro clienti. Nel primo trimestre, abbiamo lanciato PayPal Savings, che ha consentito il movimento istantaneo di fondi tra i saldi PayPal, nessun limite di prelievo e una funzione di obiettivo di risparmio per consentire ai clienti di impostare e raggiungere i propri obiettivi finanziari. Inoltre, i clienti PayPal esistenti possono aprire rapidamente e facilmente il proprio conto di risparmio PayPal all’interno della super app di PayPal. Nel secondo trimestre, abbiamo lanciato la nostra nuova e rinnovata carta di credito cashback PayPal in co-branding con un’offerta cashback migliore della categoria e un’esperienza completamente integrata all’interno dell’app PayPal alimentata da API native.

E nel quarto trimestre, abbiamo migliorato la nostra proposta di valore quotidiano sulla carta in co-branding Venmo introducendo pagamenti gratuiti da persona a persona. La commissione del 3% viene esentata per il consumatore quando utilizza il proprio visto Venmo. Siamo davvero soddisfatti di ciò che i team PayPal e Synchrony sono stati in grado di eseguire man mano che cresciamo e ci evolviamo in modi nuovi e unici, potenziando i prodotti di fascia alta e le migliori esperienze per i nostri clienti. Synchrony ha anche lanciato la nostra nuova piattaforma di servizi per i titolari di carta in molti dei nostri portafogli più grandi nel 2022.

Advertisement

Questa nuova piattaforma offre ai clienti la possibilità di servire i propri conti in un’unica dashboard e abilita un’ampia suite di notifiche sui conti in ogni aspetto del ciclo di vita del credito. Queste notifiche includono una serie di avvisi di transazione istantanei, tutti migliorati con dati del commerciante arricchiti e un’esperienza di servizio digitale completamente riprogettata. Oltre agli avvisi di testo ed e-mail, siamo in grado di fornire queste notifiche e avvisi direttamente all’interno delle app iOS e Android dei nostri partner sfruttando la nostra piattaforma SyPi brevettata, continuando a migliorare l’esperienza dei clienti all’interno dei marchi dei nostri partner. Sebbene questo nuovo account manager sia ancora nelle sue fasi iniziali, abbiamo osservato alcune forti tendenze in risposta al lancio.

Il 60% di coloro che effettuano l’accesso ha più di un account e l’80% dei nostri utenti ha dichiarato che la propria esperienza è stata facile o molto facile da usare e un fattore determinante della propria soddisfazione. In effetti, questa interfaccia più dinamica ha ottenuto un miglioramento a due cifre nel nostro punteggio di promotore netto transazionale rispetto al nostro precedente sito di gestione degli account. Questa nuova piattaforma coprirà l’ampia gamma di prodotti finanziari offerti da Synchrony e consentirà esperienze intuitive, self-service e altamente personalizzate e personalizzate, una maggiore velocità di immissione sul mercato di funzionalità e soluzioni per i nostri partner e un modo più efficace per Synchrony di coinvolgere, potenziare e approfondire le nostre relazioni. Di conseguenza, mentre continuiamo a ridimensionare e integrare più dei nostri prodotti nel prossimo anno, riteniamo che questo account manager potenziato diventerà uno strumento sempre più potente per favorire un coinvolgimento di qualità superiore e un valore più profondo per i nostri clienti s, partner e Synchrony allo stesso modo.

A tal fine, rimaniamo anche concentrati sulla promozione di una maggiore connettività tra le nostre vaste basi di clienti e partner con l’espansione del nostro marketplace Synchrony. Mysynchrony.com mette in contatto i clienti con informazioni e offerte pertinenti di marchi di cui si fidano. Queste offerte sono alimentate da approfondimenti proprietari che Synchrony ha raccolto attraverso una varietà di risorse, inclusa l’attività di ricerca online all’interno della propria categoria di acquisto e posizione per fornire offerte personalizzate al pubblico giusto al momento giusto. Mentre continuiamo a migliorare questo livello di personalizzazione e capacità di lancio, come la prequalificazione all’interno del nostro mercato nell’ultimo anno, mysynchrony.com ha ottenuto un aumento del 25% sia nei nuovi account che nelle vendite, nonché una crescita dell’11% nelle segnalazioni ai nostri partner.

Questa è una testimonianza delle profonde relazioni con i clienti che i nostri prodotti di rete favoriscono. La capacità di Synchrony di sfruttare i nostri mercati, come mysynchrony.com o carecredit.com, per indirizzare il traffico di clienti nuovi ed esistenti, nonché vendite incrementali e ripetute ai nostri partner, è stata e continuerà ad essere un significativo elemento di differenziazione competitiva e un’importante crescita driver per la nostra attività a lungo termine. In sintesi, Synchrony è sempre più presente ovunque i nostri clienti stiano cercando di effettuare un acquisto o un pagamento. Grandi o piccoli, di persona o digitalmente, possiamo incontrarli quando e come vogliono essere accolti con un’ampia gamma di prodotti e servizi per soddisfare le loro esigenze in un dato momento.

Advertisement

Questa capacità di offrire la versatilità del nostro ecosistema finanziario senza soluzione di continuità attraverso canali, settori, partner e fornitori è ciò che ha posizionato Synchrony così bene per crescere in modo sostenibile, in particolare con l’evolversi delle esigenze dei clienti e delle condizioni di mercato. E con ciò, passerò la chiamata a Brian per discutere in modo più dettagliato la performance finanziaria del quarto trimestre.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Grazie, Brian, e buongiorno a tutti. I forti risultati del quarto trimestre di Synchrony dimostrano la potenza del modello di business appositamente costruito di Synchrony al lavoro. La diversificazione del nostro portafoglio tra settori e categorie di spesa, supportata da una sofisticata sottoscrizione e da una gestione disciplinata del credito, ha consentito una continua crescita del volume degli acquisti che ha superato il livello record dello scorso anno. Inoltre, l’allineamento degli interessi economici tra Synchrony ei nostri partner attraverso i nostri accordi di condivisione dei rivenditori sta funzionando come previsto.

Escludendo l’impatto delle vendite di portafoglio, il nostro RSA è diminuito poiché le perdite su crediti continuano a normalizzarsi e i costi di finanziamento hanno iniziato a salire, consentendo a Synchrony di ottenere rendimenti aggiustati per il rischio costanti e interessanti, come abbiamo fatto per molti anni. La scalabilità e l’efficienza della nostra piattaforma tecnologica dinamica ci consentono di sfruttare la leva operativa anche mentre investiamo nella nostra attività. E il solido bilancio di Synchrony ha continuato a supportare i nostri clienti e partner man mano che le loro esigenze si evolvono. In combinazione, questi driver di business hanno continuato a posizionare in modo univoco Synchrony nella nostra capacità di fornire risultati sostenibili per i nostri clienti e i nostri partner e rendimenti costanti per i nostri azionisti anche quando le condizioni di mercato cambiano.

Advertisement

Parliamo ora più dettagliatamente dei risultati finanziari del quarto trimestre di Synchrony. Il volume degli acquisti è cresciuto del 2% a 47,9 miliardi di dollari, riflettendo una spesa per account superiore del 3% rispetto allo scorso anno. Su base core, il volume degli acquisti è cresciuto dell’11%. Questa continua forza nel volume degli acquisti è stata ampiamente diffusa in tutto il nostro portafoglio, dimostrando l’ampiezza e la profondità delle nostre cinque piattaforme di vendita, le convincenti proposte di valore che offriamo e la continua domanda dei consumatori.

A livello di piattaforma, Synchrony ha ottenuto una crescita a due cifre nel nostro valore diversificato, salute e benessere e piattaforme digitali e una crescita a una cifra nelle nostre piattaforme per la casa, l’auto e lo stile di vita. Più specificamente, in termini di valore diversificato, il volume degli acquisti è aumentato del 15% a causa di una maggiore spesa al di fuori dei partner, oltre alle prestazioni dei partner e alla crescita della penetrazione. L’aumento del 10% anno su anno del volume degli acquisti digitali riflette la crescita degli account attivi medi e il maggiore coinvolgimento dei clienti. Il volume degli acquisti di salute e benessere è cresciuto del 15% rispetto allo scorso anno, poiché abbiamo registrato un’ampia crescita degli account attivi, nonché una spesa maggiore per account attivo.

Nel settore casa e auto, il volume degli acquisti è aumentato del 9%, riflettendo generalmente una forte spesa per la casa e prezzi più elevati per i mobili. E nello stile di vita, il volume degli acquisti è stato superiore del 2%, guidato da maggiori spese esterne al partner. Passando alle carte dual e co-branded di Synchrony, dove continuiamo a registrare una forte crescita. Il volume degli acquisti principali di questi prodotti è cresciuto del 21% rispetto allo scorso anno e ha rappresentato circa il 40% del nostro volume totale di acquisti per il trimestre.

