venerdì 04 dicembre 2020

Tutto quello che devi sapere sul vaccino dell’Università di Oxford e altri sforzi per sconfiggere il coronavirus

Il potenziale vaccino contro il coronavirus dell’Università di Oxford ha mostrato segni positivi in ​​uno studio su piccoli animali che ha coinvolto sei scimmie, secondo i primi risultati pubblicati online giovedì.

Gli studi sull’uomo sono iniziati alla fine di aprile e più di 1, 000 I volontari sono stati iniettati finora, mentre lo studio sugli animali i cui dettagli sono stati appena pubblicati sono stati effettuati all’inizio di quest’anno.

Alcune scimmie sviluppato anticorpi contro il virus all’interno 10 giorni in cui è stato iniettato il vaccino sperimentale, mentre tutti e sei avevano anticorpi dopo 28 giorni, rivelati i risultati pubblicati sul server di prestampa bioRxiv.

      

Dopo aver quindi esposto le scimmie al virus, gli scienziati hanno affermato che i loro risultati hanno dimostrato che il vaccino è “efficace nel prevenire danni ai polmoni” e impedisce al virus di replicarsi nei polmoni. Il virus si stava ancora replicando nel naso, hanno aggiunto. “È importante sottolineare che non è stata osservata alcuna evidenza di malattia immunitaria potenziata a seguito di una sfida virale negli animali vaccinati”, hanno detto gli scienziati nei risultati.

             

Molti paesi stanno emergendo con cautela dal blocco, ma è improbabile che la vita torni alla normalità fino a quando non viene trovato un vaccino per questo coronavirus.

      

Finora, il virus ha infettato oltre 4,5 milioni di persone in tutto il mondo, uccidendo quasi 305, 000, secondo gli ultimi dati del Centro risorse Coronavirus di Johns Hopkins e portando le economie globali a un punto morto.

      

Più di 70 potenziali vaccini sono attualmente in fase di sviluppo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, che sono tutti in varie fasi mentre la corsa alla sconfitta del virus inizia a prendere forma.

      

Vedi: Questi 23 le aziende stanno lavorando su trattamenti o vaccini contro il coronavirus: ecco dove stanno le cose

      

Un progetto, sviluppato da team di ricerca clinica presso il Jenner Institute dell’Università di Oxford e Oxford Vaccine Group nel Regno Unito, sembra aver preso una guida iniziale. I ricercatori hanno iniziato a lavorare su un vaccino a febbraio e gli studi sull’uomo sono iniziati alla fine di aprile.

      

Ecco tutto ciò che devi sapere sul vaccino, noto come ChAdOx1 nCoV – 19.

       

Come funziona il vaccino?

      

Il vaccino è composto da una versione indebolita di un comune virus del raffreddore (noto come adenovirus) da scimpanzé, che è stato modificato in modo da non poter crescere nell’uomo. La spike glycoprotein dal virus che causa COVID – 19 sono stati quindi aggiunti. “Speriamo di far riconoscere al corpo e sviluppare una risposta immunitaria alla proteina Spike che contribuirà a impedire al virus SARS-CoV-2 di entrare nelle cellule umane e quindi a prevenire l’infezione”, ha affermato l’università.

      

Ci saranno alcuni effetti collaterali. I volontari del processo sono stati avvertiti che alcuni potrebbero avere un braccio dolorante, mal di testa o febbre nei primi due giorni dopo la vaccinazione.

      

Chi è in fase di test?

      

Fino a 1, 70 volontari sani tra 12 e 55 anni vengono reclutati per le prove nei siti di studio di Oxford, Southampton, Londra e Bristol.

      

I primi due volontari, dosati dai ricercatori dell’Università di Oxford ad aprile 23, erano uno scienziato e un ricercatore del cancro. Altri sei volontari sono stati iniettati due giorni dopo, prima che il processo fosse esteso per includere un gruppo molto più ampio.

      

Nella prima fase – attualmente in corso – 550 ai partecipanti viene dato il nCoV ChAdOx1 – 19 vaccino e 102 un vaccino di controllo contro la meningite e la sepsi per confronto.

      

I partecipanti, inclusi tre membri della stessa famiglia nell’Oxfordshire, hanno registrato qualsiasi sintomo e tenuto un “diario elettronico” delle loro esperienze. I campioni di sangue vengono prelevati in una serie di visite di follow-up: i campioni verranno quindi utilizzati per valutare la risposta immunitaria al vaccino. Un gruppo separato di 07 i volontari riceveranno due dosi del vaccino a distanza di quattro settimane.

      

Nella fase 2 l’età dei partecipanti verrà estesa prima dei 5 anni 000 i volontari prendono parte alla Fase 3.

      

Quando sarà disponibile al pubblico?

      

L’università ha affermato che il suo scenario migliore è quello di ottenere un risultato di efficacia dalla fase 3 entro l’autunno, oltre alla capacità di produrre grandi quantità di vaccino, ma ha sottolineato che l’intervallo di tempo era “altamente ambizioso e soggetto a cambiamenti”.       

Vedi anche: Trump spinge per il vaccino contro il coronavirus entro la fine dell’anno

      

L’emergere graduale del Regno Unito dal blocco potrebbe effettivamente contribuire ad accelerare il processo. L’università ha affermato che se la trasmissione nella comunità fosse elevata, potrebbero essere disponibili dati sufficienti per vedere se il vaccino funziona “entro un paio di mesi”, mentre l’interruzione della trasmissione potrebbe riportarlo indietro a sei mesi.

