Entra in contatto con noi

Mercati americani

Tagli di posti di lavoro di Big Tech e azioni da dividendi da tenere d'occhio

Pubblicato

il

In questo podcast, l’analista senior di Motley Fool Tim Beyers discute:

  • Come SalesforceLe recenti acquisizioni di sono il motivo per cui i licenziamenti non dovrebbero sorprendere.
  • Come mai HubSpotLa prossima mossa di è una delle cose più interessanti della tecnologia.
  • Un’azienda tecnologica in controtendenza aumentando le assunzioni.

L’analista senior di Motley Fool Matt Argersinger anticipa l’anno per gli investitori in azioni con dividendi, discute perché il rapporto di pagamento è una metrica chiave da tenere d’occhio e condivide due azioni con dividendi che ritiene siano più attraenti.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Per catturare gli episodi completi di tutti i podcast gratuiti di The Motley Fool, dai un’occhiata al nostro centro podcast. Per iniziare a investire, dai un’occhiata al nostro guida rapida per investire in azioni. Una trascrizione completa segue il video.

10 azioni che ci piacciono di più di Salesforce
Quando il nostro pluripremiato team di analisti ha un suggerimento sulle azioni, può essere utile ascoltarlo. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni che gli investitori possano acquistare in questo momento… e Salesforce non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Vedi i 10 titoli

Advertisement

*Stock Advisor torna a partire dal 1° dicembre 2022

Questo video è stato registrato il 4 gennaio2023.

Chris Hill: La grande tecnologia sta tagliando posti di lavoro e abbiamo alcuni pagatori di dividendi che potresti voler mettere nella tua lista di controllo. Motley Fool Money inizia ora.

[music]

Advertisement

Sono Chris Hill che si unisce a me: il nostro uomo in Colorado, l’analista senior di Motley Fool Tim Beyers. Grazie per essere qui.

Tim Beyer: Buon Anno. Completamente caffeinato, pronto all’uso.

Chris Hill: Buon anno anche a te, amico mio.

Cominciamo con questo. In quella che ha definito una decisione molto difficile, il CEO di Salesforce Marc Benioff ha detto ai dipendenti che l’azienda prevede di ridurre l’organico del 10%. Data la forza lavoro di Salesforce, ciò equivale a tra 7.000 e 8.000 posti di lavoro. Arriveremo agli effetti a catena di questo in un secondo.

Advertisement

Ma immagino che la mia prima domanda sia, Tim, sei rimasto sorpreso da questa notizia? Perché quando penso alle grandi aziende tecnologiche che prendono in considerazione i licenziamenti, non avevo Salesforce in cima alla mia lista.

Tim Beyer: Sì, non sulla cartella del bingo. Non sono super sorpreso. Ma sono sorpreso. Non pensavo che avremmo iniziato il 2023 con l’epurazione. Nemmeno quello era sulla mia cartella del bingo.

Il motivo per cui non sono sorpreso, Chris, è perché Salesforce ha effettuato un gran numero di acquisizioni. E nel rapporto sugli utili più recente, hanno segnalato che i cicli di vendita per il software aziendale in esecuzione erano più lunghi. Questo è un messaggio che abbiamo sentito da altre società, che mentre stiamo uscendo dal 2022, entrando nel 2023, vendite aziendali, che significa solo – linguaggio semplice qui – un grosso software richiede molto tempo per essere venduto. Sono coinvolti molti venditori. Ci vuole molta implementazione, quindi è solo un processo di più mesi. Ci sono meno aziende che vogliono firmare assegni davvero grandi ad aziende come Salesforce.

Quindi, in questo senso, non è una grande sorpresa. Nell’annuncio, in sostanza, Marc Benioff, che è co-fondatore e CEO, ha affermato di aver sovrascritto, sovradimensionato nel 2020. Anche questo non è qualcosa di unico. Abbiamo già sentito quel messaggio. Così sorprendente ma non sorprendente.

Advertisement

Chris Hill: Sei andato esattamente dove è andato il mio cervello stamattina. L’abbiamo già sentito prima, ma l’abbiamo sentito dagli amministratori delegati in posti come Alfabeto e Amazzonia.

