martedì 30 novembre 2021

Tesla è di nuovo in cortocircuito. Adesso è il momento di comprare.

Sono state due settimane difficili per Tesla (NASDAQ: TSLA ) investitori. TSLA stock è in calo 35% da un 52 – massimo settimanale di $ 900. Nell’ultimo mese, le azioni sono diminuite 21%, sottoperformando il S&P 500, che è piatto nello stesso periodo. A parte il nervosismo del mercato, è chiaro che la breve chiamata su Tesla è tornata. Questa volta, gli orsi hanno un forte sostegno, sotto forma di a $ 530 milioni di posizioni corte rivelate dall’investitore “Big Short” Michael Burry di Scion Asset Management .

Per i possessori di Tesla, la combinazione di Musk / Bitcoin (CCC: BTC-USD ) / Blurry era sufficiente dramma da colpire in una settimana. Ma c’è di più: una previsione di crescita a lungo termine potenzialmente aggressiva, preoccupazioni per l’attività di Tesla in Cina e rinnovata preoccupazione per la mancanza di redditività di Tesla nel suo core business. Ora, le azioni di Tesla potrebbero ribaltarsi in entrambe le direzioni.

Guardando più da vicino, il richiamo dell’orso oggi assomiglia molto a quello di 2019. Sappiamo come finisce quella storia. È ora di eliminare il rumore e acquistare azioni TSLA.

Perché le azioni TSLA stanno diminuendo?

Il fattore macro gioca un ruolo nel declino di Tesla. Dopotutto, non è un segreto che il mercato azionario statunitense stia prendendo fiato, poiché i timori di inflazione causano una rotazione dai titoli di crescita verso nomi più difensivi. In secondo luogo, c’è lo stesso settore dei veicoli elettrici, che sembra essere ricalibrato dalle valutazioni altissime distribuite solo pochi mesi fa. E, terzo, c’è il tuffo Bitcoin , cheimpatto sul bilancio di Tesla. Con Bitcoin in bilico appena sopra $ 40, 000, la quota di Tesla vale circa $ 1,5 miliardi, in calo rispetto a $ 2,5 miliardi alla fine dell’ultimo trimestre.

Madi questi fattori ha qualcosa a che fare con i fondamenti di Tesla. E non è cambiato nulla nel settore automobilistico di Tesla.

Allora, cosa realmente mette sotto pressione le azioni TSLA?

Elon Musk e il culto della personalità

Per i principianti, Tesla stock è sempre stata un’idea breve “di nuovo, di nuovo”. A qualsiasi cocktail party, è probabile che sentirai due colpi principali sul titolo. Innanzitutto, c’è l’alta valutazione di Tesla rispetto ad altre case automobilistiche. Nonostante il recente calo, TSLA è ancora scambiato a oltre 130 x consenso 2021 guadagni.

Ma c’è un altro motivo per cui gli investitori sono diventati frustrati dalle azioni Tesla . E questo è il CEO polarizzante dell’azienda, Elon Musk, i cui commenti ampiamente pubblicizzati hanno un effetto rotante non solo su Tesla, ma sull’intero mercato delle criptovalute. Tesla è una delle poche grandi società pubbliche che mostra “rispetto” per gli investitori al dettaglio. Ma per il proletariato l’accessibilità di Musk ha anche un aspetto negativo. E, nonostante la stessa ammissione di Musk non è “ tranquillo, ragazzo normale “, molti investitori si sono stancati di vedere il valore dei loro investimenti fluttuare ampiamente attorno al culto della personalità di Elon.

Nel 2019, l’interesse a breve Tesla era terminato 30%. A quel tempo, gli orsi si concentrarono sugli alti costi operativi dell’azienda e sulle perdite di 1 miliardo di dollari. Il comportamento pubblico di Musk non ha aiutato. C’è stato un controverso agosto 2018 tweet, che dichiarava coraggiosamente che avrebbe privato la società se il prezzo delle azioni avesse raggiunto $ 420 , e una successiva apparizione di podcast che ha mostrato il CEO casualmente fumare marijuana . Ma dopo un solido rapporto sugli utili del terzo trimestre, le azioni della casa automobilistica sono aumentate e gli short-seller di Tesla si sono bruciati gravemente, per un importo di $ 1. miliardi di perdite.