Come abbiamo discusso in passato, i nostri clienti traggono grande valore dalle nostre carte dual e co-brand perché combinano i premi migliori della categoria con un’ampia utilità. In generale, circa la metà della nostra spesa esterna al partner è costituita da spese non discrezionali per pagamento delle bollette, discount, farmacia, assistenza sanitaria, alimentari, auto e gas. E mentre abbiamo osservato alcuni piccoli spostamenti di categoria durante il mese di dicembre, ad esempio, dalla spesa correlata a T&E verso una maggiore spesa per abbigliamento e altra vendita al dettaglio, nonché una riduzione della spesa relativa a auto e gas verso una maggiore spesa per generi alimentari e sconti, il relativo mix di discrezionale di Synchrony e la spesa non discrezionale al di fuori del partner è rimasta sostanzialmente invariata. La spesa dei consumatori costantemente forte, unita a una certa moderazione nel tasso di pagamento, ha contribuito con saldi medi per conto superiori del 10% rispetto allo scorso anno e una crescita del 50% in tutti i crediti.

Advertisement

Le nostre carte dual e co-branded hanno rappresentato il 24% dei crediti principali e sono aumentate del 28% rispetto all’anno precedente. Il margine di interesse è aumentato del 7% a 4,1 miliardi, riflettendo principalmente un aumento del 13% degli interessi e delle commissioni dovuto a crediti medi su crediti più elevati e rendimenti attivi su crediti più elevati, parzialmente compensati dagli impatti del portafoglio ceduto durante il secondo trimestre 2022. Su un core base, interessi e commissioni sono aumentati del 21%. Il tasso di pagamento per il quarto trimestre, normalizzato per l’impatto dell’anno precedente dei portafogli recentemente venduti, è stato del 17%, circa 75 punti base in meno rispetto allo scorso anno e circa 160 punti base in più rispetto alla nostra media storica quinquennale.

Il margine di interesse netto è stato del 15,58% nel quarto trimestre, con una diminuzione anno su anno di 19 punti base. Il fattore principale del calo è stato l’aumento dei costi delle passività fruttifere di interessi, che sono aumentati di 168 punti base al 2,86% e hanno ridotto il margine di interesse netto di 136 punti base. Anche il mix di attività fruttifere ha ridotto il margine di interesse di circa sei punti base. Questi venti contrari sono stati parzialmente compensati da un miglioramento di 92 punti base nei rendimenti dei prestiti, che ha contribuito per 79 punti base al margine di interesse netto, e dal rendimento del nostro portafoglio di liquidità, che ha contribuito per 44 punti base.

Gli RSA sono stati di $ 1 miliardo nel quarto trimestre e il 4,68% dei crediti medi per prestiti. Il calo di 224 milioni di dollari su base annua è stato determinato principalmente dall’impatto dei portafogli venduti nel secondo trimestre del 2022 e da maggiori addebiti netti, parzialmente compensati da maggiori proventi da interessi netti. L’accantonamento per perdite su crediti è stato di 1,2 miliardi di dollari per il trimestre. L’aumento anno su anno riflette l’impatto di una creazione di riserve di $ 425 milioni guidata dalla crescita e maggiori addebiti netti.

Gli altri proventi sono diminuiti di 137 milioni di dollari, riflettendo principalmente l’impatto del guadagno in investimenti di rischio dell’anno precedente e i maggiori costi di fidelizzazione del trimestre in corso guidati dal nostro forte volume di acquisti. Le altre spese sono aumentate del 3% a 1,2 miliardi di dollari, principalmente a causa dell’aumento dei costi del personale, degli investimenti tecnologici e del volume delle transazioni, parzialmente compensati da 75 milioni di dollari di svalutazioni di attività e alcuni investimenti di marketing incrementali rilevati nel periodo precedente. I costi dei dipendenti del quarto trimestre includevano alcuni elementi retributivi aggiuntivi di $ 21 milioni, una maggiore retribuzione basata su azioni e un numero di dipendenti più elevato guidato dalla crescita dell’insourcing. Il totale delle altre spese includeva 12 milioni di dollari di ulteriori reinvestimenti di marketing e crescita rispetto ai 120 milioni di dollari di guadagno sui proventi della vendita del secondo trimestre.

Advertisement

Come dettagliato nell’appendice della nostra presentazione, il guadagno di $ 120 milioni sulla vendita e sul reinvestimento realizzato nel secondo, terzo e quarto trimestre di quest’anno è stato neutrale per l’utile per azione per l’intero anno 2022. Il nostro rapporto di efficienza per il quarto trimestre è stato del 37,2% , rispetto al 41,1% dello scorso anno. Mettendo tutto insieme, Synchrony ha generato utili netti nel quarto trimestre di $ 577 milioni, o $ 1,26 per azione diluita. Abbiamo inoltre generato un rendimento medio delle attività del 2,2% e un rendimento del patrimonio comune tangibile del 22,1%.

Successivamente, tratterò le nostre principali tendenze del credito nella diapositiva 10. [Inaudible] il beta di deposito che monitoriamo continua a riflettere una lenta riduzione dei risparmi dei consumatori. I saldi medi dei depositi alla fine di dicembre erano in calo di circa il 5% rispetto al picco di marzo del 2022, ma ancora di circa l’1% in più rispetto alla media del 2021 e del 12% in più rispetto alla media del 2020. Su base tendenziale annualizzata, il calo dei risparmi iniziato intorno al picco del 22 marzo sembra aver iniziato a rallentare a dicembre, soprattutto in termini di intensità.

Passando al portfolio di Synchrony. La normalizzazione del credito è proseguita come previsto durante il quarto trimestre. Le annate stanno ancora ottenendo risultati migliori rispetto al 2018 e i tassi di ingresso in mora rimangono inferiori alla media storica e circa l’80% dei loro livelli pre-pandemia. Detto questo, poiché i tassi di risparmio dei consumatori sono diminuiti, il comportamento di pagamento dei prestiti sta tornando ai livelli pre-pandemici con la normalizzazione dei tassi di entrata nella delinquenza e tassi di rinnovo più elevati nelle prime fasi di insolvenza dopo gli addebiti.

Questa tendenza è continuata nel quarto trimestre poiché le tendenze alla normalizzazione dei tassi di pagamento si sono espanse dai segmenti non prime del nostro portafoglio ai segmenti prime e super prime, dove i saldi medi in essere tendono ad essere maggiori. Relativamente ai crediti di fine periodo, il nostro tasso di insolvenza di oltre 30 anni è stato del 3,65%, rispetto al 2,62% dello scorso anno. E il nostro tasso di insolvenza di oltre 90 anni è stato dell’1,69% contro l’1,17% dell’anno precedente. Nel nostro quarto trimestre, il tasso di addebito netto è aumentato al 3,48% dal 2,37% dello scorso anno, rimanendo ancora ben al di sotto del nostro obiettivo di sottoscrizione dal 5,5% al ​​6%, a quel punto, il rischio di credito del portafoglio è ottimizzato meglio rispetto alla redditività.

Advertisement

La nostra indennità per perdite su crediti come percentuale dei crediti su prestiti è stata del 10,30%, in calo di 28 punti base rispetto al 10,58% del terzo trimestre, riflettendo principalmente l’impatto di un aumento delle riserve guidato dalla crescita degli asset, che è più che compensato dall’impatto di crescita dei crediti al denominatore. Passando a un’altra fonte di maggiore forza: il nostro capitale, liquidità e finanziamento. I depositi alla fine del quarto trimestre hanno raggiunto i 71,7 miliardi, in aumento di 9,4 miliardi rispetto allo scorso anno. Le nostre fonti di finanziamento cartolarizzate e non garantite sono diminuite di 360 milioni di dollari.

Complessivamente, i depositi rappresentano l’84% della nostra raccolta, mentre il debito cartolarizzato e non garantito rappresentava rispettivamente il 7% e il 9% alla fine del trimestre. La liquidità totale, comprese le linee di credito non utilizzate, è stata di $ 17,2 miliardi, ovvero il 16,4% delle nostre attività totali, in linea con lo scorso anno. Manteniamo un approccio diversificato sia alla nostra base di depositi che alle emissioni di debito garantite e non garantite e diamo priorità a una base di finanziamento solida ed efficiente di almeno l’80% di depositi. Prevediamo di continuare ad aumentare i nostri depositi per finanziare la nostra crescita e manterremo un approccio opportunistico alle emissioni garantite e non garantite quando le condizioni di mercato saranno favorevoli a finanziamenti efficienti.

Gestiamo il nostro bilancio in modo che sia neutrale rispetto ai tassi di interesse. Detto questo, mentre continuiamo a far crescere la nostra base di deposito e dato il livello dei tassi di interesse, i consumatori stanno attivamente passando dai risparmi ai CD. Ciò ha avuto l’effetto di estendere la durata del nostro deposito o di rendere i nostri bilanci leggermente sensibili alle passività. Continueremo a gestire il rischio di tasso di interesse attraverso le scadenze a termine.

