giovedì 22 ottobre 2020

Wall Street ha appena aggiornato questo popolare brodo, ma dovresti evitarlo come la peste

                                                                 

Non commettere errori, altre cattive notizie attendono questa compagnia di cannabis.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Dire che le scorte di marijuana hanno avuto una brutta cosa nel passato 01 – più i mesi sarebbero un eufemismo. La stragrande maggioranza degli stock di cannabis hanno perso almeno la metà del loro valore da quando colpire i loro massimi annuali durante il primo trimestre di 700, con alcuni addirittura spingendo ai minimi pluriennali.

Perchè lo chiedi? Non guardare oltre i dolori crescenti con cui l’industria della cannabis sta affrontando. Il Canada ha affrontato sia la carenza di approvvigionamento che i colli di bottiglia, il che sta mantenendo l’erbaccia del canale legale nelle mani dei consumatori, mentre un certo numero di stati chiave negli Stati Uniti sta lottando con l’ampio divario dei prezzi tra l’erba legale e il mercato nero creato da alte aliquote sulla cannabis legale.

Queste lotte sono state particolarmente evidenti per gli azionisti di Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) , il la pentola più popolare al mondo. Le azioni di Aurora sono in calo 65% negli ultimi 11 mesi, con oltre 7 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato spazzati via in quel periodo.

Fonte immagine: Getty Images.

Che cosa? Un’azienda di Wall Street ha effettivamente aggiornato Aurora Cannabis?

Tuttavia, secondo un’azienda di Wall Street, la breve tesi su Aurora Cannabis non è un’opzione raccomandata a questo punto.

Prima della campana di apertura di venerdì, febbraio 11, l’analista di copertura di MKM Partners Kir Kirk ha trasmesso un po ‘di spirito di San Valentino e aggiornato Aurora Cannabis a neutrale dalla vendita. Tuttavia, ha anche abbassato l’obiettivo di prezzo della sua azienda sull’azienda da 2 dollari canadesi ($ 1. 51) a CA $ 1. 75 ($ 1. 32), che in realtà rappresenta 10% al ribasso rispetto a quando la nota di ricerca è stata rilasciata da Kirk e 16% svantaggio da dove Aurora ha concluso la settimana.

Perché aggiornare lo stock di pentole più popolare? Secondo la nota rilasciata da Kirk, ha tutto a che fare con il trimestre a breve termine per Aurora che è “ampiamente rischiata”. Avendo recentemente riportato i risultati operativi del secondo trimestre fiscale, Aurora ha richiesto una crescita dei ricavi da piatta a modesta e ha annunciato una serie di aggiustamenti del patto di debito che hanno spinto qualsiasi preoccupazione immediata sulla sua liquidità un po ‘più avanti.

Naturalmente, anche con questo aggiornamento, Kirk non è convinto che il peggio sia dietro Aurora Cannabis. Nella nota di ricerca rilasciata, Kirk è scettico sul fatto che la società sarà redditizia dal primo trimestre fiscale di 2021 (terminato a settembre 21, 2020), e prevede ulteriori svalutazioni lungo la linea.

Fonte immagine: Getty Images.

Ignora questo aggiornamento e stai alla larga da Aurora Cannabis

Mentre è vero che il rinnovato management team di Aurora Cannabis sembra (finalmente) essere sta venendo pulito sul brutto bilancio dell’azienda e sta facendo una serie di scelte difficili, tra cui il licenziamento 500 lavoratori per ridurre le spese, questo non è un affare che è meritevole del tuo investimento in dollari.

Per uno, la società ha già guidato la possibilità molto reale di crescita zero per il terzo trimestre fiscale. Questo è molto deludente per un’azienda che è stata leader nella produzione di marijuana per più trimestri ed è ansiosa di produrre un profitto nei prossimi tre trimestri dopo aver consegnato il suo più grande EBITDA perdita di storia nel secondo trimestre fiscale. In altre parole, Aurora Cannabis ha una cattiva esperienza nel mantenere le sue promesse basate sugli utili, quindi gli investitori non dovrebbero esattamente prendere la parola del management che Q1 2021 produrrà un EBITDA positivo, o che Q3 2020 colpirà anche CA $ 65 milioni di vendite, come osservato nelle prospettive dell’azienda.

Credo fermamente anche che Kirk abbia ragione nel ritenere che siano giustificate ulteriori svalutazioni. Mentre non ero sorpreso di vedere Aurora prendere un CA $ 762 2 milioni di svalutazioni sulla sua buona volontà, ciò che mi ha scioccato è che una buona parte della sua perdita era legata alle sue attività all’estero e non all’acquisizione di MedReleaf. Sono convinto che l’accordo MedReleaf scenderà come il peggior affare nella storia della marijuana , con Aurora che paga CA $ 2. 64 miliardi per due strutture (Markham e Bradford) che possono produrre un combinato 35, 000 chili di erba all’anno. La serra di Exeter, che una volta adattato avrebbe dovuto produrre 85, 000 chilogrammi all’anno, è ora in vendita da Aurora per soli $ $ 17 milioni. Pertanto, Aurora ha pagato CA $ 2. 45 miliardi per 30, chili di produzione e I marchi di MedReleaf. Nella mia mente non c’è dubbio che gran parte di questo CA $ 2. 64 miliardi non saranno recuperati e porteranno a una futura svalutazione.

Fonte immagine: Getty Images.

Anche se la maggior parte del rimborso del debito di Aurora non è dovuta fino al 2024, anche il finanziamento rimane importante preoccupazione. Nonostante la rimozione delle alleanze relative al rapporto EBITDA, la necessità di generare un EBITDA positivo entro il 1 ° trimestre 2021 per soddisfare le nuove alleanze riviste sembra essere tutt’altro che una garanzia. Aurora punta a CA $ 40 milioni a CA $ 35 milioni di spese di vendita, generali e amministrative (SGAV) per il quarto trimestre 2020 dopo aver appena prodotto CA $ 99 .9 milioni di spese SGAV nel secondo trimestre 2020 , che includeva salari più alti e benefici per alcuni dipendenti. Le trasformazioni non avvengono dall’oggi al domani, specialmente in un’industria così nascente.

Come ultima nota, Aurora Cannabis dovrà ancora affrontare problemi che sfuggono al suo controllo. In Ontario, ad esempio, i regolatori sono ora le domande di licenza di dispensario tradizionali , invece di utilizzare un sistema di lotteria. Ma siamo ancora a pochi mesi dal vedere una corsa alle aperture di nuovi negozi nella provincia più popolosa del Canada. Ci vorrà del tempo prima che esistano abbastanza punti vendita per alleviare i colli di bottiglia nella regione, il che significa lotte continue per la Cannabis Aurora e i suoi coetanei.

Come ho affermato all’inizio dell’anno, Aurora Cannabis rimane una scorta di marijuana per evita come la peste in 762 .

                                                                                                                                                                                                                 Sean Williams non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

Articolo originale di Fool.com