Entra in contatto con noi

Lifestyle

Uno studio offre un ammonimento su adolescenti, interventi chirurgici per la perdita di peso e alcol

Pubblicato

il

La chirurgia per la perdita di peso, o chirurgia bariatrica, è un trattamento popolare per l’obesità, con quasi 200.000 operazioni eseguite negli Stati Uniti nel 2020. Il numero di pazienti è in realtà più alto, in quanto vi è un numero crescente di persone che optano per il “turismo medico” e si sottopongono a interventi chirurgici in Messico o in altri paesi, a costi ridotti.

Ci sono diversi tipi di procedure chirurgiche usati, ma tutti innescano la perdita di peso apportando modifiche al sistema digestivo che influenzano la quantità di cibo che una persona può consumare, il modo in cui il suo corpo assorbe i nutrienti o entrambi. I pazienti devono attenersi a una dieta rigorosa dopo l’intervento chirurgico per adattarsi al loro sistema digestivo alterato e dovranno assumere integratori vitaminici e minerali.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

La maggior parte di coloro che richiedono un intervento chirurgico sono adulti, ma alcuni sono adolescenti o occasionalmente bambini. Con il rilascio dell’American Academy of Pediatrics nuove linee guida il 9 gennaio raccomandando che i bambini dai 13 anni in su con obesità grave (un BMI maggiore o uguale al 120% del 95° percentile per la loro età e sesso) siano valutati per un intervento chirurgico, sembra probabile che questo numero aumenterà.

Come con qualsiasi procedura chirurgica importante, l’operazione porta rischi: infezione, ernia, occlusione intestinale, ulcere, reflusso acido, altri problemi digestivi, necessità di un secondo intervento chirurgico e persino morte. C’è anche la possibilità che la procedura non abbia il successo sperato – che i pazienti non perdano tanto peso quanto volevano, o che il peso ritorni dopo un po’ di tempo.

C’è un altro rischio meno noto della chirurgia per la perdita di peso: problemi con l’alcol. Non tutti gli studi hanno riscontrato un aumento dell’incidenza del disturbo da uso di alcol dopo la chirurgia bariatrica, ma un numero avere. Alcuni hanno scoperto che specifiche procedure chirurgiche erano correlate a un rischio più elevato di disturbo da uso di alcol e altri sono stati in grado di identificare i fattori – ad esempio sesso maschile, fumo, alcol prima dell’intervento chirurgico – che aumentavano il rischio dei pazienti.

Advertisement

“Smette di essere divertente quando ti rendi conto di quanto facilmente puoi essere intossicato dopo l’intervento. Bere in situazioni sociali diventa un po’ più allarmante.

– Cristian Flores

Kelly Osuna ha subito un intervento chirurgico un anno fa per perdere peso e invertire il prediabete. Ha condiviso apertamente la sua storia tramite lei Account TikTok, che ha oltre 27.000 follower. Osuna non beve alcolici, ma quando ha pubblicato un video sui rischi dell’alcol post-operatorio, è stata sommersa di commenti.

“Non posso nemmeno dirti quante persone hanno commentato il mio TikTok dicendo di aver avuto un’insufficienza epatica dopo aver subito il bypass gastrico e aver bevuto alcol”, dice Osuna agli spettatori in un post di follow-up.

Advertisement

“Molte persone hanno condiviso di aver perso i propri cari”, ha detto Osuna a HuffPost. “Muoiono per insufficienza epatica / renale dopo aver subito un intervento chirurgico per la perdita di peso”.

Come potrebbe manifestarsi questo rischio negli adolescenti, che, presumibilmente, non bevono negli anni precedenti l’intervento, ma potrebbero iniziare a farlo negli anni successivi?

Il dottor Thomas Inge è il direttore del programma di chirurgia bariatrica per adolescenti presso il Lurie Children’s Hospital di Chicago. È anche uno degli autori di a studia recentemente pubblicato negli Annals of Surgery che ha seguito 217 adolescenti sottoposti a intervento chirurgico. La loro età media prima dell’intervento era di 17 anni e lo studio li ha seguiti per otto anni.

