martedì 28 giugno 2022

Triste primato per il Belpaese: primo in Europa per numero morti in una settimana

A dirlo è l’ultimo report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che stima oltre i 526 milioni i casi confermati e oltre 6 milioni di morti registrati nel pianeta da inizio pandemia. L’Italia terza a livello globale e prima in Europa per nuovi decessi, e terza nell’area europea per nuovi contagi. In definitiva nel mondo continuano però  a calare i contagi e i morti Covid a livello globale.

DAI DATI DELL’ ULTIMO REPORT ( dal 23 al 29 maggio)  SI LEGGE: Nella settimana dal 23 al 29 maggio, sono oltre 3,3 milioni i nuovi casi segnalati (-11% rispetto ai 7 giorni precedenti) e 9.600 i decessi (-3%), per un totale di oltre 526 milioni di casi confermati e oltre 6 milioni di morti registrati nel pianeta da inizio pandemia. Nel periodo analizzato  il numero dei nuovi casi settimanali è aumentato in due regioni Oms (Americhe, +9%; Mediterraneo orientale, +1%), mentre le altre 4 riportano un calo. Registrano una crescita dei morti il Pacifico occidentale (+18%), la regione africana (+15%) e le Americhe (+13%), con le altre 3 regioni che mostrano trend decrescenti. Queste tendenze dovrebbero essere interpretate con cautela, poiché diversi Paesi hanno progressivamente modificato le loro strategie di test, con una conseguente riduzione del numero complessivo di tamponi eseguiti e dunque dei casi rilevati”.

Intanto nel mondo del Pharma si parla di altri vaccini e sono attesi nelle prossime settimane  i risultati degli studi clinici condotti per valutarne l’efficacia e la sicurezza. Si tratta dei vaccini anti-Covid progettati da BioNTech contro le varianti Omicron del coronavirus Sars-CoV-2. A darne notizia  oggi la società tedesca in particolare il  Ceo di BioNTech, Ugur Sahin che ha trasformato l’azienda in una “centrale elettrica dell’immunoterapia”, aprendo la strada alla ricerca basata sulla tecnologia dell’mRna che secondo Ugur Sahin ha mostrato un grande potenziale per nuovi approcci contro condizioni come patologie autoimmuni, problemi circolatori e per la medicina rigenerativa malattie infettive e apre nuove possibili ricerche contro il cancro.