Entra in contatto con noi

Mercati americani

Trappola della Fed: il mercato azionario non salirà fino a quando i tassi non scenderanno, i tassi non scenderanno a meno che il mercato non scivoli

Pubblicato

il

sqback/iStock tramite Getty Images

L’economia e il mercato azionario sono bloccati in un circolo vizioso, impedendo la ripresa di una crescita significativa. La Federal Reserve statunitense ha fatto il possibile per cercare di far scendere il mercato azionario dalla fine del 2021, con l’obiettivo di ridurre pressione della spesa generata dalla ricchezza sugli squilibri inflazionistici. Per molti mesi, la Fed ha persino accennato al pretesto necessario per un passaggio nella politica dei tassi di interesse da un regime in rialzo (inasprimento del credito) a un regime in calo (espansione della liquidità), vale a dire un calo più consistente dell’azionario a Wall Street. Il problema è che i tentativi della Fed di abbassare i prezzi e le valutazioni non stanno ottenendo molta trazione.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Inoltre, gli effettivi aumenti dei tassi di interesse bancari non sono stati in grado di affondare l’economia abbastanza da invertire la politica in una posizione neutrale o accomodante. L’enigma che devono affrontare i governatori della Fed è che l’inflazione non tornerà al 2% o Obiettivi annuali del 3% da soli, mentre la spesa in deficit del Tesoro e la spesa per interessi stanno aumentando a causa degli sforzi di inasprimento del credito.

Certo, un calo tecnico del mercato ribassista del -20% è diventato realtà nel 2022 per i principali indici. Ma, con l’inflazione complessiva e i numeri “core” del costo della vita ancora compresi tra il 5% e il 6% annuo, la politica bancaria è completamente intrappolata in ulteriori aumenti dei tassi fino a quando qualcosa non si rompe. Ho menzionato più volte la possibilità che qualcosa si rompa nel sistema finanziario dall’estate, come prerequisito per porre fine a questo ciclo di inasprimento. Ad esempio, (1) il dollaro potrebbe affondare sui mercati dei cambi con l’inversione della fiducia nei trend di spesa in deficit degli Stati Uniti, (2) le banche potrebbero rifiutarsi di concedere nuovi prestiti man mano che l’affidabilità creditizia si deteriora e le questioni di accessibilità vengono alla ribalta con l’aumento dei tassi, o (3 ) il mercato azionario potrebbe crollare su problemi di profitto aziendale in una recessione in via di sviluppo.

La mia opinione cauta non è cambiata davvero a gennaio, il che significa l’ultimo rally del S&P 500 (SPX) (SP500) (SPIARE) (VOO), Nasdaq 100 (NDX) (QQQ) e Dow industriali (DJI) (DIAM) non ha fatto NULLA per cambiare lo status quo.

Advertisement

StockCharts.com – S&P 500, variazioni giornaliere del valore (dividendo rettificato), 18 mesi

I tassi odierni sui prestiti, sul debito e sui buoni del Tesoro sono onestamente troppo alti per sostenere l’economia, ma troppo bassi per rallentare l’inflazione fino agli obiettivi della Fed del 2% su base annua. In assenza di qualcosa che si rompa per aggiungere peso alla pressione al ribasso macroeconomica, incoraggiando al contempo un processo decisionale più prudente tra consumatori e imprese, i tassi di interesse potrebbero non cambiare drasticamente nel 2023. Quindi, se i profitti aziendali iniziano a fare marcia indietro e i tassi di interesse non scendono, dove sarà il potere d’acquisto sostenibile per il mercato azionario provengono?

Il problema del debito del Tesoro aumenta

Senza dubbio, la vertiginosa spesa per interessi su 31,4 trilioni di dollari di debito sovrano potrebbe annientare ogni speranza di una ripresa economica prolungata oltre il 2023. raddoppiato a $ 724 miliardi (sulla folle pandemia di prestiti e ora l’aumento dei tassi di interesse sulla pesante attività di rifinanziamento annuale), ed è destinato a eclissare $ 1 trilione non appena l’anno fiscale 2023 terminerà ad ottobre!