Pochissimi (2%) degli adolescenti hanno riferito di aver bevuto prima dell’intervento, momento in cui erano sotto l’età legale per bere alcolici. Ma durante il periodo di follow-up, molti di loro hanno iniziato a bere e, alla fine dello studio, “quasi la metà di loro ha effettivamente riferito di aver bevuto a un livello che sarebbe chiamato disturbo da uso di alcol, o alcolismo problematico, per il bere associato con danno”, ha detto Inge a HuffPost.

Advertisement

Quindi cosa causa questo aumento del rischio di problemi con l’alcol dopo un intervento chirurgico per la perdita di peso? Perché gli adolescenti potrebbero essere particolarmente vulnerabili e quali misure preventive potrebbero essere prese?

Il tuo corpo gestisce l’alcol in modo diverso dopo un intervento chirurgico per la perdita di peso.

Esistono diverse teorie sul motivo per cui gli adulti – e, secondo il recente studio, anche gli adolescenti – sono inclini a problemi con l’alcol dopo un intervento chirurgico per la perdita di peso.

Medici essere d’accordo che le alterazioni che la chirurgia per la perdita di peso apporta al sistema digestivo cambiano il modo in cui il tuo corpo gestisce l’alcol.

“Sappiamo anche da studi sugli adulti che l’alcol è più potente, come inebriante, dopo la chirurgia bariatrica proprio perché lo svuotamento gastrico è più veloce”, ha detto Inge. “E così il contenuto di alcol nel sangue aumenta più velocemente dopo queste operazioni.”

Advertisement

Gli adulti che hanno subito l’intervento chirurgico spesso riferiscono di avvertire gli effetti dell’alcol più rapidamente.

Cristian Flores ha deciso di sottoporsi a un intervento chirurgico per dimagrire nel 2018, all’età di 34 anni, perché era scontento del suo aspetto e preoccupato per la sua salute.

“Prima dell’intervento, sia il mio nutrizionista che il mio chirurgo mi hanno avvertito dell’importanza di comprendere l’alcol e i suoi effetti post-operatori. Hanno sottolineato che molte persone sottoposte a chirurgia della manica gastrica spesso sviluppano alcolismo a causa del fatto che il tuo corpo impiega più tempo per abbatterlo, e di conseguenza è più facile ubriacarsi”, ha detto Flores a HuffPost.

Quando ha provato a bere dopo l’intervento, Flores è rimasto scioccato nello scoprire che si sentiva “intossicato anche con pochi sorsi”.

Advertisement

Ha spiegato, “prima del mio intervento chirurgico, mi ci sarebbero voluti 2-3 drink prima di sentire gli effetti dell’alcol nel mio corpo”.

Sebbene sia soddisfatto dei risultati dell’intervento in generale, il rapporto di Flores con l’alcol è cambiato e raccomanda agli altri di prendere precauzioni.

“Smette di essere divertente quando ti rendi conto di quanto facilmente puoi essere intossicato dopo l’intervento. Bere in situazioni sociali diventa un po’ più allarmante, perché non sai quanto poco o quanto dovresti bere”, ha detto.

“Una volta che ho compiuto 21 anni e sono uscito con il mio ragazzo, ho notato che un drink era più che sufficiente per farmi sentire brillo e intossicato.”

Advertisement

-Megan Merkel

William K., di New York, ha una malattia renale allo stadio terminale, che richiede la dialisi. Ha subito un intervento chirurgico per la perdita di peso nel luglio 2020 per abbassare il suo indice di massa corporea in modo da poter beneficiare di un trapianto di rene.

Era cauto nel seguire i consigli dei suoi fornitori riguardo all’alcol.

“Mi è stato detto di evitare completamente l’alcol durante il preoperatorio, perché potrebbe interferire con il processo di restringimento (o ‘sgrassamento’) del mio fegato, il che potrebbe rendere la procedura non sicura”, ha detto ad HuffPost.

Advertisement

“Non ho bevuto affatto fino a quando non ho ottenuto il permesso dal mio dietologo”, ha detto, chiedendo prima la possibilità di bere di nuovo nel novembre successivo all’intervento. Gli è stato consigliato di iniziare lentamente, con 2 once. bere.