È anche importante notare che attraverso il reciproco allineamento dell’interesse economico e la consegna di un rendimento minimo sulle attività a livello di programma partner, i titoli RSA forniranno un supporto compensativo all’impatto dell’aumento dei tassi di interesse sulla nostra attività. Passando alla discussione della posizione patrimoniale di Synchrony. Si noti che in precedenza abbiamo scelto di trarre vantaggio dalle regole di transizione CECL emesse dalle agenzie bancarie federali congiunte. Di conseguenza, a partire dallo scorso gennaio del 2022 e proseguendo nel gennaio del 2023, Synchrony effettua un aggiustamento annuale di transizione di circa 60 punti base per le metriche del capitale regolamentare fino a gennaio del 2025.

Advertisement

L’i L’impatto di CECL è già stato riconosciuto nel nostro conto economico e stato patrimoniale. Va inoltre notato che l’aggiornamento FASB CECL per la contabilizzazione dei TDR entra in vigore per Synchrony a partire da gennaio 2023. Questo aggiornamento del principio contabile elimina la guida separata per il riconoscimento e la misurazione dei TDR, che in precedenza presentavano un processo separato utilizzando una metodologia di flusso di cassa scontato per quantificare l’obbligo di riserva specifico del TDR. Synchrony adotterà questo aggiornamento su base retrospettiva modificata a partire dal 1° gennaio 2023.

Sulla base della nostra stima attuale, l’adozione comporterà una riduzione di circa $ 300 milioni del nostro saldo di riserva, che riconosciamo al netto delle imposte e del patrimonio netto. E qualsiasi impatto dell’adozione contribuirà a un aumento di circa 25 punti base ai nostri coefficienti patrimoniali. Dal punto di vista della metrica del capitale, abbiamo chiuso il trimestre al 12,8% CET1 secondo le regole di transizione CECL, 280 punti base in meno rispetto al livello dello scorso anno del 15,6%. Il coefficiente patrimoniale Tier 1 era del 13,6% delle regole di transizione CECL, rispetto al 16,5% dello scorso anno.

Il coefficiente patrimoniale totale è diminuito di 280 punti base al 15%. E il Tier 1 capital plus reserve ratio, su base pienamente graduale, è sceso al 22,4%, rispetto al 24,4% dello scorso anno. Synchrony ha confermato il nostro track record di robusti rendimenti di capitale nel quarto trimestre. In totale, abbiamo restituito 803 milioni di dollari agli azionisti attraverso 700 milioni di riacquisti di azioni e 103 milioni di dollari di dividendi in azioni ordinarie.

Alla fine del trimestre, la nostra autorizzazione totale al riacquisto di azioni rimanenti per il periodo che termina a giugno 2023 era di 700 milioni di dollari. Synchrony rimane ben posizionata per continuare a restituire il capitale agli azionisti come guidato dalla nostra performance aziendale, dalle condizioni di mercato, dalle restrizioni normative e soggetto al nostro piano di capitale. Mentre facciamo ulteriori progressi verso i nostri livelli di capitale target, cerchiamo di sviluppare la nostra struttura di capitale attraverso l’emissione di ulteriori azioni privilegiate e l’emissione di debito subordinato. Infine, passiamo alle nostre prospettive per il 2023 per l’intero anno, riassunte nella diapositiva 13 della nostra presentazione.

Advertisement

Prevediamo che una forte domanda da parte dei consumatori per l’ampia varietà di prodotti e servizi che finanziamo sosterrà la continua crescita del volume di acquisti su vasta scala. Poiché i risparmi in eccesso dei consumatori continuano a diminuire, i tassi di crescita del volume di acquisto su base annua dovrebbero rallentare. Anche i tassi di pagamento dovrebbero continuare a moderarsi, ma si prevede che rimangano al di sopra dei livelli pre-pandemia per tutto il 2023. Insieme, queste dinamiche dovrebbero contribuire a porre fine alla crescita dei crediti tra l’8% e il 10%.

Prevediamo che il nostro margine di interesse netto sarà compreso tra il 15% e il 15,25% per l’intero anno e seguirà le tipiche tendenze stagionali. Questa previsione si basa su un tasso massimo dei Fed funds del 5,25% e incorpora i seguenti cinque impatti nel corso del 2023: uno, l’aumento del costo delle passività fruttifere a causa di tassi di riferimento più elevati e le potenziali pressioni competitive o maggiori beta dei depositi al dettaglio per far fronte al finanziamento esigenze; due, maggiori rendimenti per interessi e commissioni, parzialmente controbilanciati da maggiori inversioni di reddito man mano che la delinquenza e gli addebiti continuano a normalizzarsi; tre, un aumento del rendimento del nostro portafoglio di liquidità, che riflette principalmente i tassi di riferimento più elevati; quattro, la fluttuazione del mix di crediti medi per prestiti rispetto alle attività fruttifere medie, determinata dalle tendenze di crescita stagionali e dai tempi dei nostri finanziamenti; e cinque, l’impatto sull’intero anno del portafoglio venduto durante il secondo trimestre 2022. Prima di passare alle nostre prospettive di credito, è importante notare che ci sono una serie di incertezze che potrebbero cambiare le nostre aspettative e la traiettoria dell’attuale normalizzazione. Abbiamo maggiore visibilità per la prima metà di quest’anno.

E qualsiasi cambiamento significativo nel contesto macroeconomico a medio termine avrebbe più probabilmente un impatto sulle tendenze del credito di portafoglio nel 2024. Per quanto riguarda la traiettoria del credito del nostro portafoglio nel 2023, prevediamo che la maggior parte delle metriche di insolvenza del portafoglio abbia raggiunto livelli normalizzati o equivalenti a quelli pre-pandemia livelli entro la metà dell’anno. Di conseguenza, gli addebiti associati raggiungeranno i livelli pre-pandemia circa sei mesi dopo. L’impatto stagionale dei rimborsi fiscali e dei bonus nel primo semestre e l’accelerazione della crescita dei crediti nel terzo trimestre porteranno probabilmente a un calo del tasso di addebito netto per il terzo trimestre prima che le perdite su crediti aumentino e continuino il percorso di normalizzazione fino al quarto trimestre.

Data la nostra aspettativa che le metriche di insolvenza raggiungeranno i livelli pre-pandemia entro la metà dell’anno, prevediamo che gli addebiti netti saranno compresi tra il 4,75% e il 5% per l’intero anno, ancora notevolmente al di sotto del nostro obiettivo di tasso di perdita annuale pre-pandemia del 5,5% al 6%. Eravamo in molteplici scenari economici per informare le nostre prospettive di credito come parte del nostro normale processo aziendale. Le nostre ipotesi di riserva di base includono un tasso di disoccupazione di circa il 4,2% entro la fine dell’anno. Abbiamo sovrapposizioni qualitative per l’attuale incertezza e la possibilità di una lieve recessione.

Advertisement

In questo scenario, ci aspetteremmo che il livello di disoccupazione si avvicini al 5%. Ciò si riflette nel nostro tasso di riserva del quarto trimestre 2022, che è ancora superiore al nostro tasso CECL del primo giorno. Salvo cambiamenti significativi nell’ambiente macroeconomico, non prevediamo che il nostro portafoglio rifletta il nostro obiettivo di tasso di perdita annuale completamente normalizzato fino al 2024. Di conseguenza, continuiamo a prevedere che gli aumenti delle riserve nel 2023 saranno generalmente guidati dagli asset e che il tasso di riserva diminuirà gradualmente migrare verso circa il 10% poiché la normalizzazione del credito riporta gli addebiti netti del nostro portafoglio a quel tasso di perdita annuale medio, che abbiamo sottoscritto.

Le spese RSA continueranno a fungere da allineamento funzionale degli interessi economici con i nostri partner, riflettendo la forza delle prestazioni del nostro programma e la crescita del volume degli acquisti, compensata dall’aumento degli addebiti netti. Di conseguenza, prevediamo che l’RSA, come percentuale dei crediti medi sui prestiti, sia compreso tra il 4% e il 4,25%. Se il credito dovesse normalizzarsi a un ritmo più lento di quanto ci aspettiamo, gli RSA probabilmente si avvicineranno alla fascia alta di tale intervallo. E nella misura in cui i costi di finanziamento o gli addebiti netti salgono alla fascia alta e oltre le nostre ipotesi attuali, ci aspettiamo che l’RSA raggiunga la fascia bassa o inferiore a questo intervallo.