Statista – Interessi passivi annuali totali sul debito del Tesoro, dal 2012

Advertisement

Dati i disavanzi in aumento (di nuovo con il rallentamento dell’economia) e l’odierna fissazione del tasso di interesse al 4,6% sull’estremità breve della curva della duration (dove esiste la maggior parte delle nostre esigenze di finanziamento e rifinanziamento del disavanzo), l’offerta di titoli del Tesoro potrebbe presto spiazzare i flussi di capitale nel settore produttivo parti dell’economia statunitense, specialmente quando la Fed sta inasprendo il QE (vendendo titoli del Tesoro). $ 1 trilione per la spesa per interessi equivale a meglio di $ 3000 pro capite in America, o $ 12.000 per una famiglia di quattro persone come quota ogni anno, solo per pagare gli interessi su decenni di prestiti passati. Se i tassi di interesse non scenderanno presto, l’aumento dei costi degli interessi per lo zio Sam, le imprese e i consumatori potrebbe rendere la futura espansione economica quasi impossibile. Le mie stime sono che ogni aumento dell’1% dell’intera curva dei rendimenti aggiunge circa $ 100 miliardi di spesa annua in 12-18 mesi e fino a $ 200 miliardi all’anno in un arco di 10 anni, con una scadenza media di poco superiore a 6 anni (assumendo un deficit annuale esigenze di finanziamento di $ 2 trilioni all’anno in futuro sono finanziate a tassi nettamente più alti rispetto al 2021).

I neoeletti repubblicani alla Camera dei Rappresentanti credono di poter tagliare magicamente la spesa per pareggiare il bilancio, ma ciò probabilmente provocherebbe solo una depressione economica quest’anno o il prossimo, dato che i sostegni alla spesa pubblica per l’economia statunitense vengono eliminati (spese di deficit di emergenza da allora la Grande Recessione del 2008 finanziata dagli acquisti di Treasury QE della Fed). Suggerisco di non provare questa medicina, perché un crollo iperinflazionistico o deflazionistico non sarà divertente o costruttivo per nessun sottogruppo della popolazione (forse un gruppo selezionato di individui adeguatamente preparati).

Le probabilità di recessione crescono ogni giorno

Quindi, se il mercato azionario continua a salire, il che incoraggia la Fed a continuare a inasprire, dove sta portando tutto questo? La mia semplice risposta è: PROBLEMI. Mentre numerosi seguaci del mercato pensano che un aumento del mercato azionario all’inizio del 2023 significhi che non si verificherà una recessione, ho una notizia per te. Siamo in un Comma 22, una situazione che stringe il cappio, in cui le buone notizie rendono l’inevitabile svenimento di Wall Street e la recessione degli Stati Uniti PIÙ probabile nel lungo periodo, non meno. Più forti saranno le notizie economiche all’inizio del 2023, più stretto sarà il cappio dei tassi, spingendo una legittima stretta creditizia all’overdrive.

Lo spread di inversione record di 40 anni nella curva dei rendimenti del Tesoro è diventato piuttosto pronunciato da novembre. In effetti, lo spread di tassi ancora più elevati sul lato breve rispetto ai rendimenti ora in calo sul lato lungo sta telegrafando un terribile avvertimento rispetto a 3 mesi o 6 mesi fa. Sta prevedendo a gran voce un malvagio rallentamento dell’economia prima, piuttosto che dopo. Di conseguenza, seguirò i fatti con i miei investimenti e non inseguirò il sentimento fluttuante della folla questa settimana o la prossima.

Advertisement

USTreasuryYieldCurve.com – 13 gennaio 2023

USTreasuryYieldCurve.com – 17 novembre 2022

Cosa fare?

Oggi sono seduto solo al 10% investito in azioni regolari, perché un rallentamento economico verso la recessione potrebbe essere quasi assicurato, a mio parere, avendo seguito i mercati e scambiandoli dal 1986. Ho circa il 35% investito in contanti guadagnando il 4% , più un altro 30% in fondi obbligazionari a medio e lungo termine che guadagnano il 5% come scambio per 3-6 mesi (presupponendo che la recessione sia la prossima e la Fed possa prevenire una crisi di fiducia del Tesoro). Infine, cosa più importante, ho investito circa il 25% in lingotti d’oro/argento/platino e relativi minatori di metalli monetari. Un’economia incredibilmente cattiva nel corso dell’anno potrebbe causare un’ondata di interesse all’acquisto mentre investitori, istituzioni e governi si affrettano verso la forma più pura di sicurezza finanziaria. Se sperimentiamo solo una lieve recessione, con un altro ribasso del mercato azionario dal 15% al ​​20%, anche questa combinazione di attività dovrebbe sopravvivere bene. Sto stimando che l’asset allocation netta del portafoglio dovrebbe crescere leggermente in valore, forse dal +10% al +15% per i tassi di guadagno annualizzati.

