martedì 24 novembre 2020

Trump bussa alla Fed per non aver tagliato: “Come al solito, Jay Powell e la Federal Reserve sono lenti ad agire”

Il presidente Donald Trump ha aumentato la pressione sulla Federal Reserve per tagliare i tassi di interesse, twittando lunedì che la banca centrale americana è in ritardo rispetto ai suoi pari globali.

“Come al solito, Jay Powell e la Federal Reserve sono lenti ad agire. La Germania e altri stanno pompando denaro nelle loro economie. Altre banche centrali sono molto più aggressive”, ha detto Trump, riferendosi al presidente della Fed.

“Gli Stati Uniti dovrebbero avere, per tutte le giuste ragioni, il tasso più basso. Noi non, mettendoci in un … svantaggio competitivo. Dovremmo essere in testa, non seguire!” ha aggiunto.

I tweet sono stati uno dei tanti sforzi che il presidente ha fatto per spingere la Fed a facilitare la sua politica, anche se spesso sottolinea che crede nella sua indipendenza.

I mercati si aspettano ampiamente che la Fed tagli i tassi di interesse prima di marzo 17 – 18 incontro. I commercianti stanno attualmente valutando un punto base 50 tagliato questo mese seguito da un altro punto 50 prima della fine dell’anno in risposta alle pressioni economiche del nuovo spread coronavirus.

In una dichiarazione venerdì, Powell ha affermato che la banca centrale “sta monitorando attentamente” l’epidemia di coronavirus e si è impegnata a “usare i nostri strumenti e agire come appropriato per sostenere l’economia”.

L’ex governatore della Fed Kevin Warsh, che è stato menzionato occasionalmente come possibile successore di Powell, ha detto venerdì alla CNBC che la Fed dovrebbe tagliare i tassi nell’ambito di una mossa coordinata con altre banche centrali globali.

a CNBC PRO per approfondimenti e analisi esclusivi e programmazione di giorni lavorativi in ​​diretta da tutto il mondo.

Articolo originale di CNBC