sabato 22 gennaio 2022

WWF: siamo nel pieno della sesta estinzione

Siamo nel mezzo di una sesta estinzione di massa con un tasso di estinzione 1000 volte più naturale, secondo il rapporto del WWF Estinzione: non restituiamo il pianeta rosso.

Da 10 anni almeno 160 specie si sono estinte. Si tratta di un numero elevato, confermato dalla IUCN (International Union for Conservation of Nature), ma si tratta probabilmente di una sottostima sia per la complessità dello studio sia per la scarsa conoscenza di alcuni gruppi tassonomici, considerazioni secondarie. Infatti, l’elenco delle specie scomparse direttamente o indirettamente a causa dell’uomo è costantemente aggiornato. E secondo l’ultimo rapporto WWF Extinction: non abbiamo inviato il pianeta rosso, siamo nel mezzo di una sesta estinzione di massa, con un’estinzione di specie animali e vegetali 1.000 volte superiore a quella naturale.

La specie è spesso in declino a causa di molti fattori, quindi è difficile determinare la causa principale, ma se c’è qualcosa di definitivo, è che c’è una mano umana in tutti questi fattori. Circa il 25% delle 93.579 specie che sono elencate nella Lista Rossa IUCN come vulnerabili, minacciate o in pericolo critico sono in pericolo di estinzione a livello globale.

Queste sono alcune delle specie che abbiamo perso di recente.

Il rinoceronte bianco settentrionale (Eratotherium simum cottoni) è stato dichiarato estinto nel 2018 quando è diventato l’ultimo esemplare vivente tenuto in cattività (si è estinto in natura molto prima a causa del bracconaggio), precedentemente ucciso in Sudan, Uganda, Repubblica Centrafricana. e la Repubblica Democratica del Congo. La tartaruga Pinta (Chelonoidis abingdonii) è diventata ufficiale nel 2012 quando l’ultimo esemplare trovato è morto negli anni ’70. Lo stambecco dei Pirenei (Capra pyrenaica pyrenaica) è stato dichiarato estinto nel 2000 a causa di una caccia molto intensa, che è diminuita drasticamente.

Il rospo dorato (Incilius periglenes) è stato dichiarato estinto nel 2004 anche a causa dell’esaurimento del suo habitat umido a causa del riscaldamento globale in corso. Il lipot (Lipotes vexillifer), un delfino comune d’acqua dolce nel fiume Yangtze in Cina, è stato dichiarato estinto nel 2006 a causa dell’inquinamento delle acque causato dalla presenza di molti impianti chimici e, d’altra parte, delle catture accidentali durante la pesca. Desert Bettongia (Bettongia anhydra) è un piccolo marsupiale che non è stato trovato in natura dal 1933, ma è stato dichiarato estinto dalla IUCN nel 2016.

Il pipistrello dell’isola di Natale (Pipistrellus murrayi) è stato dichiarato estinto nel 2017 a causa di una serie di fattori, tra cui l’introduzione di specie esotiche. Kauai akiaola (Akialoa stejnegeri), un uccello delle Hawaii, è stato dichiarato estinto nel 2016. L’ultimo tilacino (Thylacinus cynocephalus), o tigre della Tasmania, è morto allo zoo di Hobart nel 1936 e la specie è stata dichiarata estinta dalla IUCN. nel 1982. La tigre giavanese (Panthera tigris Tuboica) è stata dichiarata estinta nel 1979 a causa della deforestazione per far posto a piantagioni e bracconaggio.

Poi c’è l’alca atlantica (Pinguinus impennis), preda di una caccia sconsiderata di cibo e piume (ma al suo declino ha contribuito anche la richiesta di esemplari provenienti dai musei di storia naturale); Orso dell’Atlante (Ursus arctos crowtheri), che visse nei territori tra Tunisia, Marocco e Algeria fino al XIX secolo, l’ultimo individuo morì nel 1867; Il quagga (Equus quagga quagga), una sottospecie di zebra diffusa in Sudafrica fino alla metà del XIX secolo, fu dichiarata estinta allo stato selvatico nel 1878 (l’ultimo individuo morì in cattività allo zoo di Amsterdam nel 1883).

La campagna Metti il ​​tuo cuore a Natale del WWF può sostenere progetti a tutela della biodiversità che rischiamo di perdere per sempre adottando o distribuendo un’adozione simbolica di un animale in via di estinzione su wwf.it/adozioninatale2021. Rds 100% Grandi Successi ribadisce il proprio impegno per la sostenibilità, confermandosi radio partner della campagna per il secondo anno consecutivo.