Tesla e il Bitcoin ‘Hustle’

High jinks a parte, Musk è chiaramente riuscito a rendere Tesla una storia di crescita dirompente ed esponenziale. E i fedeli azionisti di Tesla sono stati premiati, con un guadagno superiore al 530% del titolo l’anno scorso.

Guardando le azioni TSLA oggi, oscillando appena sotto $ 590, non ha molto cambiato. Anche se generalmente non c’è dibattito sulla posizione di leadership di Tesla nei veicoli elettrici, c’è ancora molto dramma. E con i messaggi di Elon così contrastanti, può essere difficile per gli investitori separare lo sfrigolio dalla bistecca.

Musk’s over 55 milioni Twitter (NYSE: TWTR ) i follower stanno vivendo in prima persona la corsa sulle montagne russe. A Maggio 12, Musk ha detto che Tesla aveva sospeso gli acquisti di veicoli utilizzando Bitcoin , citando preoccupazioni ambientali per il processo minerario. Quell’affermazione da sola ha cancellato $ 300 miliardi di sconto sull’intero mercato delle criptovalute in un solo giorno. Ma non è finita qui.

L’8 maggio, Musk ha fatto un’apparizione ampiamente annunciata al Saturday Night Live. Musk, l’autoproclamato “Dogefather”, ha definito la criptovaluta un “trambusto”, mandando le criptovalute in tilt. Solo una settimana prima, il CFO di Tesla e “maestro della moneta” Zachary Kirkhorn, ha indicato che la società stava testando la liquidità della moneta come alternativa in contanti sul proprio saldo shee t.

All’inizio di questa settimana, dopo aver suggerito su Twitter che Tesla potrebbe vendere le sue partecipazioni in Bitcoin , Musk ha fornito ulteriori chiarimenti tramite una combinazione criptica di parole ed emoji. Con Bitcoin a circa $ 30, 000, il livello più basso dalla fine di gennaio, Elon ha twittato che Tesla ha lancette di diamante , suggerendo che il produttore di veicoli elettrici non perderebbe la sua quota di Bitcoin.

Conclusione: Tesla potrebbe ancora una volta aver bisogno di aiuto per realizzare un profitto vendendo la criptovaluta. Ma non è un motivo per ridurre le scorte. E, con il prezzo di Bitcoin quasi 50% inferiore al suo massimo storico, l’opportunità di Tesla di trarre profitto dalle vendite di criptovalute sembra meno probabile. Nel tempo, ci aspettiamo che il trambusto di Bitcoin sia meno una distrazione dalla narrativa fondamentale di Tesla, che è una storia di crescita a lungo termine nei suoi primi inning.

Il “nuovo” Tesla Short: Crediti regolamentari e redditività

Gli orsi di Tesla sono tornati. Breve interesse su Tesla, che si aggira a poco più di 5. 34%, è valutato a oltre $ 23 miliardi – facendolo il più grande short nel mercato statunitense per valore totale. Al contrario, la media rapporto di interesse breve per azioni nell’S & P 500 è attualmente intorno al 3%.

Allora, qual è la tesi dell’orso questa volta?

Per cominciare, una grossa fetta dei profitti di Tesla include vendite di crediti a emissioni zero. Tesla guadagna crediti producendo più della sua quota di veicoli elettrici e poi vende questi crediti alle case automobilistiche che non rispettano le quote obbligatorie. I cortometraggi dicono che la dipendenza da questi crediti impedisce la crescita a lungo termine di Tesla.

La storia del credito regolamentare non è una novità. È vero che, al momento, questi 1,6 miliardi di dollari di crediti hanno un impatto enorme sulla redditività di Tesla (Tesla non sarebbe stata redditizia senza di loro). Nel primo trimestre, Tesla ha riportato $ 518 milioni di dollari in vendite di crediti regolamentari, che sono stati venduti ad altre case automobilistiche che avevano bisogno di crediti per compensare la propria impronta di carbonio. Quel numero è aumentato rispetto al milione di $ 270 riportato nel quarto trimestre 2020.

Ma ciò che dovrebbe essere più importante per gli investitori a lungo termine è il profilo degli utili dell’azienda nel tempo. L’impatto di questi crediti continuerà a diminuire man mano che il settore cresce e più case automobilistiche producono più veicoli elettrici. A quel punto, Tesla competerà con altre auto a batteria, non solo con i motori a gas. Il sostegno generale del governo per i veicoli elettrici sta aumentando. E questo dovrebbe aiutare non solo Tesla, maEV creatori.

Guardando più da vicino, il finale di Tesla 12 ROE mese (Return on Equity) è abbastanza buono. Con il 7,2%, Tesla è solo leggermente al di sotto dei coetanei consolidati BMW (OTCMKTS: BMWYY ) e Volkswagen (OTCMKTS: VWAGY ), rispettivamente al 9,6% e al 9,2%. Questo numero è particolarmente impressionante alla luce dei numeri di produzione dell’azienda. L’anno scorso, Tesla ha spedito poco meno di 500, 000 veicoli, contro i 9,3 milioni di Volkswagen. Anche il ritorno sull’investimento (CFROI) del flusso di cassa di Tesla è impressionante, a 38% basata su stime di consenso 2023, quale modello $ 10 miliardi di flussi di cassa operativi su $ 47 miliardi di attività operative.

The Great Production Debate

Un altro elemento chiave della tesi dell’orso è il crescente controllo sulla guida alla produzione di Tesla. La previsione di Tesla è di aumentare le consegne a un CAGR di 50% all’anno su un orizzonte pluriennale. Ciò significa che l’azienda venderebbe quasi 40 x il numero di veicoli che fa da 2022 se sostiene questo tipo di tasso di crescita .

Gli orsi dicono che la previsione sembra aggressiva data la crescente concorrenza delle case automobilistiche tradizionali e dei nuovi concorrenti di veicoli elettrici. Indicano anche i ritardi di produzione dell’azienda, che includono ritardi nella produzione e consegna di versioni aggiornate della sua berlina di fascia alta, la Model S, e del SUV, la Model X . La società sta inoltre ritardando la produzione commerciale delle celle della batteria progettate su misura 4680 per l’uso nei veicoli in arrivo, tra cui Cybertruck e Tesla Semi (previsto in ritardo 2021).

C’è anche il rischio principale associato al previsto rallentamento della produzione della società nello stabilimento di Shanghai, in gran parte dovuto al extra 25% di tariffa sui veicoli fabbricati in Cina importati negli Stati Uniti Anche le preoccupazioni per la produzione sono recenti chiacchiere circostanti potenziali ritardi nel nuovo stabilimento Tesla di Berlino . Infine, gli orsi citano recenti incidenti automobilistici di alto profilo , che hanno portato a pubblicità negativa e indagini da parte delle autorità di sicurezza dei veicoli.

Ma le opinioni sui singhiozzi di produzione sono brevi, per alcuni motivi.

In primo luogo, nonostante il recente controllo normativo in Cina e negli Stati Uniti, la consegna di Tesla la crescita dovrebbequest’anno. Tesla ha già dimostrato di poter schiacciare i numeri di consegna e di produzione. L’azienda ha consegnato più di 184, 000 auto nel primo trimestre – superando le aspettative e il record di consegne di tutti i tempi dell’azienda. Tesla ha una comprovata esperienza nell’attivazione della capacità di produzione in tempi record.

In secondo luogo, nonostante un certo raffreddamento in Cina, lo stabilimento di Shanghai della società continua a produrre come previsto. Il produttore di veicoli elettrici dovrebbe aumentare da 250 , 000 per 450, 000 veicoli quest’anno. In terzo luogo, le stime di consenso non tengono conto di alcuna produzione significativa dai nuovi stabilimenti del Texas e della Germania fino al 2022 (quindi no rischio per i numeri a breve termine).

Tesla Stock: ritorno alle origini

Il titolo TSLA è ancora costoso, ma è un acquisto a questi livelli. La tesi dell’orso è stantia. E la maggior parte della volatilità giornaliera delle azioni TSLA è solo rumore. Da una prospettiva macro, ci sono forti venti favorevoli a breve termine. Questi includono un contesto normativo più favorevole e un’amministrazione Biden che probabilmente si concentrerà su questioni legate al clima. La crescita delle consegne di Tesla dovrebbe sovraperformare quest’anno.

Il miglior investimento resta l’investimento fondamentale. E la traiettoria a lungo termine di Tesla non mostra segni di cedimento.

Joanna Makris è un’analista di mercato presso InvestorPlace.com . Pensatrice strategica e investitrice fondamentale di azioni pubbliche, Joanna fa leva su 20 anni di esperienza a Wall Street coprendo vari segmenti dei settori Tecnologia, Media e Telecom presso diverse banche di investimento globali, tra cui Mizuho Securities e Canaccord Genuity.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)