In termini di altre spese, rimaniamo impegnati a fornire una leva operativa tale che le spese crescano a un ritmo più lento rispetto al margine di interesse. La nostra aspettativa per l’intero anno è che le spese saranno di circa $ 1,125 miliardi a trimestre. Nella misura in cui i crediti o la crescita dei ricavi non seguono la crescita delle spese per l’intero anno, modereremo la nostra spesa, ove appropriato, pur dando la priorità alle migliori prospettive a lungo termine per la nostra attività. Come abbiamo dimostrato durante lo scorso anno, il modello finanziario e di business di Synchrony sta funzionando come previsto.

I nostri dati e analisi proprietari, la suite di prodotti diversificata e lo stack tecnologico dinamico ci consentono di raggiungere e approvare più clienti per lo stesso livello di rischio, sfruttando i bassi costi di acquisizione dei clienti e aumentando il valore della vita del cliente. I nostri accordi di condivisione dei rivenditori stanno effettivamente allineando gli interessi economici dei nostri partner con i nostri e, in tal modo, consentono a Synchrony di fornire rendimenti corretti per il rischio coerenti attraverso le mutevoli condizioni di mercato. E un solido bilancio sta fornendo flessibilità di finanziamento mentre cerchiamo di fornire continuità ai nostri clienti e partner quando ne hanno più bisogno. In breve, Synchrony si trova in una posizione unica per offrire una crescita sostenibile e rendimenti corretti per il rischio resilienti anche quando le condizioni di mercato cambiano e le esigenze dei nostri clienti e partner si evolvono.

Advertisement

Rimaniamo sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi operativi finanziari a lungo termine man mano che le condizioni di mercato si stabilizzano. Ora riporterò la chiamata a Brian per i suoi pensieri conclusivi.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Grazie, Brian. Guardando al 2023 e oltre, Synchrony è ben posizionata per affrontare le incertezze dell’ambiente operativo che ci aspetta. Mentre continuiamo a sfruttare il nostro modello di business differenziato per aggiungere nuove e approfondire le relazioni esistenti con clienti e partner, ampliare ulteriormente la nostra suite di prodotti completa, migliorare i nostri programmi ed espandere i nostri mercati e offrire le migliori esperienze incentrate sulle esigenze di finanziamento individuali di ciascun cliente , Synchrony attirerà sempre più nuovi clienti e creerà relazioni più espansive, supporterà la capacità dei nostri partner di crescere attraverso condizioni di mercato in evoluzione e consoliderà la nostra posizione di leadership come ecosistema digitale preferito, il tutto guidando una crescita coerente e di alta qualità a forte rischio- rendimenti adeguati per tutti gli stakeholder. Detto questo, riporterò la chiamata a Kathryn per aprire la sessione di domande e risposte.

Kathryn Miller — Vicepresidente senior, Relazioni con gli investitori

Advertisement

Questo conclude le nostre osservazioni preparate. Inizieremo ora la sessione di domande e risposte. Per poter accogliere il maggior numero possibile di voi, vorrei chiedere ai partecipanti di limitarsi a una domanda principale e una di follow-up. In caso di ulteriori domande, il team per le relazioni con gli investitori sarà disponibile dopo la chiamata.

Operatore, avvia la sessione di domande e risposte.

Domande e risposte:

Operatore

[Operator instructions] Risponderemo alla prima domanda di Moshe Orenbuch del Credit Suisse. La tua linea è aperta.

Advertisement

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Grande. Grazie mille e grazie per tutti i dettagli sulla guida e le prestazioni. Penso, sai, Brian, che è Brian Doubles, hai parlato molto di alcuni dei miglioramenti ai tuoi prodotti. Forse potresti solo amplificare un po’ il modo in cui stai pensando, conosci il ruolo di Synchrony con i tuoi partner in questo ambiente attuale? Voglio dire, sembra che questo sia un ambiente in cui sei – e quello che sento dai rivenditori che, sai, avranno più bisogno del tuo aiuto.

Parla solo un po ‘di come pensare – sai, come pensare, sai, le cose di cui hai parlato che stai facendo e come questo aiuterà Synchrony e i suoi azionisti.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Advertisement

Sì, certo, Moshe. Grazie per la domanda. Sai, hai assolutamente ragione. Penso, sai, i nostri partner, in un ambiente come questo, tendono ad appoggiarsi a noi ancora più pesantemente.

Sai, è – c’è molta incertezza là fuori di cui tutti abbiamo parlato in termini di tendenze e comportamenti dei consumatori e cosa possiamo aspettarci dall’inflazione e solo una specie di ampia incertezza intorno al macroambiente. E così, i nostri partner ci guardano e dicono: “OK, cosa stiamo facendo per incrementare le vendite? Cosa stiamo facendo per generare nuovi account?” Questo è quando si appoggiano ancora più pesantemente ai programmi di ricompensa. E i clienti del credito di cui abbiamo parlato in passato sono sempre i loro clienti migliori e più fedeli. E quindi, in questo tipo di ambiente, è qui che raddoppiano davvero.

E abbiamo discussioni davvero costruttive in merito al fatto che dovremmo aggiornare il val prop, dovremmo fare più promozioni, più offerte. Ci sono nuove capacità e nuovi prodotti che dovremmo introdurre? E abbiamo avuto discussioni davvero interessanti con i nostri partner, in particolare sulla strategia multiprodotto. Quindi, la combinazione di essere in grado di offrire un prodotto di credito rotativo e una rata, prestiti con acquisto immediato e pagamento successivo e il modo in cui questi prodotti funzionano insieme. E una delle cose su cui – come sai, ci siamo concentrati molto – in quel viaggio multiprodotto è creare un’esperienza facile per il cliente ma anche un’esperienza davvero facile per il partner.

Quindi, come offri più prodotti e utilizzi la nostra analisi basata sui dati per assicurarti che il cliente, il suo cliente, riceva il prodotto giusto, l’offerta giusta al momento giusto? E penso che in un ambiente in cui ci stiamo dirigendo, questo diventi ancora più importante. Quindi, sai, tornando indietro al nostro Investor Day, abbiamo parlato di quella strategia. Ci abbiamo dedicato molto tempo. E credo, ancora oggi, che la strategia multiprodotto sia quella vincente.

Advertisement

E lo sentiamo dai nostri partner. Sono molto coinvolti in esso. E penso che, nel tempo, questo pagherà dividendi per Synchrony e tutti i nostri stakeholder. Quindi, grazie per la domanda.

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Grande. Forse solo per passare questo a Brian Wenzel. Considerando tutto ciò, sai, gli aspetti finanziari, sai, dove sono le aree in cui pensi, sai, questo potrebbe, sai — questo potrebbe essere d’aiuto, sai ora, o è già incorporato in quella guida o potrebbe – sai, le cose potrebbero andare meglio mentre attraversiamo il 2023?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Advertisement

Sì. Grazie mille per la domanda. Sai, mentre ci penso, quell’impegno per guidare davvero la proposta di valore convincente e il collegamento con il cliente può davvero guidare, quello che direi, spendere probabilmente al di sopra di quello che vedresti lì nelle vendite al dettaglio o nell’economia generale. Quindi, ciò aiuterebbe anche ad alimentare un tasso di pagamento inferiore.

Quindi, penso che tu possa vedere un vantaggio per l’asset da 8 a 10 che – se questo guadagna molta trazione nel 2023.

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Grazie mille.

Advertisement

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Grazie, Moshe.

Operatore

Risponderemo alla nostra prossima domanda da Ryan Nash con Goldman Sachs. La tua linea è aperta.

Advertisement

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Ehi, buongiorno, ragazzi.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Buongiorno Ryan.

Advertisement

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Brian, forse inizierò solo con la guida alla crescita del prestito. Puoi forse semplicemente decomprimere alcuni dei driver dietro di esso? Penso che tu abbia menzionato, sai, 30 nuovi affari vinti. Brian Wenzel, hai parlato del rallentamento dei tassi di pagamento e anche, sai, forse delle aspettative per la crescita del volume degli acquisti. E poi, immagino, qualsiasi colore su quali piattaforme ti aspetti di guidare la crescita appena data, sai, la robusta crescita che hai visto insieme a, sai, mutevoli opinioni sull’inflazione? Grazie.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì. Quindi, grazie per la domanda, Ryan. Quindi, penso che mentre pensi alla nostra crescita patrimoniale qui, ci sono due dinamiche che entrano in gioco. Uno è che vedrai un rallentamento del tasso di pagamento.

Advertisement

Ora, ancora una volta, non ci aspettiamo che il tasso di pagamento per l’intera azienda torni ai livelli storici durante il 2023. Quindi, questo ti aiuterà dal punto di vista patrimoniale. Ma se ritieni che l’economia stia diventando un po’ più dura, allora il vento contrario diventa se il consumatore ritirerà un po’ la spesa. Quindi, penso che queste due dinamiche giochino l’una con l’altra.

