Entra in contatto con noi

Mercati americani

The Agony of Fiscal Defeat: C'è un modo migliore per ospitare un mega evento sportivo?

Pubblicato

il

Per notizie commerciali ed economiche più nitide e approfondite, iscriviti a Il vantaggio quotidiano notiziario. È completamente gratuito e ti garantiamo che imparerai qualcosa di nuovo ogni giorno.

Le lastre di cemento fatiscenti e crivellate di graffiti di 39 anni sono monumenti alla follia fiscale. Il parco olimpico di Sarajevo, dove Karin Enke ha facilmente battuto il record mondiale di pattinaggio di velocità femminile sui 1.500 metri, oggi è una città fantasma.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

A circa 10.000 miglia di distanza, in Brasile, si trova lo stadio di calcio Arena da Amazônia. Ci sono voluti quattro anni e 270 milioni di dollari per costruirlo e ora è per lo più inutilizzato. Sviluppato per la Coppa del Mondo FIFA 2014, in una buona notte, una squadra di calcio locale potrebbe attirare 1.000 spettatori… o il 2% della capacità dello stadio.

C’è un nome per queste moderne meraviglie del mondo: “White Elephants”. Progetti di capitale per grandi eventi sportivi a breve termine che diventano rapidamente oneri finanziari.

Oggi daremo un’occhiata più da vicino a White Elephants. Cosa rende gli organizzatori così entusiasti di loro e quanti soldi sono necessari? E sono una specie in via di estinzione? Gli organizzatori stanno iniziando a rendersi conto che costruire tutto nuovo di zecca può essere una vera e propria cazzata a lungo termine – creando debiti, problemi abitativi e disordini civili – e le nazioni e le città stanno cercando di adottare una mentalità più sostenibile, basata sul riciclaggio.

Advertisement

Quindi versati una scodella di Wheaties e tuffiamoci dentro.

Cosa potrebbe andare storto?

Ospitare un evento delle dimensioni di un’Olimpiade o di una Coppa del Mondo è tanto un sogno quanto un incubo. Le città li vedono come un’opportunità per dare nuova vita all’area, attirando enormi quantità di entrate pubblicitarie e spese turistiche. Per un paio di settimane, il mondo intero è concentrato su un luogo particolare.

Lo sballo non dura. Una volta che guardi oltre tutte le medaglie d’oro e i momenti salienti della bobina, questi eventi, che hanno un prezzo elevato, sono storicamente noti per creare crisi sia economiche che umanitarie:

  • Nei cinque anni che hanno preceduto le Olimpiadi estive di Seul del 1988, sono stati distrutti circa 48.000 edifici, sfollando ben 720.000 personesecondo un rapporto della Seoul National University.
  • Nel 1976, l’allora sindaco di Montreal Jean Drapeau disse: “Le Olimpiadi di Montreal non possono avere un deficit più di quanto un uomo possa avere un bambino”. Diciamo solo che aveva due gemelli. Lo stadio olimpico ha guadagnato il soprannome Il grande doveree la città ha trascorso i successivi 30 anni a ripagare il suo debito di $ 1,5 miliardi dai giochi estivi.
  • Nel 2016, Rio de Janeiro, in Brasile, è diventata la prima località sudamericana ad ospitare un’Olimpiade, e molto rapidamente la gente del posto si è resa conto che nessuna delle spese sarebbe stata utile. Le favelas sono state distrutte, la maggior parte dei locali è stata abbandonata e la città è rimasta con più di 100 milioni di dollari di debiti. Ryan Lochte non è stato l’unico a essere derubato.

“Se vivessimo in un mondo razionale, avremmo la stessa città che ospita i Giochi ogni due anni”, ha detto il professore dello Smith College Andrew Zimbalist Il New York Times. “Non c’è motivo di ricostruire l’Olympic Shangri-La ogni quattro anni”.

Le città sembrano essere più intelligenti. Mentre il Comitato Olimpico Internazionale si è abituato a ricevere dozzine di offerte per ogni Olimpiade, sempre più città restano ai margini. Per i giochi estivi del 2024, solo cinque città inizialmente hanno fatto offerte, ma i residenti di Boston, Amburgo e Budapest hanno concordato che ospitare i giochi non sarebbe stato economicamente valido prima che fosse assegnato a Parigi.