Il punto è che mi sto in gran parte allontanando dal mercato per un periodo (non le azioni corte, badate bene), in attesa di una configurazione di ingresso più intelligente. Sto ancora facendo le mie solite ricerche e scrivendo sui titoli che posso trovare con caratteristiche di slancio e valutazioni delle azioni fraintese: idee davvero utili in un ambiente di mercato rischioso.

Advertisement

Inoltre, sono disposto a rinunciare a rally intermittenti del 5% o del 10%, come abbiamo visto nei mesi di luglio-agosto e novembre e gennaio, aspettando pazientemente che qualcosa si rompa. La mia opinione è che un rialzo significativo su Wall Street sia piuttosto improbabile, poiché il mercato azionario rimane sopravvalutato (una funzione del valore totale ancora vicino ai massimi storici rispetto alla produzione del PIL, esclusa la bolla 2020-21) e i tassi di interesse rimangono nel 4% al 5% (un massimo di 15 anni per la maggior parte delle durate). La Fed non ha scuse difendibili per tagliare i tassi di interesse con un’inflazione superiore al 6% e rendimenti “reali” negativi (corretti per l’inflazione) ancora qui e ora.

YCharts – Capitalizzazione totale del mercato azionario rispetto al PIL, 50 anni

YCharts – Tasso di interesse del Tesoro a 2 anni, dal 2008

Un portafoglio azionario completamente investito ora è effettivamente posizionato per “combattere la Fed”, che si è rivelato un compito difficile nel corso della storia. La Fed preferirebbe una recessione e un mercato azionario più basso in modo da poter abbassare rapidamente i tassi di interesse facendo pressione sulla spesa del debito del Tesoro. Questa è la fine del gioco: mantenere il Tesoro solvibile e in grado di funzionare.

Advertisement

Altrimenti, avremo una vera crisi di fiducia del dollaro e una recessione di gran lunga peggiore di quella che ognuno di noi ha sperimentato. Il debito sovrano record rispetto al PIL di quasi il 140% è cresciuto a proporzioni catastrofiche, dove un’altra profonda recessione potrebbe sottomettere la nostra economia da cui non sarà facile riprendersi. Modellare una grave recessione di $ 3 trilioni di nuovi deficit federali ogni anno su un numero di PIL in calo o piatto (a seconda dei tassi di inflazione) potrebbe convincere gli investitori stranieri che l’abilità finanziaria americana sta per finire. Gli afflussi di capitali dall’estero per finanziare continuamente la nostra spesa in deficit non sono una garanzia per il futuro. Non prenderti in giro. L’America non fa eccezione. Alla fine, la matematica marcio del deficit/debito federale ci raggiungerà. Vivere con successo in modo pericoloso per decenni può ancora finire in un disastro fiscale, forse all’improvviso quando appare un nuovo evento del cigno nero.

TradingEconomics.com – Debito del Tesoro USA rispetto al PIL, 50 anni

Per favore, evita di chiamarmi orso o toro o maiale per il momento in base alla direzione del mercato. Considerami come un pollo. Il mio obiettivo è vivere per combattere un altro giorno. Questa tigre salterà fuori dal suo costume da pollo quando sarà il momento giusto, forse quando il mercato azionario sarà costretto a scontare il calo dei profitti aziendali in una recessione e la Fed potrà tornare a stampare denaro.