“Credo di aver bevuto il mio primo drink a dicembre, quando stavo trascorrendo le vacanze con la famiglia”, ha detto, aggiungendo che quei primi 2 once di vino lo hanno lasciato sentire come si sarebbe sentito in precedenza dopo quattro o cinque cocktail.

Ammettendo che la sua tolleranza per l’alcol è “molto, molto inferiore” rispetto a prima, William K. vede questo semplicemente come una parte del cambiamento dello stile di vita richiesto dalla chirurgia per la perdita di peso.

“La preparazione e i primi mesi successivi richiedono molto sacrificio e forza mentale”, ha detto, osservando che “dopo, puoi reintrodurre molti (anche se non tutti) i cibi e le bevande che amavi – devi solo fare esercizio [in] moderazione e riconosci quando il tuo corpo ti sta parlando.

Advertisement

Se questi uomini adulti fossero sorpresi dal modo in cui il bere si sentiva dopo l’intervento chirurgico, quale potrebbe essere l’impatto su un’adolescente che, prima dell’intervento, non beveva mai?

Megan Merkel, una 21enne che vive in Illinois, pubblica anche la sua esperienza con la chirurgia per la perdita di peso su Tic toc. È una delle giovani assistite dal team di Inge al Lurie Children’s Hospital. Ha subito un intervento chirurgico nel 2019 per ridurre il suo peso in modo da poter sottoporsi a un intervento chirurgico correttivo per un problema all’anca che le causava dolore cronico.

Sebbene avesse poca esperienza nel bere prima dell’intervento chirurgico, non ricorda di aver sentito un grande impatto dall’alcol, che attribuisce al suo peso precedente.

“Con 420 libbre, avrei bisogno di molto più alcol per sentire qualcosa di quello che avrei dopo un intervento chirurgico a 220 libbre”, ha detto la Merkel a HuffPost.

Advertisement

È stata anche attenta a seguire le istruzioni dei suoi fornitori di non bere prima dell’intervento e nei mesi successivi.

“Dopo l’operazione, ho sicuramente notato che l’alcol mi colpisce molto rapidamente e duramente”, ha detto la Merkel. “Una volta che ho compiuto 21 anni e sono uscito con il mio ragazzo, ho notato che un drink era più che sufficiente per farmi sentire brillo e intossicato.”

Sebbene l’alcol colpisca rapidamente, la Merkel afferma che gli effetti non durano a lungo e lo sente scomparire rapidamente dal suo sistema.

Sebbene non abbia rimpianti per l’intervento, definendolo “veramente salvavita”, ribadisce la cautela quando si tratta di alcol, menzionando che, come sempre, è importante identificare un guidatore designato quando si esce a bere.

Advertisement

Ci sono altri motivi per cui l’uso di alcol potrebbe aumentare dopo l’intervento chirurgico.

Sebbene sia certamente degno di nota il fatto che il 47% degli adolescenti nello studio abbia riportato problemi legati all’alcol, Inge osserva che il limite per identificare l’uso di alcol come problema era piuttosto basso. Se l’adolescente ha risposto “sì” a domande come “Non sei riuscito a fare ciò che normalmente ci si aspettava da te a causa del bere?” o “Hai avuto sensi di colpa o rimorso dopo aver bevuto?” è stato tabulato come bere associato a danno.

Non c’è modo di sapere se questi danni siano stati esperienze una tantum dai primi tentativi di bere alcolici, forse più probabilmente negativi a causa del modo in cui i loro corpi lo hanno metabolizzato, o se questi incidenti problematici indicano un rischio futuro di dipendenza.

Alcuni fornitori e pazienti sottoscrivono una teoria della “dipendenza da trasferimento”. Se l’obesità di una persona deriva da una “dipendenza” dal cibo e l’intervento chirurgico rende impossibile per loro mangiare in grandi quantità, può “trasferire” la sua dipendenza a un’altra sostanza, come l’alcool o gli oppioidi.

Inge non dà molta importanza a questa interpretazione. Descrive uno studio sugli adulti che ha dimostrato che coloro a cui è stato diagnosticato un disturbo da alimentazione incontrollata prima dell’intervento chirurgico per la perdita di peso non avevano maggiori probabilità di altri di diventare bevitori incontrollati dopo l’intervento chirurgico.