Advertisement

LA per la vittoria

Diamo alle Olimpiadi il dovuto come successo culturale e commerciale: noi siamo The Daily Al rialzo Dopotutto.

E uno dei successi di maggior successo sia dal punto di vista culturale che commerciale sono state le Olimpiadi estive del 1984 a Los Angeles, che hanno contribuito a rendere i giochi televisivi imperdibili e irresistibili per le città desiderose del loro turno da star. I giochi di Los Angeles suggeriscono anche un percorso economicamente sostenibile per i futuri ospiti.

La XXIII Olimpiade è certamente partita sotto i migliori auspici. Los Angeles era l’unico offerente. Nessuno lo voleva, tranne lo Scià dell’Iran, ma quando fu rovesciato nel 1979, Teheran ritirò la sua offerta.

Eppure quei giochi hanno svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo delle moderne capacità di trasmissione, hanno messo sotto i riflettori attese da tempo le atlete e hanno prodotto alcuni momenti indelebili. Mary Lou Retton è diventata la prima ginnasta statunitense a vincere l’oro a tutto tondo. Joan Benoit ha vinto il primo oro della maratona femminile, superando 13 dei precedenti 20 vincitori di medaglie d’oro maschili. E Carl Lewis ha vinto quattro medaglie d’oro in gare di atletica leggera.

Advertisement

Oh, è stato anche un grande successo finanziario:

  • Le vendite dei biglietti olimpici hanno raggiunto un nuovo record, quasi raddoppiando i 3,2 milioni venduti per i Giochi di Montreal nel 1976, e in patria più di 180 milioni di americani si sono sintonizzati, rendendolo l’evento più visto nella storia della televisione dell’epoca.
  • Poiché LA si basava principalmente su stadi e infrastrutture esistenti, molti sono ancora utilizzati oggi. Da allora il LA Memorial Coliseum è stato il sito del calcio professionistico e universitario, degli X Games e dei concerti. È anche il luogo in cui Snake Pliskin ha giocato una micidiale partita di basket nel 1996 Fuga da Los Angeles

All’epoca l’offerta di LA fu criticata per aver fatto affidamento su strutture già esistenti e sponsor aziendali. Hai sentito bene, alcuni in realtà hanno ridicolizzato la città per non aver sprecato soldi. Alla fine, LA ha guadagnato ben 223 milioni di dollari dall’evento e la città ospiterà nuovamente i giochi nel 2028.

Il perché del Qatar

La recente Coppa del Mondo FIFA in Qatar è stata uno degli eventi sportivi più costosi della storia moderna. Da quando è stato scelto come sito ospitante nel 2010, il minuscolo Stato del Golfo ricco di gas speso circa 220 miliardi di dollari (e forse migliaia di vite di lavoratori migranti) costruendo nuovi stadi, un sistema metropolitano, strade, un aeroporto, hotel, ristoranti e interi quartieri.

Alcuni di questi progetti sarebbero stati realizzati a prescindere e sono stati semplicemente accelerati in concomitanza con il torneo, come la città completamente nuova di Lusail, che ha ospitato la partita finale tra Argentina e Francia.

(Fonte di credito: The US Sun) Tuttavia, $ 220 miliardi non sono graffi di pollo. Il numero diventa ancora più assurdo quando ti rendi conto che il Qatar dovrebbe guadagnare solo $ 17 miliardi come ritorno sul suo investimento.

Advertisement

È troppo presto per dire se la Coppa del Mondo sia stata un buon investimento, ma gli esperti dicono che tutta quella spesa per mettere il Qatar sulla mappa come un’affascinante destinazione turistica e d’affari del Medio Oriente come Dubai e Abu Dhabi potrebbe avere serie conseguenze.

“Saranno necessari molti sforzi e riflessioni per riutilizzare gran parte di quell’infrastruttura per renderla utilizzabile, per renderla adatta allo scopo oltre la Coppa del mondo”, Robert Mogielnicki, uno studioso residente senior presso l’Arab Gulf States Institute di Washington, ha detto a Reuters.

