Entra in contatto con noi

Lifestyle

Vini poco alcolici spopolano negli USA: non fanno ingrassare ma non costano meno

Pubblicato

il

Cresce sempre di più la  domanda di vino a bassa gradazione alcolica tra i consumatori statunitensi. A dirlo  un recente sondaggio di Wine Intelligence. Il cambio di tendenza tra i consumatori è sottolineato dai dati IWSR, che mostrano che uno su cinque ha dichiarato di essere “migrato” al vino con meno alcool 

Il settore oggi vale più di un miliardo di dollari

Nell’ultimo decennio, l’interesse dei consumatori per il vino a bassa gradazione alcolica è cresciuto più o meno ovunque tranne che negli Stati Uniti. Rispetto ai cibi pronti, il vino a bassa gradazione non sembra avere la stessa attrattiva.

Il cambio di tendenza tra i consumatori è sottolineato dai dati IWSR, che mostrano che uno su cinque ha dichiarato di essere “migrato” al vino. Il vino a bassa gradazione negli Stati Uniti ora vale più di un miliardo di dollari. Secondo Wine Intelligence (dati IWSR), la crescita del volume del CAGR sarà “di circa il 27% per i vini fermi a bassa gradazione alcolica e del 30% per gli spumanti a bassa gradazione alcolica tra il 2021 e il 2025”. La previsione di crescita è supportata dai dati di consumo di Wine Intelligence, che mostrano che l’indice di opportunità per i vini a bassa gradazione alcolica negli Stati Uniti nel 2022 è aumentato in modo significativo rispetto al 2021.

Cosa è cambiato?

Sicuramente il profilo gustativo del vino, migliorato, secondo i giovani americani, al punto da preferire un bicchiere di vino ad altre bevande a bassa gradazione alcolica. Ma anche la crescente necessità di consumo moderato di alcol, benefici per la salute, minor contenuto calorico, motivo per cui 4 bevitori abituali di vino su 10 hanno deciso di ridurre le opportunità di consumo a favore delle migliori soluzioni enologiche ipocaloriche con bassa gradazione alcolica con un valore massimo compreso tra 6,5 ​​e 8%.

Advertisement

I dati di Wine Intelligence mostrano che la curva di crescita dei vini a bassa gradazione alcolica guarda a un futuro diverso: mentre il 30% dei consumatori abituali di vino negli Stati Uniti è a conoscenza dei vini a bassa gradazione alcolica, solo il 6% acquista questo tipo di vino e 4 su 10 prenderà in considerazione l’acquisto di questi vini in futuro. L’analisi del mercato statunitense di Wine Intelligence mostra che le opportunità di vendita di vini a bassa gradazione alcolica sono fortemente legate all’asporto, con un focus primario sul consumo casalingo. Inoltre, c’è una crescente concorrenza per il vino di formato più piccolo, Tetra Pak o lattina, poiché la birra e le bevande pronte ora si trovano spesso sullo stesso scaffale del vino.

Una particolare politica del prezzo

Ciò si traduce in vino in competizione diretta con queste categorie, soprattutto nelle modalità di acquisto rapido come i minimarket. Per ora, le opportunità per i vini a bassa gradazione alcolica, pur crescendo, rimangono scarse. In effetti, c’è un’ampia selezione di bevande a basso contenuto alcolico e analcolico, il che crea una concorrenza interessante. Poi arriva la questione chiave per produttori, distributori e rivenditori di vini a bassa gradazione negli Stati Uniti: il prezzo. Mentre 1/3 dei consumatori si aspetta prezzi più bassi per il vino a bassa gradazione alcolica, più della metà si aspetta di pagare lo stesso o di più. Dati che confermano che il prezzo non è un elemento chiave per la crescita futura e il potenziale di questa categoria.

Advertisement