martedì 19 ottobre 2021

Trigliceridi: perché tenerli sotto controllo

Le principali fonti di energia lipidica fornite all’organismo attraverso gli alimenti (acidi grassi) sono immagazzinate nel tessuto adiposo e muscolare dopo essere state convertite in trigliceridi mediante una reazione chimica con il glicerolo (comune glicerolo).

I depositi così formati vengono colpiti quando l’organismo, che ha bisogno di energia per svolgere le reazioni metaboliche, va in senso opposto. Di conseguenza le molecole si scindono (la reazione è determinata, in questo caso per idrolisi), liberando acidi, grassi e glicerina. Di conseguenza, l’idrolisi dei trigliceridi sprigiona energia, misurabile in kJ o kcal, e che determina il valore energetico degli alimenti.

La concentrazione di trigliceridi nel sangue è chiamata trigliceridemia. Essendo sostanze grasse, questi composti non possono essere trasportati dal sangue in quanto tali, senza formare aggregati e senza depositarsi sulle pareti, il che è molto simile al comportamento dell’olio versato nell’acqua. Quindi, per renderli solubili nel sangue, vengono rivestiti e trasportati da speciali proteine ​​(lipoproteine) solubili in mezzo acquoso.
I principali grassi alimentari sono i trigliceridi, che si trovano negli oli vegetali e nei grassi animali.

Questi nutrienti rendono decisamente gustoso il cibo, in quanto ne arricchiscono il gusto e ne assicurano la morbidezza.

Dal punto di vista nutrizionale, quindi, forniscono un’adeguata fonte di energia e contengono micronutrienti essenziali come le vitamine liposolubili (A, E, K e D) e gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga (chiamati anche vitamina F). .

La reazione più pericolosa a cui sono sottoposti è la reazione di ossidazione e perossidazione, cioè ossidazione potenziata. Ciò accade quando i grassi entrano in contatto con l’ossigeno e questa reazione è comunemente nota come irrancidimento. Inoltre, questi lipidi sono un materiale isolante. Accumulandosi nello strato di grasso sottocutaneo (cuscinetto adiposo), contrastano la dissipazione del calore. Pertanto, aiutano a mantenere una temperatura costante (omeostasi termica). A seconda del rischio clinico, la trigliceridemia può essere considerata:

normale, inferiore a 175 mg/dl
lieve, da 175 a 885 mg / dL
grave, superiore a 885 mg/dl.