Ora che il torneo è finito, il Qatar rischia di perdere una parte della sua popolazione, inclusi molti operai edili, ingegneri e progettisti. Sarà difficile per il Qatar sostituirli.

“Forse questi saranno tutti edifici vuoti dopo la Coppa del Mondo. Non lo sappiamo”, ha detto a Reuters Alexis Antoniades, professore di economia presso il campus della Georgetown University in Qatar. “Vedi tutti questi appartamenti? Ci sono troppi alloggi qui.”

Advertisement

Guardando avanti alla Coppa del Mondo 2026, che sarà ospitata negli Stati Uniti, in Canada e in Messico, le tre nazioni prenderanno una pagina dal libro di Los Angeles e non costruiranno nuovi stadi, affidandosi invece a sedi già consolidate.

Per vedere come questo sistema di riduzione, riutilizzo e riciclo funzionerà in un torneo di calcio continentale, rimpiccioliamo e diamo un’occhiata a un evento attualmente in corso nello stato di New York.

Piccolo Lake Placid

Nelle montagne Adirondack dell’Empire State, a circa un’ora a ovest della principale autostrada nord-sud dello stato, si trova il piccolo villaggio di Lake Placid. È il sito delle Olimpiadi invernali del 1932 e del 1980 dove, ovviamente, il pattinatore di velocità Eric Heiden vinse cinque medaglie d’oro e la squadra di hockey statunitense sconfisse l’Unione Sovietica in quello che divenne noto come Miracolo sul ghiaccio.

Con circa 2.200 residenti, è lontana dalle dimensioni di altre città ospitanti Olimpiadi come Pechino o Vancouver, eppure ospita ancora una volta un grande evento sportivo:

Advertisement
  • Questa settimana, Lake Placid ha dato il via ai Giochi universitari invernali, che sono come le Olimpiadi per gli studenti universitari. Mentre il villaggio non ha lasciato cadere in rovina i suoi luoghi come Sarajevo o Rio de Janeiro, i Giochi universitari sarebbero stati impossibili se Lake Placid avesse dovuto lavorare con le stesse strutture che ha fatto 42 anni fa.
  • Alleviando il peso del villaggio stesso, lo stato e il suo braccio sportivo, l’Olympic Regional Development Authority, hanno investito 500 milioni di dollari nel rinnovamento dei vecchi luoghi di Lake Placid: il complesso per il salto con gli sci, il centro per lo sci di fondo, l’ovale di pattinaggio di velocità, il bob run – così come le strutture vicine come il Whiteface Mountain Ski Resort di Wilmington.

“Il ritorno sull’investimento sarà di decenni nel futuro”, ha dichiarato a The Daily Upside il sindaco di Lake Placid Art Devlin. “L’unico motivo per cui potevamo permettercelo era lo stato di New York. Avevano fiducia in noi, si fidavano di noi e hanno fatto un grande investimento”.

Il turismo è davvero l’unica industria a Lake Placid, quindi il villaggio fa affidamento su questi giochi e sul miglioramento dei luoghi. La speranza è quella di attrarre non solo più visitatori ma anche atleti che vogliono allenarsi e soggiornare – e spendere – a Lake Placid.

I Giochi universitari sono ancora in corso, ma già gli aggiornamenti della sede stanno dando i loro frutti. Il mese prossimo la FIS, l’organo di governo internazionale per lo sci e lo snowboard, ospiterà un evento di coppa del mondo a Lake Placid.

“Lo ospiteremo per la prima volta in, non so, forse 28 anni”, ha detto a The Daily Upside Art Lussi, membro del consiglio di amministrazione dell’ORDA. “Il Midwest avrebbe dovuto ospitarlo, ma non erano all’altezza degli standard, quindi la FIS ci ha chiamato. Normalmente, devi fare un’offerta e pagare per ottenere questo tipo di eventi, ma ora ci viene chiesto di ospitarli. ”

Advertisement
Advertisement

Trending