mercoledì 25 novembre 2020

Twitter e Donald Trump: secondo il Social Network si tratta di media manipolato

Giovedi Twitter ha contrassegnato un video twittato dal presidente Donald Trump come “media manipolato”, aggiungendo ancora una volta un’etichetta di verifica dei fatti ai tweet del presidente.

Il tweet senza didascalie – che al momento della scrittura è stato visto da oltre 5 milioni di volte e apprezzato da oltre 200.000 utenti – presenta filmati virali su Internet di un abbraccio di un bambino nero e bianco. Tuttavia, la clip condivisa dal presidente è stata modificata per accusare i media di diffondere disinformazione razziale e provocatoria ed è sovrapposta a un falso chyron della CNN che recita: “Il bambino terrorizzato fugge da un bambino razzista”. Il video si conclude con il messaggio: “L’America non è il problema. Le notizie false sono. Solo tu puoi prevenire gli incendi del cassonetto delle notizie false. ”

Un portavoce di Twitter ha detto che il tweet viola la politica della società “Media sintetici e manipolati” e, pertanto, è stato segnalato “per dare alla gente più contesto”. Vale la pena notare che questa volta, Twitter non ha disabilitato il video, né ha impedito alle persone di ritwittarlo o apprezzarlo e invece, ha semplicemente schiaffeggiato un’etichetta su di esso che reindirizza il lettore alla sua politica sui media manipolata.

In risposta, il responsabile delle comunicazioni della CNN ha dichiarato che la rete ha coperto la storia un anno fa “esattamente come è successo”. “Continueremo a lavorare con fatti piuttosto che twittando video falsi che sfruttano bambini innocenti”, ha scritto nel tweet.

Oggi, Facebook, che ha preso una posizione ferma contro il controllo dei fatti pubblicitari, ha rimosso gli annunci della campagna di Trump per usando un simbolo legato ai nazisti.

Il colosso dei social media ha affermato che le pubblicità “stavano violando la nostra politica contro l’odio organizzato”. “La nostra politica proibisce l’uso del simbolo di un gruppo di odio bandito per identificare i prigionieri politici senza il contesto che condanna o discute il simbolo”, ha aggiunto un portavoce di Facebook.

Il 5 giugno, Twitter aveva anche rimosso i video pubblicati da due dei profili della campagna di rielezione dell’amministrazione Trump, Team Trump e Trump War Room, per violazione del copyright giovedì. Alcune settimane prima, la società di social media ha censurato Trump e i tweet della Casa Bianca sul Minnesota per “glorificare la violenza”.

Il presidente Trump non ha ancora rilasciato una dichiarazione sull’ultima rimozione di Twitter.