giovedì 06 maggio 2021

Una visione post-Covid dell'industria della sartoria su misura

Parole di ID Spencer, azienda londinese che fa tendenza per abiti e camicie su misura da uomo.

Non è più una novità che il settore della vendita al dettaglio ha iniziato il suo graduale spostamento dai negozi fisici a una realtà più digitale un paio di anni fa. Ciò si è verificato con la diminuzione degli appuntamenti per le visite e l’aumento degli acquisti online. Tuttavia, con la pandemia Covid – 19, questo spostamento ha subito un’accelerazione esponenziale.

Seguito della pandemia, i consumatori hanno abbracciato l’e-commerce, sono saltati su Internet in numero ancora maggiore, acquistando più generi alimentari e altri beni online e selezionando da una serie di opzioni di evasione fuori dal negozio, come ritiro a domicilio e consegna a domicilio.

I clienti che in genere compensano più transazioni di accesso al negozio ora si affidano ai loro negozi di e-commerce per ottenere ciò di cui hanno bisogno, struttura meno rilevante.

Questo recente report Pwc mostra i dati registrati per chiusure e fermate di negozi negli ultimi 2 anni, per un totale di oltre 17, 000 con una media di 48 catene di negozi che chiudono ogni giorno. Nello specifico i negozi di moda hanno registrato una media di tre chiusure giornaliere. Queste cifre sono sufficienti per indurre qualsiasi imprenditore a rivalutare la propria strategia aziendale.

Il gruppo britannico di rivenditori di moda, Arcadia, ha subito un successo in questo senso, cadendo in bancarotta e aveva quattro dei suoi marchi principali, Topman, Topshop , Miss Selfridges e HIIT, acquisiti da ASOS all’inizio 2021. Questa acquisizione, tuttavia, non ha incluso i negozi fisici, che verranno tutti chiusi.

Debenhams ha subito un destino simile fino a quando Boohoo non si è precipitato e ha acquistato il marchio e il suo sito Web online, in anticipo 2021 – lasciando finita 119 negozi chiusi.

Nel frattempo, i marchi di e-commerce di moda come ASOS e Boohoo stanno prosperando, realizzando oltre quattro volte il loro profitto medio e 45% di aumento dei ricavi nei primi mesi della pandemia, rispettivamente.

Il settore su misura non è escluso. Proprio nell’elegante centro di Londra, il famoso Savile Row, che ospita dozzine di produttori di abiti ed è noto per la sua vestibilità e lo stile senza cuciture per i massimi dirigenti del mondo e le star del cinema, sta anche trovando i suoi piedi in mezzo a questo cambiamento nel comportamento dei consumatori.

L’industria che prospera sugli abiti su misura ha ora la responsabilità di trovare modi più nuovi e più sicuri per offrire ai propri clienti capi di qualità e un’esperienza virtuale senza interruzioni.

L’ordine medio su misura parte dal prendere le misure del cliente, per poi scegliere i materiali da utilizzare – stile, fantasia, tessuto, bottoni, fodere – secondo il gusto del cliente.

Fatto ciò , viene prodotto un punto ruvido per vedere l’aspetto dell’abbigliamento. Le regolazioni seguono le sessioni di punto grezzo e viene impostato un secondo adattamento. Una volta ottenuta la vestibilità esatta, l’abbigliamento passa alla produzione finale prima che il cliente lo riceva. L’intero processo può richiedere fino a 4 sessioni di adattamento e modifica (tra 10 – 12 settimane prima di ottenere il prodotto finale.

Nella realtà post-Covid, è un compito arduo portare a termine il tradizionale processo su misura senza vari intoppi e ritardi. Questo è in aggiunta alla paranoia ormai presente che i clienti hanno per riunioni o incontri fisici.

Allora qual è il futuro della sartoria su misura? La comunità del design su misura potrebbe aver bisogno di ripensare al modo in cui vengono svolti gli affari se vuole prosperare nell’era post-Covid. Ciò significa che il sarto su misura del futuro deve esplorare una fusione di strutture ed esperienze sia fisiche che digitali, per garantire la soddisfazione dei clienti di oggi e della loro domanda evoluta.

Il calore e le sessioni di adattamento al tocco personale fornite lo faranno ora devono essere replicati utilizzando la tecnologia del giorno, come strumenti di progettazione personalizzata 3D, body scanner, sessioni di adattamento virtuali e kit e molte altre soluzioni.

Le conversazioni devono essere tenute su come una tecnologia all’avanguardia può aiutare il sarto su misura e soddisfare il cliente su misura, ovunque si trovi. Il problema di avventurarsi in progetti su misura più casual è anche una possibilità che i sarti devono abbracciare, poiché i clienti fanno meno uscite fisiche e trascorrono sempre più tempo nelle loro case.

Le cose non stanno andando bene. Non sarà di nuovo lo stesso e solo coloro che sono disposti a entrare nel futuro potranno avere successo nella nuova normalità. Fino ad allora, il settore su misura dovrà solo trovare nuovi modi per fare ciò per cui è noto: offrire ai clienti un’esperienza senza soluzione di continuità offrendo allo stesso tempo la soluzione perfetta.