Tim Beyer: Destra.

Chris Hill: Il che mi fa pensare se, nelle prossime settimane e mesi, sentiremo annunci simili da parte loro. La reazione di Wall Street è, come spesso accade con grandi aziende redditizie che annunciano licenziamenti, è positiva. A seconda dell’ora del mattino, le azioni di Salesforce sono aumentate dal 3% al 6%.

Ancora una volta, hai accennato alla durata del ciclo, quanto tempo ci vuole per realizzare queste grandi vendite aziendali, svolgersi. Allo stesso modo, anche una forza lavoro impiega una discreta quantità di tempo. Possiamo mettere da parte Alphabet e Amazon, perché sono i più grandi tra i grandi, o certamente nella rosa dei più grandi tra i grandi. Ci sono altre aziende nel regno della tecnologia che pensi stiano guardando da vicino, e forse questo sta dando loro ancora più licenza per ridurre anche la loro forza lavoro?

Advertisement

Tim Beyer: Non credo che abbiano bisogno di altra licenza, Chris. C’è un tracker chiamato licenziamenti.fyi che puoi controllare tu stesso. Include di tutto, dalle piccole aziende e start-up alla più grande delle grandi aziende tecnologiche pubbliche. Ne abbiamo visti molti.

Se guardi questo, vedrai un numero piuttosto elevato di aziende che hanno licenziato il personale. A partire dal numero attuale, lo sto citando ora, Chris, 1.013 aziende tecnologiche tracciate in layouts.fyi, e questo ha rappresentato 153.160 perdite di posti di lavoro secondo quel sito. Non credo che avessero bisogno di più licenza qui Chris.

Tuttavia, per rispondere alla tua domanda, questo offre forse copertura aerea ad alcune aziende più grandi? Penso inequivocabilmente di sì. Penso che crei un’aspettativa tra gli investitori, in particolare gli investitori istituzionali, dicendo: OK, quando arriveranno i tuoi licenziamenti? Potrebbero esserci alcuni investitori attivisti che dicono, ehi, sai una cosa, hai un’azienda gonfia. Devi licenziare alcune persone. Potresti avere forse meno dirigenti che si sentono liberi di licenziare alcune persone e più dirigenti che si sentono sotto pressione da grandi istituzioni con soldi in gioco che dicono, ehi, quando arriveranno i tuoi licenziamenti? Abbiamo appena visto Salesforce farlo. Sei gonfio. Quando taglierai alcune persone?

Chris Hill: Sembra che potrebbe essere stato il caso di Salesforce. Se guardi a Starboard Value e alla loro partecipazione nella società e al loro potenziale ruolo nel spingere Benioff in questa direzione… Ci sono investitori assolutamente istituzionali, e probabilmente anche investitori al dettaglio, che stanno seduti in disparte con alcuni di questi grandi aziende, e una delle cose che stanno cercando che attiverà il loro segnale di “acquisto” è un annuncio di licenziamenti.

Advertisement

Come qualcuno che ha guardato a questa categoria per molto tempo, è quello che stai cercando o stai cercando aziende che stiano ancora assumendo là fuori?

Tim Beyer: Sì, è il secondo. Mi piace cercare aziende… Penso che una delle cose più interessanti da guardare ora che Salesforce sta licenziando così tante persone sia cosa fa HubSpot? Perché HubSpot è nel CRM delle piccole imprese. Sono al livello inferiore del mercato, ma stanno cercando di espandersi in modo da poter servire, diciamo, come un cliente simile a Salesforce. Ma tradizionalmente sono stati i giocatori più piccoli sotto i giocatori più grandi. Salesforce il fratello maggiore, HubSpot il fratellino.

Ma HubSpot non licenzia nessuno, Chris. Ciò che è interessante per me, sarò interessato a vedere se HubSpot forse aumenta alcune delle sue assunzioni. Per me, penso che sia un segnale interessante quando un’azienda inizia ad assumere quando i suoi colleghi licenziano persone e allo stesso tempo fanno buoni numeri.