E come ci pensiamo, ancora una volta, se l’economia non lo fa — è più forte di quanto pensiamo, poi di nuovo, penso — penso ancora che vedrai un rallentamento del tasso di pagamento, ma vedrai un andamento delle vendite più forte qui. E potresti avere un vantaggio, sai, in quello scenario, per le prospettive.

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Fatto. E, sai, forse come mio follow-up, Brian, sai, i tuoi commenti sulla RSA, sai, a seconda della traiettoria del credito. Quindi forse solo per chiarire, quindi stiamo parlando di 4 a 4,5 quest’anno, che è inferiore al 4 a 4,5, penso, di cui hai parlato in Investor Day. Eppure non siamo ancora tornati a livelli di credito normalizzati fino al ’24.

Advertisement

Quindi, la mia domanda è, sai, i pali della RSA sono stati abbassati? Sai, quali sono alcuni dei pezzi mobili che l’avrebbero guidato? Ed è possibile che a un certo punto potremmo operare al di sotto del livello del 4%? Grazie.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì. Grazie. Primo, Ryan, voglio solo assicurarmi che siamo sulla stessa lunghezza d’onda. La guida per l’intero anno 2023 è da 4 a 4,25.

E ancora, penso che tu abbia un paio di cose. Uno, hai un po ‘del margine di interesse netto che scende, che gioca attraverso la RSA, numero uno, con i costi delle passività fruttifere che salgono. Due, si verifica l’aumento del tasso di addebito netto. Tre, hai un po ‘del pezzo opex in arrivo.

Advertisement

E quattro, hai una crescita nel nominatore con, davvero, crediti. Quindi, penso che funzioni. Sai, nella misura in cui – sai, la tua domanda può operare al di sotto di un livello del 4%, sì, può operare a un livello del 4%, ma ciò dipenderebbe maggiormente dalla traiettoria degli addebiti netti e quanto di quello è compensato dal margine di interesse netto. Ancora una volta, sai, data la tempistica delle perdite, sai, siamo seduti qui, sai, a metà gennaio, che, sai, abbiamo una visibilità abbastanza buona fino a metà luglio ora.

Quindi, sai, c’è un’opportunità per questo. Ancora una volta, mentre ci sediamo qui oggi, vi forniamo la guida che riteniamo sia la migliore stima per il 2023.

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Apprezza il colore.

Advertisement

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Grazie Ryan.

Operatore

Risponderemo alla nostra prossima domanda da Don Fandetti con Wells Fargo. La tua linea è aperta.

Advertisement

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

Buon giorno. Puoi parlare un po ‘dei rischi normativi, in particolare su ciò che il CFPB potrebbe fare in caso di commissioni in ritardo, eventuali tempistiche o, sai, una specie di pensieri aggiornati?

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Si certo. Quindi, guarda, penso che il tempismo che è stato in qualche modo ipotizzato là fuori sia praticamente in linea con quello che presumiamo, ovvero, sai, potremmo sapere qualcosa qui nel primo trimestre, ma penso, sai, probabilmente non avrà una regola efficace fino alla fine di quest’anno o all’inizio del prossimo anno. Quindi, ancora una volta, praticamente in linea con le nostre aspettative. Sai, siamo preparati per questo.

Advertisement

Sai, penso che in passato abbiamo parlato del fatto che circa il 60% o poco più del 60% della nostra quota in ritardo si trova in programmi che hanno un RSA. Quindi, questo è un offset. Ovviamente, lavoreremo con i nostri partner su questo. Hanno un incentivo per aiutarci a compensare l’impatto, se ce n’è uno.

Quindi siamo pronti per questo. Sai, ci stiamo preparando internamente. Vedremo cosa verrà fuori. Ma, sai, penso che avremo del tempo tra quando avremo un po’ di chiarezza e, sai, probabilmente una regola efficace, come ho detto, alla fine di quest’anno o all’inizio del prossimo anno.

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

Fatto. E puoi parlare un po ‘della salute relativa del consumatore di fascia bassa rispetto al primo, cosa stai vedendo?

Advertisement

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì. Guarda, penso, internamente, parliamo sicuramente di una ripresa a forma di K. Penso che stiamo sicuramente assistendo a quel gioco. Penso, sai, in generale, il consumatore è ancora sano.

Penso che abbiano ancora dei risparmi. Stiamo vedendo, sai, modelli di spesa davvero buoni, grandi spese per i nostri prodotti, in particolare. Sai, l’anno scorso è stato un anno record in termini di volume di acquisti. Quindi, in generale, ci sentiamo abbastanza bene con l’ambiente operativo.

Detto questo, chiaramente, c’è incertezza mentre ci muoviamo durante tutto l’anno a seconda dell’inflazione e dell’andamento dei tassi. Quindi, lo stiamo osservando molto attentamente. Sai, i nostri team di credito sono molto impegnati e stanno monitorando il portafoglio per vedere dove dobbiamo apportare alcune modifiche e aggiustamenti lungo il percorso. Non so, Brian, se vuoi aggiungere qualcosa a questo.

Advertisement

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Penso che tu l’abbia coperto.

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

Grazie, Brian.

Advertisement

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Grazie.

Operatore

Risponderemo alla nostra prossima domanda da Sanjay Sakhrani con KBW. La tua linea è aperta.

Advertisement

Sanjay Sakhrani — Keefe, Bruyette e Woods — Analista

Grazie. Buon giorno. Brian Wenzel, volevo approfondire alcuni dei commenti sulla qualità del credito. Hai detto che stai assumendo un tasso di disoccupazione di 4,2, ma l’ipotesi qualitativa è nell’intervallo del 5% per il tasso di riserva.

Sono solo curioso, che tipo di impatto ci sarebbe sul tasso di addebito se il tasso di disoccupazione raggiungesse il 5%? E poi, hai detto – o immagino che questo significhi che non ci sarà alcun impatto sul tasso di riserva se migriamo verso il 5% di disoccupazione?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Advertisement

Sì, grazie per la domanda, Sanjay. Quindi, la parte qualitativa, che ti porta la disoccupazione — effetto del tasso di disoccupazione fino a quel, sai, chiamalo, livello del 5%, sai, guardiamo alle richieste, ma questo essenzialmente dice che, in quell’ambiente, non c’è probabilmente non ci sarebbe alcuna forma di aumento significativo delle riserve legate ai tassi. Ancora una volta, per – l’impatto sugli addebiti netti, qui si è verificato un problema di tempistica. Quindi, il tasso di disoccupazione ha dovuto salire piuttosto rapidamente nella parte iniziale dell’anno per avere un fattore nella seconda metà dell’anno, che avrebbe avuto un impatto sul tasso di addebito netto.

Quindi, se ciò accade, probabilmente guarderai di più ad alcuni venti contrari verso il 2024 da una base di addebito netto. Ma ancora una volta, dovresti avere quella riserva per – a breve termine.

Sanjay Sakhrani — Keefe, Bruyette e Woods — Analista

OK. Quindi, davvero nessuna modifica al tasso di riserva, solo tempismo sul tasso di addebito.

Advertisement

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì, voglio dire, ovviamente, siamo più sensibili alle domande di disoccupazione. Sai, ovviamente, ci sono altre cose nell’economia a cui siamo sensibili, ma questo sarebbe il fattore più importante per noi per guardare davvero alle riserve. E ancora, so che ci sono molte domande sul calo del tasso di riserva. Questo è un fattore stagionale che accade ogni quarto trimestre a causa del denominatore.

Voglio dire, siamo in aumento in dollari assoluti dal terzo trimestre, quarto trimestre. E ancora, ti aspetteresti, poiché i tuoi crediti diminuiscono nel primo trimestre, che il tasso aumenti.

Sanjay Sakhrani — Keefe, Bruyette e Woods — Analista

Advertisement

OK. E solo una domanda di follow-up per Brian Doubles. Forse potresti semplicemente aiutarci a pensare a come stai gestendo l’attività mentre pensi alla crescita dei prestiti. Ovviamente, molto indeciso su dove sta andando l’economia nel suo complesso, credo.

E poi qualche flessibilità che potresti avere sulle spese nella misura in cui abbiamo uno scenario più avverso?

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Si certo. Voglio dire, guarda, ne abbiamo parlato in passato che cerchiamo di gestire il business molto bene attraverso i cicli. E cerchiamo di fornire un livello di coerenza ai nostri partner in termini di modalità di sottoscrizione. E quindi, se guardi, sai, negli ultimi due anni, stiamo uscendo dal miglior ambiente creditizio in assoluto che abbiamo mai visto nella storia del business.

