Entra in contatto con noi

Affari e Tecnologia

Test pre-campionato di Formula E 2023: cinque insegnamenti chiave da Valencia

Pubblicato

il

La Formula 1 potrebbe svolgere i test pre-campionato subito prima dell’inizio del nuovo programma di gare, ma la Formula E svolge i test mesi prima del primo E-Prix. L’azione ufficiale inizia a Città del Messico a gennaio, ma la scorsa settimana inizierà la serie completamente elettrica ha preso il turno del Valencia per il suo test pre-campionato annuale. La stagione 10 del 2024 sarà la seconda l’auto Gen3 ultra efficiente, dopo un debutto ricco di gare ruota a ruota e un campionato piloti molto combattuto che si è deciso nelle ultime due gare. Anche se quest’anno non ci sarà una nuova auto, c’è ancora molto da sapere prima che le luci si spengano in Messico.

Breve test di incendio della batteria

Le squadre hanno perso una notevole quantità di tempo in pista a causa di un incendio alla batteria dopo la sessione di martedì mattina. La gara rapporti che l’incidente è avvenuto in un box occupato da WAE, il fornitore di batterie della serie completamente elettrica. Secondo quanto riferito, l’incendio è partito da una batteria che era stata rimossa dalla DS Penske guidata dal debuttante Robert Shwartzman per tre periodi separati. Shwartzman si è dovuto fermare in pista a causa di un problema e una volta rientrata nella pit lane, la batteria è stata rimossa e portata alla WAE per l’ispezione. Motorsport.com rapporti che è intervenuto il sistema automatico di sicurezza della batteria provocando l’arresto del conducente. Secondo La gara, testimoni dicono che ci fu una piccola esplosione udibile circa 90 minuti dopo che l’auto si era fermata sul circuito.

La Formula E ha annullato le sessioni di martedì pomeriggio ed entrambe le sessioni di mercoledì mentre esaminava la causa dell’incendio. Una persona è stata portata in ospedale a scopo precauzionale ma è stata dimessa senza alcuna cura. L’organo di governo della serie, la FIA, ha ritenuto che le condizioni fossero sicure per riprendere i test giovedì pomeriggio a seguito di “indagini e risultati forniti dai fornitori tecnici”, ha spiegato la Formula E.

COME La gara osserva, non si è mai verificato un incendio della batteria di trazione durante un E-Prix in quasi 10 anni di eventi. Ci sono stati incidenti nel 2015 e nel 2017, ma quelli hanno interessato la batteria più piccola da 12 volt. Anche questo non era correlato alla nuova carica di attacco poiché Shwartzman doveva ancora dimostrare quell’infrastruttura. La Formula E aveva solo otto unità per 11 squadre e DS Penske non ne aveva una all’epoca, La gara rapporti.

Advertisement

La prima donna alla guida di un’auto Gen3

Gabriela Jilkova guida la TAG Heuer Porsche (Simon Galloway)

Durante i test pre-campionato a Valencia, le squadre dovevano mettere a bordo delle loro auto piloti esordienti per tre delle 18 ore di corsa previste. La formazione comprendeva l’ex pilota di F2 Robert Shwartzman (DS Penske) e gli attuali piloti di F2 Victor Martins (Nissan) e Zane Maloney (Andretti), tra gli altri. Il test per esordienti ha visto anche la prima pilota donna su una vettura Gen3 di Formula E. ​​La pilota LMP3 e GT4 Gabriela Jilkova si è messa al volante delle vetture elettriche del team Porsche, completando una corsa di 46 giri. La Formula E ha già svolto test per principianti prima dell’E-Prix di Berlino e durante una sessione di prove libere extra a Roma, entrambi svolti all’inizio di quest’anno.

Il primo test di Carica d’Attacco

Venerdì scorso, durante una sessione di 10 ore, la Formula E ha tenuto una gara simulata, offrendo ai team una prova di 27 giri per testare le configurazioni, eseguire periodi di safety car e dimostrare i prossimi pit stop di Attack Charge. La serie aveva pianificato per introdurre le fermate la scorsa stagione, ma i problemi della catena di fornitura hanno fatto sì che la tecnologia sarebbe stata pronta solo per le ultime gare. A quel punto, la Formula E ha ritenuto che sarebbe stato troppo tardi e ha deciso di posticipare il debutto di Attack Charge a questa stagione.

C’è ancora molto da sapere su come funzioneranno le fermate, ma quello che sappiamo è che avranno luogo durante una finestra specifica che i funzionari della Formula E annunceranno subito prima della gara. La serie ha anche affermato che le squadre non saranno in grado di raddoppiare le loro due vetture, una pratica che prevede di posizionare entrambi i veicoli uno dopo l’altro, il che potrebbe portare ad alcune decisioni interessanti su quale pilota avrà la priorità. Si prevede che anche l’arresto della carica d’attacco sarà piuttosto lungo, pari a 30-35 secondi. Un meccanico collega un cavo di ricarica al retro dell’auto mentre la batteria viene ricaricata.

Advertisement

Jaguar e Porsche sono veloci… di nuovo

Mitch Evans sulla Jaguar TCS Racing I-TYPE 6 (Simon Galloway)

Dopo gli ottimi risultati ottenuti all’inizio dell’era Gen3 la scorsa stagione, sembra che Jaguar TCS Racing e TAG Heuer Porsche saranno nuovamente contendenti. I veicoli Jaguar e Porsche hanno conquistato quattro dei cinque migliori tempi in ciascuna delle tre sessioni di test, compresi i giri veloci del team Envision che utilizza i propulsori Jaguar.

Mitch Evans della Jaguar ha fatto segnare il miglior tempo della settimana, segnando un tempo di 1’24.474 che è stato più veloce di oltre mezzo secondo rispetto al giro più veloce nel test dello scorso anno. Evans, che è arrivato terzo nel campionato piloti nella nona stagione, ha anche fatto il miglior tempo nella seconda sessione. Il nuovo compagno di squadra Nick Cassidy, che è arrivato secondo in campionato la scorsa stagione mentre guidava per l’Envision, ha impedito a Evans di vincere tutte e tre le sessioni con un 1m24.617 nell’ultima corsa della settimana.

Mahindra sembra pronta a riprendersi

La nona stagione è stata da dimenticare per Mahindra. Il team che è stato in Formula E dall’inizio della serie è arrivato 10° su 11. Cambiamenti significativi fuori stagione includono una nuovissima coppia di piloti composta da Edoardo Mortara e il campione della settima stagione Nyck De Vries. Mortara è stato il quinto più veloce nella prima sessione della settimana mentre De Vries ha fatto segnare il terzo miglior tempo nella seconda sessione. Mahindra è stata ostacolata dall’incendio della batteria poiché ha subito danni al suo equipaggiamento e ad entrambe le vetture, ma entrambi i piloti hanno mostrato un ottimo ritmo in diversi momenti della settimana.

Advertisement

Il campionato piloti dovrebbe essere di nuovo vicino

19 dei 21 piloti hanno fatto registrare tempi sul giro entro 0,7 secondi l’uno dall’altro durante l’ultima sessione della settimana. Certo, si tratta del ritmo di un giro invece della gestione di tutte le sfumature di una gara di Formula E (come il consumo di energia e la rigenerazione), ma è chiaro che i piloti stanno imparando a sbloccare il potenziale delle vetture Gen3. L’anno scorso, ad esempio, i team erano alle prese con nuove auto e nuovi pneumatici, dovendo capire le prestazioni ottimali per una mescola Hankook più dura.