Un buon esempio recente di questo sarebbe monday.com. Asana, che è il suo pari diretto, ha annunciato un licenziamento e, quasi contemporaneamente, monday.com è uscito con i risultati degli utili e ha detto, ehi, i nostri margini operativi stanno migliorando e stiamo ancora assumendo persone. Ne hanno parlato come se stessero ancora assumendo persone. Non hanno esagerato con la cementificazione, ma stanno ancora assumendo persone.

Advertisement

Questo, per me, è un segnale interessante quando i risultati stanno migliorando e stai ancora assumendo. Sarò davvero interessato a vedere cosa fa HubSpot, diciamo, nei prossimi tre o sei mesi. Aumentano un po’ le loro assunzioni? Annunciano nuove iniziative? Sarebbe affascinante da vedere. Mi piace vedere che le aziende stanno andando bene durante la corrente discendente per tutti gli altri.

Chris Hill: Sicuramente ci darà cose da tenere d’occhio nei prossimi mesi. Tim Beyers, è sempre bello parlare con te. Grazie per essere qui.

Tim Beyer: Grazie, Cris.

Chris Hill: Oggi continuiamo la nostra serie sull’anteprima dell’anno per diverse categorie di azioni. Nell’episodio di martedì, è stata una crescita delle azioni. Oggi diamo un’occhiata più da vicino alle azioni con dividendi. Qui per fare proprio questo c’è l’analista senior di Motley Fool Matt Argersinger. Matteo, grazie per essere qui.

Advertisement

Matt Argersinger: Puoi scommetterci, Chris.

Chris Hill: Nella mia memoria sbiadita, il 2022 non è stato così negativo per gli investitori in dividendi come lo era per gli investitori in crescita delle quote. Come dovrebbero sentirsi quest’anno?

Matt Argersinger: Bene, la tua memoria è buona, perché, sì, le società che pagano dividendi hanno retto molto bene nel 2022. In effetti, se guardi ad alcuni dei più grandi ETF sui dividendi, come il Schwab US Dividend ETF era in calo solo del 3,3% nel 2022. A quanti di noi sarebbe piaciuto essere in calo solo del 3% l’anno scorso? Certamente lo farei, perché ho perso molte volte quella cifra. Puoi anche guardare come il ETF Vanguard High Dividend Yieldche ha quasi raggiunto il pareggio nel 2022. Che ne dici?

Sì, i dividendi nel 2022, hanno fatto quello che hanno fatto storicamente, ovvero tendono a perdere meno, molto meno durante i periodi difficili o i mercati ribassisti rispetto allo stock medio. Questo è uno dei motivi per cui li vuoi nel tuo portfolio. Penso che dovrebbero essere una parte significativa del tuo portafoglio.

Advertisement

Se guardi indietro nella storia – e S&P Global ha fatto delle ottime ricerche su questo a partire da circa 50 anni – le società che pagano dividendi, ma soprattutto le società che crescono dividendi, sono state le migliori con un ampio margine. Qualunque cosa accada nel 2023, penso che tu voglia avere un’esposizione alle società che pagano dividendi.

Detto questo, se ti aspetti un grande rimbalzo nei mercati quest’anno, mi aspetterei che i dividendi siano in ritardo, perché ciò che tenderà a sovraperformare in un rally sono le cose che siamo così sconfitti l’anno scorso: le tue aziende tecnologiche , le tue società di software, le tue azioni ad alta crescita e ad alto beta. Sono quelli che probabilmente guideranno la carica.

Ma se me lo chiedi, non mi aspetto che il 2023 sia un anno ardente per il mercato. È raro avere due brutti anni consecutivi nel mercato azionario. In realtà è successo solo poche volte negli ultimi cento anni. Penso che le azioni potrebbero ancora lottare quest’anno. Penso che sia probabile che abbiamo ancora un certo grado di rallentamento economico, le stime degli utili probabilmente scenderanno. Non sarei sorpreso se, nella migliore delle ipotesi, forse avessimo un altro anno impegnativo, si spera non così male come l’anno scorso.