Advertisement

Sai, e non abbiamo colto l’occasione per sottoscrivere molto più in profondità. E penso che sia per questo che hai visto, credo, una crescita dei prestiti più consistente da parte nostra rispetto forse ad altri. E questo è davvero importante per la nostra attività perché se cogliamo l’opportunità di sottoscrivere davvero più a fondo e aumentare i tassi di approvazione, allora sappiamo che, a un certo punto in futuro, dovremo ritirarci. E ci sforziamo davvero di non farlo.

Ancora una volta, la coerenza è davvero importante per i nostri partner. Quindi, ci sentiamo abbastanza bene riguardo alla guida per il prossimo anno, con una crescita dall’8% al 10%. E pensiamo che sia prudente. Questo non è – questo non presuppone cambiamenti significativi nella nostra sottoscrizione.

Ora, chiaramente, se le cose cambiano e vediamo che l’ambiente macro funziona in modo diverso da come stiamo contemplando in questo momento, allora entreremo e faremo alcune modifiche e faremo alcuni aggiustamenti. Ma, sai, ci sentiamo abbastanza bene con l’8% al 10%. E, guarda, penso che l’unica cosa sulle spese, ci hai visto essere piuttosto disciplinati nel corso degli anni. Sai, l’anno scorso abbiamo avuto l’opportunità di fare alcuni investimenti incrementali.

Lo abbiamo fatto, davvero contenti del ritorno e del rimborso di quegli investimenti, ma rimaniamo davvero disciplinati lì. E se ci dirigiamo verso un ambiente più difficile nel ’23 o ’24, allora certamente, questa è un’area che, sai, cercheremo di tirare b fammi sapere se dobbiamo.

Advertisement

Sanjay Sakhrani — Keefe, Bruyette e Woods — Analista

Va bene. Grazie.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Grazie.

Advertisement

Operatore

Risponderemo alla nostra prossima domanda da Erika Najarian con UBS. La tua linea è aperta.

Erika Najarian — UBS — Analista

Ciao buon giorno. La mia domanda riguarda il capitale e la distribuzione del capitale per il 2023. Sai, mentre pensiamo di chiudere l’anno al 12,8% — immagino sia una domanda in due parti — numero uno, la tua traiettoria di riacquisto viene influenzata dall’incertezza macroeconomica anche se la crescita dei tuoi crediti è destinata a rallentare nel ’23? E in secondo luogo, è questo — c’è una quantità di cuscinetto che il management vuole mantenere rispetto a quell’obiettivo dell’11%, non necessariamente per un’incertezza macro, ma per, sai, potenziali opportunità in termini di, sai, acquisti nel caso in cui quelli sorgere – acquisti di portafoglio nel caso in cui si verifichino?

Advertisement

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì, grazie, Erika. Quindi, alla tua prima domanda sull’ambiente macroeconomico, sai, in questo momento, stiamo attraversando le prime fasi dello sviluppo del nostro piano di capitale che presenteremo alla Federal Reserve nell’ultima parte di marzo. Quindi, lo esaminiamo. Sai, con quel piano di capitale, eseguiamo una serie di diversi stress di perdita e stress di perdita grave, stress idiosincratici, per informarci realmente su quale sia la gamma di risultati e quanto ci sentiamo a nostro agio con l’ambiente.

Ancora una volta, come abbiamo detto, per tutto il 2022, ci sentiamo molto a nostro agio nell’ambiente che continua sul piano di capitale che abbiamo presentato e presentato alla Fed lo scorso marzo e che è stato approvato ad aprile. Quindi, lo useremo per informare. Ancora una volta, durante l’anno, attraversiamo molteplici scenari di stress. Quindi, continuiamo a sentirci bene anche in uno scenario di stress che gli obiettivi e l’ambiente continueranno a operare con un ottimo piano di capitale.

Quindi, lo faremo per informarci. Per quanto riguarda il livello di capitale, l’11% è il nostro obiettivo. Ora, la prima cosa da ricordare a te e agli altri è che dobbiamo continuare a sviluppare completamente il nostro capitale proprio attraverso il Tier 1 incrementale attraverso un preferito o – e poi, ovviamente, attraverso il Tier 2, sia che quel pezzo di debito o incrementale o preferito. Quindi, dobbiamo continuare a sviluppare lo stack di capitale per essere anche in grado di raggiungere il Tier – l’obiettivo CET1.

Advertisement

E poi, in secondo luogo, sai, penso che ogni azienda gestisca un po’ di raggio d’azione. La vera parte positiva della nostra attività, Erika, è che generiamo molto capitale ogni anno, che possiamo riutilizzare. E ovviamente, scendendo al 12,8%, sai, la crescita che avevamo previsto quando ti abbiamo parlato a ottobre, il 12%, siamo arrivati ​​a 15. Quindi, siamo in grado di finanziare quella crescita.

E questo è davvero, pensiamo, rendimenti molto interessanti che continueremo a generare capitale mentre ci spostiamo nel ’23 e oltre. Quindi, sì, c’è qualche tipo di opportunità, ma ancora una volta, anche l’obiettivo ha un cuscinetto. Quindi, puoi sicuramente passare un po ‘quel buffer se vuoi fare un’acquisizione. Quindi, non è un piano, è solo un intervallo con cui operiamo.

E continueremo a cercare di impiegare il capitale in un modo che sia nel migliore interesse dei nostri stakeholder.

Erika Najarian — UBS — Analista

Advertisement

Grazie per questo. E la mia seconda domanda fa seguito a una domanda precedente sulla riserva. Volevo solo chiarire. Capisco perfettamente il commento sulla traiettoria delle perdite da qui.

Tuttavia, sulla riserva, sai, se finissimo con un tasso di disoccupazione alla fine dell’anno che è più vicino al 5% contro il 4,2% — voglio solo assicurarmi di aver capito bene — ci sarà un aumento del tasso di riserva o — è più significativo? O il qualitativo si prende cura di eventuali aumenti potenziali rispetto a quella linea di base 4.2?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì. Sì. Grazie per la domanda, Erika, e cercherò di essere chiaro qui. Il 4.2 è una linea di base che prendiamo da Moody’s.

Advertisement

In effetti, quando esaminiamo il modello, probabilmente sei più simile a 4.5. Esistono sovrapposizioni qualitative che lo portano effettivamente al 5%, giusto o più vicino al 5%. Quindi, in teoria, se dovessi raggiungerlo, non dovrebbero esserci accantonamenti relativi alle tariffe. A quel punto dovrebbe essere solo un approvvigionamento correlato alla crescita.

Solo se le tue prospettive cambiassero oltre il 5%, ti aspetteresti ulteriori aumenti legati ai tassi.

Erika Najarian — UBS — Analista

Perfetto. Grazie.

Advertisement

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Grazie, Erika. Buona giornata.

Operatore

Risponderemo alla nostra prossima domanda da Arren Cyganovich con Citi. La tua linea è aperta.

Advertisement

Arren Cyganovic — Citi — Analista

Grazie. Nel tuo comunicato stampa, hai notato di aver aggiunto o rinnovato 25 programmi, incluso Lowe’s, che storicamente è stato uno dei maggiori partner che hai. Puoi parlare un po ‘, sai, stai iniziando a spingere alcuni di questi rinnovi oltre i 20, 25, che so che ne hai bloccati molti fino al 2025? E qual è oggi l’ambiente competitivo per questi rinnovi?

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì. Quindi, guarda, per prima cosa direi che cerchiamo sempre di rinnovare dove possiamo a condizioni interessanti per noi e per i nostri partner. In modo che, sai, i team che abbiamo sul campo, seduti con i nostri partner ogni giorno, sai, ti imbatti in cose in cui ha senso aggiungere alcuni anni all’affare, investimenti che vogliamo fare, cambiamenti di valore oggetti di scena, ecc. Quindi, sai, i nostri team sono là fuori ogni giorno, trovando modi per rinnovarsi in modi che avvantaggiano i nostri partner e avvantaggiano noi.

Advertisement

Quindi, siamo entusiasti di estendere con Lowe’s. È uno dei nostri clienti più vecchi. Penso che questa estensione richiederà più di 50 anni, il che è piuttosto incredibile se ci pensi. Sai, direi, in modo competitivo, solo più in generale, ancora competitivo – ambiente molto competitivo.

Ma penso che, mentre inizi a entrare in un periodo di incertezza, come ci stiamo dirigendo ora, inizi a vedere la concorrenza diventare ancora più disciplinata. E, sai, tutti sappiamo e apprezziamo che non opereremo a metà del nostro tasso di perdita mirato come abbiamo visto negli ultimi due anni. E inizi a vedere che la disciplina si fa strada nelle dinamiche competitive. Penso che sia buono.

Sai, siamo un debitore molto disciplinato in questi processi, ed è bello vedere che succede in tutto il settore. Quindi, ci sentiamo davvero bene su come siamo posizionati. Penso che in tempi come questo, tornando alla conversazione precedente, tu stia davvero competendo sulle capacità e questo, combinato con una buona disciplina dei prezzi in tutto il settore, è una buona cosa per noi.

Arren Cyganovic — Citi — Analista

Advertisement

Grazie.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì.

Operatore

Advertisement

Andremo accanto a Betsy Graseck con Morgan Stanley. La tua linea è aperta.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Ciao. Buon giorno.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Advertisement

Buongiorno, Besy.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Buongiorno, Besy.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Advertisement

Una domanda per dare seguito a qualcosa che hai menzionato nelle osservazioni preparate. Normalizzazione, lo vedi migrare in prime e super prime, penso di averti sentito proprio lì. E volevo solo capire se stavi solo parlando della normalizzazione del tasso di pagamento o stai anche parlando della normalizzazione delle insolvenze e delle tue prospettive di addebito netto. Forse potresti spacchettare un po’ di più quello che intendevi, se non ti dispiace.

Grazie.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì. Quindi, come Brian ha detto prima, sai, non molte persone ne parlano, ma c’è, direi, più ripresa a forma di K, o stiamo vedendo dove il consumatore di fascia bassa si sta normalizzando a un ritmo più veloce , entrambi, direi, dal punto di vista del comportamento del tasso di pagamento, nonché dal punto di vista della delinquenza e dell’addebito. E mentre continui ad allontanarti dalla pandemia e dallo stimolo, inizi a vedere le altre coorti, che sono le prime, super prime, sai, che avevano già iniziato a normalizzarsi — sai, continuano quelle tendenze di normalizzazione. Penso che la parte importante per noi, Betsy, mentre facciamo un passo indietro e pensiamo all’intero portafoglio per un secondo, se guardassi alle insolvenze storiche di più di 30 e più di 90 giorni dei livelli pre-pandemia e lo applicassi al nostro saldi, mentre attraversi quest’anno, ciò che vedresti è una normalizzazione molto lineare delle insolvenze per noi.

Advertisement

E ancora, questa è davvero l’estremità inferiore che si normalizza un po’ più velocemente. Ora, stai iniziando a vedere la fascia alta. Ma se guardi quel pezzo lineare che inizia nel primo trimestre dello scorso anno, voglio dire, siamo circa l’80% delle nostre insolvenze pre-pandemia. Ed è spostato di circa 10 punti percentuali ogni trimestre.

Quindi, non stiamo assistendo a un’accelerazione nella normalizzazione. Sta semplicemente scorrendo. E questo è, sai, in cima a un equilibrio più ampio. Ma si sta normalizzando in un modo che ci aspettavamo.

Ma ancora una volta, c’è una piccola ripresa a forma di K in cui stiamo iniziando a sentire — sai, di nuovo, tornando indietro di tutte le nostre annate, sai, dal ’20 in poi stanno andando meglio del nostro annate nel 2018. Quindi, ci sentiamo bene che la normalizzazione che ci aspettiamo stia avvenendo su un percorso che ci aspettiamo.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Advertisement

Sì. E quello faceva parte del follow-up, era intorno alle annate Quindi, le tue annate 2021, ’22, sei abbastanza simile. E immagino che la domanda di fondo qui sia, poiché la performance sta arrivando rispetto a quella che avevi prima della pandemia, quanto spazio c’è per aprire la scatola del credito o, sai, per ottenere una crescita incrementale dei prestiti?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì. Voglio dire, se lo dividi per un secondo, Betsy, l’annata ’20, e ovviamente la prima parte del 2021, sta andando al meglio, giusto? Perché è allora che abbiamo perfezionato all’inizio della pandemia perché nessuno sapeva cosa sarebbe successo. Sai, l’ultima parte del ’21 e del ’22 si esibisce, sai, tra quell’annata e il 2018. Quindi, penso, in tutti i casi, stanno andando meglio.

Ma ancora una volta, sono leggermente diversi sotto — diversi [Inaudible]. Non immagino – e Brian ne ha parlato – la coerenza che abbiamo entrambi, sai, sottoscrivendo per l’origine ma la gestione dell’account che useremo come leva di crescita, penso che abbiamo una gamma davvero diversificata e attraente set di partner. Quindi, veniamo distribuiti su una moltitudine di verticali e categorie diverse. E poi, quando guardi al fatto che stiamo davvero avendo – sai, abbiamo proposte di valore convincenti e ci stiamo allineando ai nostri clienti più fedeli che sono partner, non dobbiamo usare il credito per un motore di crescita al contrario per gli altri.

Advertisement

Quindi, non voglio immaginare di usare il credito e aprire la scatola del credito da qui in avanti. In questo momento, quello che stiamo facendo è che stiamo apportando modesti perfezionamenti quando vediamo cose che ci riguardano, ma non stiamo facendo nulla su tutta la linea perché non lo vediamo su tutta la linea nel nostro portafoglio.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Fatto. Grazie.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Advertisement

Grazie Betsy. Buona giornata.

Operatore

Risponderemo alla nostra prossima domanda da Kevin Barker con Piper Sandler. La tua linea è aperta.

Kevin Barker – – Piper Sandler — Analista

Advertisement

Grazie. Volevo solo dare seguito ad alcune delle domande capitali. Sai, se vedessimo un rapido aumento della disoccupazione, sai, da un tasso base del 3,5% a circa il 5% o forse da qualche parte intorno a quel livello mentre ci avviciniamo alla fine dell’anno ’23, voglio dire, inizieresti a considerare , sai, i tuoi livelli di capitale hanno già incorporato quel tipo di tasso di disoccupazione o quei tipi di ipotesi di deterioramento economico appena dato lo stress test? O ritieni di dover essere un po’ più cauto dato che le prospettive potrebbero cambiare rapidamente in quel tipo di ambiente?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì. Quindi, prima di tutto, grazie per la domanda, Kevin. Quando pensiamo al nostro piano di capitale e allo stress test che eseguiamo, il tasso di disoccupazione che utilizziamo in quegli stress test è significativamente superiore al 5%. Quindi, il 5% riguarda – sul suo valore nominale rispetto al capitale – i nostri livelli di capitale.

Ciò che realmente esamineremmo, e il nostro comitato di rischio e il consiglio di amministrazione esaminerebbero, è che c’è una visibilità ridotta nell’ambiente macroeconomico in cui sei preoccupato. O nel caso in cui sei preoccupato per il livello di reddito netto generato, è lì che torneresti a dire: “Ehi, ascolta, dovrei pensare al capitale in modo diverso?” Ma ricorda, questi modelli di stress test sono costruiti in uno scenario molto severo. Finché ci sei dentro, dovresti essere in grado di continuare con il tuo capitale – sai, i tuoi piani di capitale ed essere in grado di resistere. Ecco perché è – ci sono molti buffer oltre al minimo, sai, requisito.

Advertisement

Quindi, ancora una volta, sarebbe ben al di sopra del 5% prima che ci preoccupiamo.

Kevin Barker — Piper Sandler — Analista

OK. Grazie. E poi, per quanto riguarda – un seguito a quello su M&A. Sai, penso che tu abbia detto che le valutazioni si stanno finalmente normalizzando.

Sta vedendo iniziare a svilupparsi opportunità interessanti, che si tratti di portafogli o altre acquisizioni, potenziali obiettivi, visto quello che vediamo là fuori oggi?

Advertisement

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì. Senti, penso che tu abbia ragione. Voglio dire, stiamo finalmente vedendo, sai, che le valutazioni aumentano in modo abbastanza significativo in alcune aree che ci interessano. Sai, il nostro team di sviluppo aziendale ha uno schermo M&A molto attivo.

Quindi, questo è certamente qualcosa che guardiamo. Sai, ci hai visto fare piccole acquisizioni in cui possiamo sfruttare la nostra scala. Allegro ne è un ottimo esempio. Pets Best ne è un ottimo esempio.

E abbiamo fatto crescere quelle attività in modo molto significativo da quando le abbiamo acquisite. Sai, siamo anche acquirenti molto disciplinati. Sai, quelli erano, sai, molto modesti in termini di esborso di capitale, ma abbiamo visto molto futuro, sai, crescita e potenziale di guadagno. Queste sono le cose che ci piace fare.

Advertisement

E quindi, se potessimo fare più acquisizioni del genere, sai, cercheremmo sicuramente di farlo. Ma siamo un acquirente molto disciplinato quando si tratta di allocare capitali per fusioni e acquisizioni.

Kevin Barker — Piper Sandler — Analista

Grazie, Brian.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Advertisement

Sì.

Operatore

Prenderemo la nostra prossima domanda da John Hecht con Jefferies. La tua linea è aperta.