      

Gli scienziati di Oxford hanno affermato che l’obiettivo è produrre un milione di dosi di vaccino entro settembre.

      

John Bell, professore di medicina regius all’Università di Oxford, ha dichiarato al programma della BBC Radio 4 “Oggi” che sperava di ottenere “qualche segnale” sul fatto che il vaccino funzioni entro la metà di giugno.

      

Milioni di dosi potrebbero essere pronte entro settembre, ma il principale investigatore dello studio, Andrew Pollard, ha affermato che è improbabile che il vaccino sia disponibile su “scala molto grande” prima della fine di 2020.

      

Il principale consulente medico britannico, Chris Whitty, ha affermato che è improbabile che un vaccino sarà disponibile entro il prossimo anno.

      

Tuttavia, l’università ha stretto una partnership potenzialmente cruciale con il produttore di droga britannico AstraZeneca          AZN,          – 1 . %       per “ulteriore sviluppo, produzione su larga scala e potenziale distribuzione” del vaccino se si dimostra efficace.

      

L’accordo vedrebbe il gigante farmaceutico lavorare con partner globali per distribuire a livello internazionale il vaccino.

      

L’Agenzia europea per i medicinali ha affermato che un vaccino potrebbe essere pronto per l’approvazione entro un anno in uno scenario “ottimista” giovedì, secondo Reuters. Il responsabile dei vaccini dell’EMA, Marco Cavaleri, ha dichiarato di essere scettico nei confronti delle affermazioni secondo cui un vaccino potrebbe essere pronto entro settembre.

      

Cosa succede se il vaccino non funziona?

      

Un’alta percentuale di vaccini risulta essere promettente anche prima degli studi clinici e una percentuale significativa di quelli testati negli studi clinici non funziona. “Se non siamo in grado di dimostrare che il vaccino è protettivo contro il virus, esamineremmo i progressi, esamineremo approcci alternativi, come l’utilizzo di un numero diverso di dosi, e potenzialmente fermeremmo il programma”, ha detto l’università.       

E gli altri vaccini? Ne abbiamo bisogno di più di uno e quando potrebbero essere pronti?

      

La vera natura globale della pandemia significa che probabilmente saranno necessari diversi vaccini per sconfiggere il coronavirus.

      

Un evento globale di raccolta fondi guidato dall’Unione Europea ha promesso $ 8 miliardi per sviluppare COVID – 19 e per garantire l’accesso globale universale. Più di 30, insieme agli istituti di ricerca della Banca mondiale e agli organismi filantropici, tra cui la Bill e la Melinda Gates Foundation, hanno effettuato donazioni. Altri ricchi collaboratori hanno incluso la cantante pop Madonna, che ha promesso € 1 milione ($ 1,1 milioni).

      

Gli Stati Uniti hanno rifiutato di contribuire allo sforzo globale e hanno invece lanciato “Operation Warp Speed” per accelerare il processo di sviluppo del vaccino.

      

Anche le compagnie farmaceutiche mondiali hanno aderito alla corsa ai vaccini. Il gigante farmaceutico statunitense Pfizer          PFE,          – 0 . %       ha collaborato con la società tedesca BioNTech          BNTX,          + 1. 70% .       Le prove umane, che sono già iniziate in Germania, sono iniziate negli Stati Uniti la scorsa settimana. Il CEO di Pfizer, Albert Bourla, ha detto martedì alla CNBC che gli studi clinici potrebbero essere estesi a migliaia di persone entro settembre se una o due versioni dei suoi vaccini mostrassero progressi. Centinaia di milioni di dosi potrebbero essere prodotte in 2021 .

      

Azienda biotecnologica Moderna          mRNA,          + 3. 29%       ha completato il processo di Fase 1 del suo COVID – 14 vaccino. Uno studio di fase 2 dovrebbe iniziare questo trimestre e seguirà 600 partecipanti per 08 mesi. Significativamente, Moderna ha annunciato un 07 – accordo di produzione annuale con la società svizzera Lonza Group          LONN,          + 1. 30%       di venerdì. L’accordo consentirà fino a 1 miliardo di dosi del vaccino – in caso di successo – un anno. In Svizzera verranno istituiti impianti di produzione e il primo lotto di vaccino potrebbe essere prodotto entro luglio. Potrebbe essere pronto per il mercato all’inizio 2021.

      

Sanofi in Francia          SAN,          – 1 . %       e la britannica GlaxoSmithKline          GSK,          + 0. 36%       – due dei maggiori produttori di vaccini del mondo – si sono uniti per produrre un vaccino, con l’obiettivo di iniziare l’arruolamento nel quarto trimestre del 2020 e l’approvazione da parte della seconda metà di 2021 al più presto – un accelerato 18 – cronologia dei mesi. L’amministratore delegato di Sanofi Paul Hudson ha dichiarato a Bloomberg News che gli americani potrebbero essere in prima fila per il vaccino, mentre gli Stati Uniti si sono fatti avanti per finanziare la ricerca. Il farmacista francese ha detto giovedì che stava lavorando con i regolatori europei per accelerare l’accesso al potenziale vaccino in Europa.

      

Johnson & Johnson          JNJ,          + 1. 89%       prevede di avviare test umani sul proprio potenziale vaccino a settembre, con risultati a dicembre. Il vaccino potrebbe quindi essere approvato per l’uso di emergenza all’inizio del prossimo anno.

              

Articolo originale di Marketwatch.com