Chris Hill: Tu ed io siamo abbastanza grandi da ricordare, c’è stato un buon periodo di tempo in cui una società che iniziava a pagare un dividendo era quasi come, non voglio dire che fosse uno stigma, ma era quasi come se Wall Street stesse andando per metterti in una categoria diversa. Questo è stato il grande dibattito in giro Mela mentre costruivano le loro riserve di cassa. È come, beh, se hanno iniziato a pagare un dividendo, li inseriremo in quest’altra categoria, e hanno rotto gli schemi in questo senso.

Advertisement

Non considero le società che pagano un dividendo o iniziano a pagare un dividendo come se avessero quella stessa nuvola nera su di loro. Detto questo, ci sono, se non nuvole nere, segnali d’allarme a cui gli investitori dovrebbero prestare attenzione?

Matt Argersinger: Sì. Penso che quando si tratta della maggior parte delle società che pagano dividendi, si tende a guardare alle società del settore industriale, del settore dei beni di consumo discrezionali, del settore finanziario, delle materie prime e delle materie prime. Queste tendono ad essere attività cicliche che possono essere molto sensibili a qualsiasi tipo di rallentamento economico. Come ho accennato in precedenza, se ci stiamo dirigendo verso una situazione o le stime sugli utili scenderanno, queste società potrebbero essere più sensibili di altre.

I dividendi, ovviamente, vengono pagati con gli utili. Se gli utili diminuiscono, è probabile che la crescita dei dividendi rallenti, soprattutto nel caso di società con bilanci poveri. Potrebbe essere che i dividendi vengano tagliati o addirittura sospesi.

presterei attenzione su cose come il rapporto di pagamento, che è, ovviamente, dividendi per azione come percentuale degli utili per azione. Se stai osservando un’azienda e il rapporto di pagamento è superiore al 60%, ciò significa che l’azienda, ovviamente, sta pagando più del 60% dei suoi guadagni sotto forma di dividendi, ed è un’azienda industriale o una società di vendita al dettaglio costruita accumulando molto inventario nel suo bilancio, suscettibile di un rallentamento degli utili, quel dividendo potrebbe essere messo sotto pressione. È un po’ una bandiera rossa.

Advertisement

Un esempio di un’attività che possiedo nel mio portafoglio che ultimamente è stata davvero in difficoltà Stanley Black&Decker, noto marchio di utensili e macchinari. Hanno avuto un’enorme perdita di guadagni alla fine dell’anno scorso. In realtà hanno ridotto i loro guadagni da oltre $ 10 per azione a $ 4. Hanno anche annunciato una grande ristrutturazione.

Avevano semplicemente accumulato troppo inventario, carico di lavoro. Avevano una riduzione dei prezzi. Ora devono affrontare grandi sfide. Il fatto è che non hanno ancora tagliato il dividendo. Questo perché anche con quel forte calo degli utili, il loro rapporto di pagamento è così basso che è stato sufficiente a proteggere il dividendo, almeno per ora.

Questo non sarà il caso di molte aziende, soprattutto se entriamo in un rallentamento economico. Alcuni semplicemente non potranno permettersi di continuare a pagare il dividendo con qualsiasi tipo di calo degli utili.

Chris Hill: Bene, ed è proprio come abbiamo visto con molte aziende negli ultimi 6-12 mesi che hanno ridotto le loro spese di marketing. Perché è una leva relativamente facile da tirare. Capisco se qualcuno guarda il dividendo e dice: “Bene, basta tagliare il dividendo”. È una leva facile da tirare. In teoria lo è, ma le aziende odiano davvero farlo. È quasi l’ultima risorsa.

Advertisement

Matt Argersinger: Lo fanno totalmente, specialmente, hai i Dividend Achievers e Dividend Kings, quelli che hanno pagato un dividendo per così tanti anni consecutivi. Lo fa.