Advertisement

Pensa che le questioni sociali possano spiegare il rischio dei giovani pazienti di bere alcolici dopo l’intervento chirurgico e si chiede se la stessa perdita di peso renda più probabile la sperimentazione con l’alcol.

“Togliere quella quantità di peso”, cento libbre o più in un anno, “li catapulta davvero nel mainstream a un ritmo molto rapido”, ha detto Inge, dopo aver fatto parte di “un gruppo relativamente protetto”.

Ciò significa, ragiona, che sono improvvisamente esposti a pericoli come l’alcol, piuttosto che il ritmo più lento che altri adolescenti vedono come “sfide e rischi adeguati allo sviluppo”.

Bere comporta rischi per tutti gli adolescenti.

La dottoressa Maria Rahmandar è la direttrice medica del programma di prevenzione e uso di sostanze presso il Lurie Children’s Hospital. Sebbene non abbia avuto esperienza di lavoro con adolescenti dopo un intervento chirurgico per la perdita di peso, spiega che l’alcol rappresenta un pericolo unico per il cervello dell’adolescente.

Advertisement

“Qualsiasi uso in un adolescente è preoccupante”, ha detto Rahmandar a HuffPost. Cita gli effetti immediati come lesioni o overdose, nonché gli effetti a lungo termine sul cervello e il potenziale di dipendenza. La maggior parte degli adolescenti che vede esibisce alcol episodico, o binge drinking, piuttosto che il tipo di uso quotidiano e dipendenza che associamo alla dipendenza da alcol negli adulti e complicazioni come la cirrosi epatica.

Per gli adolescenti, la preoccupazione è meno per il loro fegato e più per ciò che l’alcol sta facendo al loro cervello.

“Il cervello in via di sviluppo è molto suscettibile agli effetti negativi dell’alcol e di altre sostanze”, ha detto Rahmandar. “Le persone che usano alcol e altre droghe da adolescenti o giovani adulti con un cervello in via di sviluppo hanno maggiori probabilità di sviluppare disturbi da uso di sostanze o alcol”.

Aggiunge che le persone più giovani sono quando iniziano a usare, più è probabile che sviluppino un problema. Mentre mos t persone che sperimentano alcol e droghe non diventano dipendenti, la maggior parte degli adulti che hanno un disturbo da uso di sostanze ha iniziato a usarli da adolescenti.

Advertisement

La chirurgia per la perdita di peso può cambiare la vita, ma è importante conoscere i rischi.

Mentre le nuove linee guida AAP suggeriscono un certo BMI da considerare per gli adolescenti per la chirurgia dimagrante, ogni caso merita un’attenta valutazione individuale. I rischi legati all’alcol potrebbero essere diversi, ad esempio, in una famiglia con una storia di disturbo da uso di alcol. In altri casi, la potenziale assenza di sintomi come il dolore inesorabile della Merkel potrebbe essere considerata di gran lunga superiore a questo rischio.

Inge spera che questa ricerca non dissuada i giovani pazienti dal prendere in considerazione la chirurgia per la perdita di peso.

“Non voglio che il messaggio illustrato più grande vada perso”, ha detto. “L’intero intervento sull’equilibrio è utile, a causa della quantità di perdita di peso che si verifica e perché possiamo risolvere problemi come il diabete di tipo 2, che è terribile, l’ipertensione, che è terribile, e in seguito esiti di salute cardiovascolare”.

Nell’approccio di gruppo multidisciplinare all’intervento chirurgico adottato dal team di Inge, uno psicologo è uno dei professionisti che lavora con i giovani durante il periodo che precede l’intervento, che secondo Inge dura generalmente circa sei mesi.

Advertisement

La consulenza sui rischi dell’alcol, ha affermato Inge, è e continuerà a essere “parte di quella guida preventiva preventiva” che i pazienti ricevono durante questo periodo preparatorio.

“Con il bere dopo l’intervento chirurgico, non sai mai come potrebbe avere un impatto su di te ed è meglio stare dalla parte della prudenza”, ha detto Merkel. “Ognuno è diverso quando si tratta di quanto alcol possono tollerare.”

Advertisement

Trending