Grazie per aver letto. Considera questo articolo come un primo passo nel tuo processo di due diligence. Si consiglia di consultare un consulente per gli investimenti registrato ed esperto prima di effettuare qualsiasi operazione.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

Stock picker classificato a livello nazionale da 30 anni. Victory Formation e Bottom Fishing Club pioniere del quant-sort…..Paul Franke è un investitore privato e speculatore con 36 anni di esperienza nel trading. Negli anni ’90 Franke è stato direttore ed editore della newsletter Maverick Investor®, ampiamente citata da CNBC®, Barron’s®, Washington Post® e Investor’s Business Daily®. Paul è stato costantemente classificato tra i migliori consulenti per gli investimenti a livello nazionale per le viste macro del mercato azionario e delle materie prime da Timer Digest® durante gli anni ’90. Mr. Franke si è classificato al primo posto nel concorso di selezione titoli Motley Fool® CAPS durante parti del 2008 e del 2009, su oltre 60.000 portafogli. Franke è stato direttore della ricerca presso Quantemonics Investing® dal 2010 al 2013, gestendo diversi portafogli modello sulla piattaforma mirror di Covestor.com (incluso il portafoglio azionario meno volatile, con beta più basso e interamente investito sul sito). A gennaio 2023, è stato classificato nel Top 5% dei blogger da TipRanks® per le prestazioni di selezione titoli nelle posizioni ricoperte per un anno. Uno stile di selezione delle azioni contrarian, insieme all’analisi giornaliera dell’algoritmo dei dati fondamentali e tecnici, è stato sviluppato in un sistema per la ricerca di azioni, denominato “Victory Formation”. Gli squilibri tra domanda e offerta segnalati da specifici prezzi delle azioni e movimenti di volume sono una parte fondamentale di questa formula per il successo. Mr. Franke suggerisce agli investitori di utilizzare livelli di stop-loss del 10% o del 20% sulle scelte individuali e un approccio diversificato di possedere almeno 50 favoriti ben posizionati per ottenere una regolare sovraperformance del mercato azionario. Anche la vendita allo scoperto di titoli in titoli a momentum debole e sopravvalutati come scambi di coppie e coperture è una parte del design del portafoglio lungo/corto della formazione della vittoria. Gli articoli di “Bottom Fishing Club” si concentrano su candidati o azioni di valore profondo che stanno vivendo un’importante inversione di slancio tecnico al rialzo. Gli articoli “Volume Breakout Report” discutono dei cambiamenti di tendenza positivi supportati da una forte azione di trading su prezzi e volumi.

Divulgazione: Non deteniamo/non deteniamo posizioni su azioni, opzioni o derivati ​​simili in nessuna delle società menzionate e non prevediamo di aprire posizioni di questo tipo entro le prossime 72 ore. Ho scritto io stesso questo articolo ed esprime le mie opinioni. Non ricevo compenso per questo (tranne che da Seeking Alpha). Non ho rapporti d’affari con nessuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo.

Informativa aggiuntiva: Possiedo una piccola posizione di 401k in un fondo indicizzato Vanguard S&P 500 simile a VOO, come partecipazione a lungo termine.

Advertisement

Questo scritto è solo a scopo educativo e informativo. Tutte le opinioni espresse nel presente documento non sono raccomandazioni di investimento e non devono essere prese in considerazione nelle decisioni di investimento. L’autore non agisce in qualità di consulente per gli investimenti e non è un consulente per gli investimenti registrato. L’autore raccomanda agli investitori di consultare un consulente per gli investimenti qualificato prima di effettuare qualsiasi operazione. Eventuali proiezioni, prospettive di mercato o stime qui contenute sono dichiarazioni previsionali e si basano su determinati presupposti e non devono essere interpretate come indicative di eventi reali che si verificheranno. Questo articolo non è un rapporto di ricerca sugli investimenti, ma un’opinione scritta in un determinato momento. Le opinioni dell’autore qui espresse riguardano solo un piccolo spaccato di dati relativi ad un investimento in titoli citato. Qualsiasi analisi presentata si basa su informazioni incomplete ed è limitata in termini di portata e accuratezza. Le informazioni ei dati contenuti in questo articolo sono ottenuti da fonti ritenute attendibili, ma non si garantisce la loro accuratezza e completezza. L’autore declina espressamente ogni responsabilità per errori ed omissioni nel servizio e per l’uso o l’interpretazione da parte di terzi delle informazioni qui contenute. Tutte le opinioni, stime e conclusioni si basano sul miglior giudizio dell’autore al momento della pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. L’autore non si assume alcun obbligo di correggere, aggiornare o rivedere le informazioni contenute in questo documento o di fornire altro materiale aggiuntivo. Le performance passate non sono garanzia di rendimenti futuri.

Advertisement

Trending