Direi… hai detto prima che c’è uno stigma per noi quando un’azienda inizia a pagare un dividendo. C’è sicuramente uno stigma quando un’azienda smette di pagare un dividendo; viene quasi messo nella pattumiera. Ci sono momenti in cui è intelligente tagliare il dividendo. Io ricordo Vail Resort, che ha un ottimo track record, hanno tagliato il dividendo poco dopo l’inizio del COVID. Certo, ha senso; non sapevano nemmeno se quell’inverno qualcuno si sarebbe presentato alle loro stazioni sciistiche. Hanno ripreso il dividendo l’anno successivo, sempre bene, ma ci sono momenti in cui ciò accade e al mercato non piace proprio.

Chris Hill: Se non titoli specifici, ci sono aree del mercato che secondo voi gli investitori in dividendi dovrebbero dare un’occhiata più da vicino perché forse sembrano un po’ più attraenti in questo momento?

Matt Argersinger: Oh sì, ne ho un paio, Chris. Vedo ancora molto valore nei REIT. Conosco persone che mi hanno ascoltato nello show laggiù, so di parlare molto del settore immobiliare.

Advertisement

Un REIT di cui sono entusiasta ultimamente è Spazio di archiviazione aggiuntivo, il ticker è EXR. È uno dei principali gestori di impianti di self-storage. Se pensi al self-storage, può avere alcuni aspetti anticiclici. Se le persone si spostano o si ridimensionano durante una recessione, ciò può portare alla necessità di più spazio di archiviazione temporaneo. C’è anche questa grande tendenza per i baby boomer che vanno in pensione e ridimensionano e scoprono che i loro figli non vogliono necessariamente ereditare tutte le loro cose. Ma in entrambi i casi, hai un’azienda molto ben gestita con un ottimo track record e un rendimento da dividendi del 4%.

Quindi, al di fuori dei REIT, uno a cui mi sono interessato ultimamente è chiamato Internazionale di Lennox. LII del ticker. Ancora una volta, un’altra azienda noiosa: produce apparecchi HVAC e di refrigerazione. Super noioso. Ecco perché lo adoro. È stato uno stock killer. Hanno lentamente preso quote di mercato da aziende più grandi del settore. Mentre il dividendo in questo momento è poco meno del 2%, quindi il rendimento non è così entusiasmante, in realtà hanno aumentato quel dividendo di oltre il 18% all’anno negli ultimi 10 anni.

Direi un avvertimento con Lennox, poiché è industriale, poiché è ciclico, potrei aspettare qualche settimana fino a quando la società non riporterà i suoi guadagni G4. Non sto cercando di cronometrare il mercato qui, ma penso che probabilmente deluderanno, soprattutto quando si tratta della loro guida, come vediamo con molte aziende. L’HVAC residenziale è una quota importante del business. Il mercato immobiliare può rallentare, le costruzioni stanno già rallentando. Se riesci ad acquistare le azioni a un prezzo più vicino a $ 200 per azione, cosa che mi piacerebbe fare, penso che potrebbe essere un fuoricampo.

Chris Hill: Matt Argersinger, è stato bello parlare con te. Grazie per essere qui.

Advertisement

Matt Argersinger: Grazie, Cris.

[music]

Chris Hill: Come sempre, le persone nel programma potrebbero essere interessate alle azioni di cui parlano e il Motley Fool potrebbe avere raccomandazioni formali a favore o contro, quindi non acquistare o vendere azioni basandosi esclusivamente su ciò che senti. Sono Chris Hill. Grazie per aver ascoltato. Ci vediamo domani.

Suzanne Frey, dirigente di Alphabet, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Chris Hill detiene posizioni in Alphabet e Apple. Matteo Argersinger detiene posizioni in Alphabet, Extra Space Storage, Stanley Black & Decker e Vail Resorts. Tim Beyer ha posizioni in Alphabet, Apple, HubSpot e Salesforce. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Alphabet, Apple, Asana, HubSpot, Monday.com, Salesforce e Vail Resorts. The Motley Fool consiglia le seguenti opzioni: chiamate lunghe da $ 120 a marzo 2023 su Apple e chiamate corte da $ 130 a marzo 2023 su Apple. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending