Entra in contatto con noi

Mercati americani

Un alto rapporto “Put to Calls” nelle azioni Apple è incoraggiante per i rialzisti

Pubblicato

il

Pgiam/iStock tramite Getty Images

Poche settimane fa, il rapporto “puts to call” del CBOE è salito al livello più alto degli ultimi 20 anni, anche al di sopra dei livelli raggiunti durante la crisi finanziaria del 2007-2008. Ciò ha prodotto un forte segnale di “acquisto”, che abbiamo spiegato in questi recenti articoli (Articoli Put e Call). Se non hai familiarità con il rapporto tra “put e call”, dovresti prima leggere questi articoli.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

In sostanza, il rapporto tra “put e call” è un potente indicatore di opinione contraria. Quando gli investitori acquistano un gran numero di opzioni put, segnala un atteggiamento ribassista nelle loro aspettative di mercato. Storicamente, questo segnala momenti molto positivi per le azioni. I dati per eseguire questi calcoli sono forniti dal CBOE.

Due modi per misurare il rapporto tra put e call.

Il modo normale per formare il rapporto “puts to call” è dividere il numero di contratti put acquistati per il numero di contratti call. Questo generalmente funziona molto bene per il mercato azionario generale. Tuttavia, quando si tratta di singole azioni ed ETF, a volte otteniamo risultati migliori utilizzando un secondo metodo. Il secondo metodo confronta la quantità di denaro che entra in put rispetto a call.

Il rapporto standard non confronta i soldi; è solo il rapporto tra il numero di contratti acquistati. Supponiamo, tuttavia, che le opzioni put siano tre volte più costose delle opzioni call. Un rapporto tra contratti potrebbe essere uno a uno, ma il rapporto denaro sarebbe 3 a 1. Quindi, il secondo metodo divide la quantità di denaro destinata alle opzioni put per la quantità destinata alle chiamate. Questo rapporto è chiamato il rapporto di “premium” e questo articolo ti mostrerà i rapporti attuali utilizzando entrambi i metodi sia per le azioni Apple che per l’intero settore tecnologico.

Advertisement

Grande quantità di “acquisti put” in azioni Apple

C’è stata una grande quantità di “acquisti put” nelle azioni Apple. Ciò riflette l’atteggiamento ribassista generale nei confronti di questo settore un tempo caldo. Al contrario, però, questo è molto positivo sia per il settore che per Apple.

Mentre i guadagni ei fattori economici guidano i valori delle azioni, sono i pensieri e l’attività di acquisto degli investitori che muovono i mercati. Osservare quanti soldi si stanno muovendo nelle put e nelle call di un titolo fornisce informazioni su ciò che gli investitori pensano del mercato, di un settore o di un titolo. L’analisi del sentiment degli investitori non intende sostituire l’analisi fondamentale. Al contrario, ha lo scopo di complimentarlo. Questo è essenzialmente ciò per cui lo usiamo.

Rapporto contrattuale “Puts To Calls” di Apple (Michael McDonald)

Il rapporto “put the call” dei contratti in azioni Apple è attualmente di 1,2 put per ogni call. Questo è il rapporto più alto in quattro anni. Le frecce verdi indicano i picchi precedenti in questo rapporto.

Advertisement

Il grafico successivo mostra lo stesso rapporto ma per i premi di prezzo nelle put e nelle call di Apple. Mostra che 4,6 volte più denaro viene investito negli acquisti put rispetto agli acquisti call. Le frecce verdi, allo stesso modo, indicano momenti critici come indicato da alti rapporti in questo indicatore.

Rapporto Premium “Puts to Calls” di Apple (Michael McDonald)

Osserviamo simili rapporti “put to call” elevati nel settore della tecnologia totale.

Grande quantità di “acquisti put” nel settore tecnologico

I due grafici sottostanti mostrano gli stessi rapporti tra put e call per l’intero settore tecnologico. Le statistiche put e call di oltre 600 titoli tecnologici entrano in questi calcoli del rapporto. I rapporti sono tracciati rispetto all’ETF sulla tecnologia iShares come riferimento di prezzo.

Advertisement

Il rapporto contrattuale tra put e call per l’intero settore è di 1,2 put per ogni call. Quando calcoliamo la quantità di denaro che entra in put rispetto a call, troviamo sette volte più denaro che entra in put che in call.

Rapporto contrattuale “Puts to Calls” di oltre 600 titoli tecnologici (Michael McDonald)

“Puts to Calls” Premium Ratio Oltre 600 titoli tecnologici (Michael McDonald)

Porta via Mentre molti investitori sono preoccupati per le prospettive dei titoli tecnologici in un contesto di tassi di interesse elevati, questi ampi rapporti “put to call” sia in Apple che nell’intero settore tecnologico sono incoraggianti poiché implicano prezzi più alti, almeno nel prossimo futuro. I rapporti non indicano quanto “più alto” ma l’esperienza ci ha insegnato che rapporti così grandi di solito precedono sostanziali guadagni di prezzo per almeno sei mesi a un anno.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

Michael James McDonald è un esperto di previsioni del mercato azionario, autore ed ex vicepresidente senior degli investimenti presso quella che oggi è Morgan Stanley. È un sostenitore a lungo termine della teoria dell’opinione contraria e della misurazione del sentimento degli investitori nella previsione della direzione dei prezzi. Il suo primo libro, “A Strategic Guide to the Coming Roller Coaster Market” è stato pubblicato nel giugno del 2000, tre mesi prima della top del mercato dot comm. Sulla copertina c’era scritto: “Come un nuovo modello del mercato azionario prevede la fine del mercato rialzista durato 18 anni (1982-2000) e l’inizio di una nuova era”. La “nuova era” doveva essere un mercato di trading range a lungo termine (montagne russe), che si è materializzato tra il 2000 e il 2009. Poi, il 31 agosto 2010, in un articolo SA intitolato: “The 10 Year Trading Range Is Over – The ‘Final Stampede’ Has Begun”, ha definito la fine di questo mercato di trading range e l’inizio di un altro mercato rialzista a lungo termine, anch’esso avvenuto. Attraverso la sua compagnia, la Sentiment King, continua a studiare e fare ciò che ama – ricercare e tentare di prevedere con successo le principali tendenze azionarie – e aiutare anche gli altri a vederle.

Divulgazione: Non deteniamo/non deteniamo posizioni su azioni, opzioni o derivati ​​simili in nessuna delle società menzionate e non prevediamo di aprire posizioni di questo tipo entro le prossime 72 ore. Ho scritto io stesso questo articolo ed esprime le mie opinioni. Non ricevo compenso per questo (tranne che da Seeking Alpha). Non ho rapporti d’affari con nessuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo.

Advertisement
Advertisement

Trending