domenica 13 giugno 2021

Un impianto cerebrale ha aiutato un uomo paralizzato a trasformare il pensiero in testo

Uno degli aspetti migliori della tecnologia è il modo in cui consente alle persone di svolgere compiti di cui potrebbero essere incapaci altrimenti. In una nuova intrigante ricerca, gli scienziati hanno sviluppato un impianto cerebrale che consente a un uomo paralizzato dal collo in giù di comporre un testo scritto solo con i suoi pensieri.

Non aspettarti troppo perché la tecnologia è ancora all’inizio delle fasi sperimentali. Ma con gli impianti cerebrali adeguati, un uomo paralizzato dal collo in giù può scrivere ancora una volta. Deve immaginare il processo di scrittura a mano delle lettere e l’impianto cerebrale raccoglie i segnali neuronali da quel processo. Con una formazione sufficiente, impara a interpretare i segnali come lettere.

Da un lato, la velocità è piuttosto notevole. Il partecipante 65 di un anno (denominato T5 nello studio) è riuscito a raggiungere 90 caratteri al minuto con 94. Precisione dell’1%. È abbastanza paragonabile alla digitazione di testo su uno smartphone. Ancora più impressionante, il metodo di visualizzazione delle lettere ha superato i precedenti tentativi di “tastiera virtuale” con un ampio margine. Queste ultime tecniche in genere gestiscono circa caratteri al minuto, con un 75 precisione percentuale.

D’altra parte, non sono tutte buone notizie. Quei rapidi risultati sono arrivati ​​con frasi preparate. Quando si passa a frasi in formato libero, la velocità è scesa a 25 caratteri al minuto e la precisione è diminuita di 2 per cento. E l’intero sistema richiede formazione per ogni utente. Dopo tutto, ogni persona ha una “grafia” diversa anche nella forma-pensiero. Inoltre, gli impianti cerebrali richiedono un intervento chirurgico al cervello.

Ciò ha comportato l’impianto di due impianti di chip cerebrale, insieme a 200, sulla corteccia premotoria di T5. Gli scienziati ritengono che l’area del cervello controlli le intenzioni dei movimenti e, quindi, sia un candidato ideale per il processo di acquisizione dell’input della scrittura a mano. Sembra essere vero, sulla base della ricerca. Almeno dopo aver testato un soggetto, più studi su più soggetti per riprodurre i risultati sono il passaggio logico successivo.

Un’altra grande limitazione è l’alfabeto utilizzato dai ricercatori. Non includeva numeri, lettere maiuscole o segni grammaticali. Va bene per la comunicazione di base in stile messaggistica di testo, ma per qualsiasi altra cosa, la grammatica sarà un punto dolente. Lo stesso vale per la capacità di scrivere numeri lunghi senza doverli compitare.

Tuttavia, se i risultati possono essere ripetuti, è il primo passo per dare una forma di comunicazione praticabile a coloro che non possono parlare da soli. Potrebbe anche ripristinare la capacità di scrivere a qualcuno che può parlare ma ha perso la capacità di muovere una matita o digitare su una tastiera. Con il tempo, e forse un po ‘di aiuto da Neuralink di Elon Musk, forse le versioni future possono saltare la chirurgia cerebrale e gli impianti cerebrali invasivi. In tal caso, un giorno nel lontano futuro la gente media potrebbe scrivere senza una tastiera o una matita del tutto. O probabilmente no. Solo il tempo lo dirà.