Giovanni Hecht — Jefferies — Analista

Advertisement

Buongiorno, ragazzi, e grazie mille per aver risposto alla mia domanda. Immagino che il primo sia solo sul NIM. Hai parlato della modifica della durata del deposito e così via. E forse puoi solo dettagliarci, lo spostamento dei prezzi dei depositi dipende principalmente dalle tue prospettive? E qualche caratteristica del tipo della durata dei depositi ora rispetto a dove è stata?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sì. Grazie per la domanda, Giovanni. Quindi, mi occuperò prima dell’ultima parte della domanda. Quindi, sì, abbiamo visto un po’ di estensione della durata.

Le persone sono passate ai CD e vediamo persone in, sai, chiamala, quella durata di 18 mesi, 19 mesi. Quindi, è scivolato un po’ fuori. materialmente non direi. Per quanto riguarda i prezzi, mentre vai avanti, voglio dire, ovviamente, quando diamo qui una guida NIM, quello che abbiamo visto nel 2022 è stato davvero un cambiamento nel panorama, giusto? C’erano molte persone che cercavano di gestire le beta all’inizio del 2022.

Advertisement

E poi, quando hanno sentito il deflusso dei depositi durante l’anno, sono diventati più aggressivi per quanto riguarda il prezzo. E penso che tu abbia visto accadere molte cose nell’ultima parte dell’anno. È stato molto stabile ora. Quindi, la nostra prospettiva include, sai, depositi beta, sai, peggiorando un po ‘di quanto non siano stati da qui, in particolare sui CD.

Quindi, ancora una volta, questo sarà, sai, qualcosa che guarderemo davvero in relazione alle azioni della Fed nei prossimi due incontri e quale sia la loro guida riguardo al tasso terminale che hanno là fuori. Ma prevediamo che in questa guida i beta si deteriorino nel 2023.

Giovanni Hecht — Jefferies — Analista

OK. È utile. Grazie. E poi, una seconda domanda.

Advertisement

Forse puoi caratterizzare – hai alcuni partner tradizionali – partner di vendita al dettaglio tradizionali come Lowe’s e così via, e poi piattaforme digitali come Amazon e PayPal. O c’è qualcosa degno di nota sulle tendenze generali nei diversi tipi di piattaforme e su come ciò potrebbe manifestarsi nel corso del ’23?

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì, beh, quindi, sai, ovviamente, serviamo una gamma molto ampia di partner, come hai indicato. E, sai, chiaramente, hai visto una crescita davvero forte nel digitale, una forte crescita in salute e benessere. Ci aspetteremmo che continui. Ti dirò, dove vedi la più grande differenza, John, è in realtà, sai, nel modo in cui interagiamo con quei partner, e le nostre soluzioni all’interno di quei partner differiscono parecchio.

Sai, Venmo e PayPal sono un ottimo esempio in cui siamo completamente integrati attraverso la nostra architettura API. E se sei all’interno dell’app PayPal o Venmo, non sai se è qualcosa che abbiamo creato noi o qualcosa che PayPal ha creato. Questo è davvero perfetto per il cliente, ed è davvero importante. E penso che questo aiuti davvero a rendere quell’esperienza positiva per il cliente e ci aiuti a guidare la crescita, sai, a lungo termine.

Advertisement

E lo confronti e lo contrapponi a quello che stiamo cercando di fare nello spazio uno-a-molti, come con Clover e altre soluzioni in cui, sai, vogliamo rendere davvero facile per i nostri partner più piccoli sfruttare i prodotti finanziari che noi abbiamo. E dobbiamo farlo costruendolo in una sola volta e poi ridimensionandolo in tutta l’azienda. Quindi, puoi davvero spaziare da un’architettura API altamente personalizzata e completamente integrata a una soluzione uno-a-molti, che rende davvero facile per i nostri partner offrire i nostri prodotti di finanziamento. Quindi, è qui che vedi la più grande differenza tra i nostri partner e i partner che abbiamo oggi.

Ti dirò, sai, in qualsiasi momento, avrai alcuni partner che stanno andando davvero bene e lo schiacciano. E avrai, sai, alcuni partner che forse stanno lottando un po’. Sai, come ho detto prima, andando in tempi incerti come questo, il programma di credito diventa ancora più importante, e questo è coerente su tutta la linea. Quindi, sai, entrando in un ambiente come questo, ci sentiamo davvero ben posizionati per aiutare i nostri partner ad avere successo.

Giovanni Hecht — Jefferies — Analista

Destra. Grazie per il colore.

Advertisement

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Sì. Grazie, Giovanni.

Operatore

Oggi risponderemo alla nostra ultima domanda da Rick Shane con JP Morgan. La tua linea è aperta.

Advertisement

Rick Shane — JPMorgan Chase and Company — Analista

Grazie a tutti per aver risposto alla mia domanda. Voglio solo parlare un po’ di più delle prospettive del tasso di riserva. Fine trimestre, 10.3. Il primo giorno era 9.9.

È stato suggerito che nel tempo tornerà al 10%, più o meno in linea con i livelli del primo giorno. Penso che ciò implichi per me che, poiché abbiamo seguito il processo di apprendimento sui modelli CECL rispetto al primo giorno, non c’è stata un’evoluzione materiale in termini di tipo di aspettative di perdita, che i tassi di riserva saranno in qualche modo, su una base mele-mele, sii coerente con il primo giorno. È questo il modo giusto di pensare alle cose? E possiamo semplicemente inserirlo nel contesto della normalizzazione nei prossimi 18 mesi?

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Advertisement

Sì. Grazie per la domanda, Rick. Quindi, penso che se guardi le ipotesi che sono andate nel modello CECL del primo giorno rispetto alle ipotesi che sono nel modello oggi, sono molto vicine l’una all’altra. Quindi, penso che tu sia in una posizione in cui non c’è una differenza significativa in questo momento.

Dove c’è una differenza sono le sovrapposizioni macroeconomiche che abbiamo qui che sono molto più significative di quelle che erano il primo giorno. Quindi, mentre quell’ambiente macroeconomico si chiariva, giusto, o attraverso le perdite o attraverso il fatto che, sai, eravamo più conservatori o le cose non sono andate come pensavamo, avresti iniziato a migrare indietro verso quel giorno un livello. Ora, ricorda, in CECL, alla fine della giornata, prevedi per, sai, un periodo ragionevole e sostenibile, giusto, che hai delle perdite, e poi, migri verso la tua media. Quindi, alla fine della giornata, quel significato non è cambiato per noi nelle nostre aspettative.

Voglio dire, ovviamente, sai, vorrei dire che abbiamo avuto un ciclo normale durante CECL, ma sfortunatamente, negli ultimi, sai, più di due anni, non l’abbiamo fatto. Quindi, ancora una volta, rivedremo ad un certo punto in futuro quale sia la media – sai, il tasso di perdita medio è. Ma ancora una volta, questo gioca nel fatto che alla fine migri e dovrebbero tornare in linea, app e mescolare.

Rick Shane — JPMorgan Chase and Company — Analista

Advertisement

Fatto. OK. È molto utile. E penso che, come tutti, siamo tutti stanchi di vivere tempi senza precedenti, e tornare alla normalità sarebbe bello.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Sono d’accordo al 100% con te, Kevin.

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Advertisement

Sono d’accordo con questo, Rick.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Rick. Mi dispiace, Rick.

Rick Shane — JPMorgan Chase and Company — Analista

Advertisement

Grazie.

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Grazie.

Operatore

Advertisement

Questo conclude la teleconferenza sugli utili di Synchrony. È possibile disconnettere la linea in questo momento. E buona giornata. Grazie.

Durata: 0 minuti

Partecipanti alla chiamata:

Kathryn Miller — Vicepresidente senior, Relazioni con gli investitori

Brian raddoppia — Presidente e Amministratore Delegato

Advertisement

Brian Wenzel — Vicepresidente esecutivo e Chief Financial Officer

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

Advertisement

Sanjay Sakhrani — Keefe, Bruyette e Woods — Analista

Erika Najarian — UBS — Analista

Arren Cyganovic — Citi — Analista

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Advertisement

Kevin Barker — Piper Sandler — Analista

Giovanni Hecht — Jefferies — Analy st

Rick Shane — JPMorgan Chase and Company — Analista

Più analisi SYF

Advertisement

Tutti i guadagni chiamano le trascrizioni

Questo articolo è una trascrizione di questa teleconferenza prodotta per The Motley Fool. Mentre ci impegniamo per il nostro Foolish Best, potrebbero esserci errori, omissioni o inesattezze in questa trascrizione. Come per tutti i nostri articoli, The Motley Fool non si assume alcuna responsabilità per l’utilizzo di questi contenuti e ti incoraggiamo vivamente a fare le tue ricerche, incluso ascoltare tu stesso la chiamata e leggere i documenti SEC dell’azienda. Si prega di consultare il nostro Termini e Condizioni per ulteriori dettagli, comprese le nostre esclusioni di responsabilità obbligatorie in maiuscolo.

Synchrony Financial è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. The Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno dei titoli menzionati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending