domenica 29 novembre 2020

3 motivi per cui i risultati Q2 di Aurora Cannabis sono stati così tristi

                                     

                                                                                          

Il grande produttore canadese di cannabis ha continuato a fornire molte cattive notizie.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Nessuno si aspettava che Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) darebbe notizie fantastiche nel suo bilancio 700 risultati del secondo trimestre. Dopotutto, il produttore canadese di cannabis ha appena annunciato importanti tagli al personale e che il suo CEO di lunga data si stava dimettendo. Quelle non sono le azioni che ti aspetteresti se arrivassero grandi notizie.

Non è stata una sorpresa, quindi, quando Aurora ha riportato risultati anemici nel suo aggiornamento Q2 prima dell’apertura del mercato giovedì. Il fatturato netto totale del secondo trimestre dell’azienda è sceso a 40 milioni in dollari canadesi da CA $ 45 .8 milioni nel trimestre precedente – a 26% declino trimestre su trimestre. Aurora ha annunciato un utile rettificato al lordo di interessi, imposte, svalutazioni e ammortamenti ( EBITDA ) perdita di CA $ 80 .2 milioni nel secondo trimestre, significativamente peggio della CA $ 39 7 milioni di perdita EBITDA rettificata nel primo trimestre.

Perché i risultati Q2 di Aurora erano così tristi? Ecco i tre motivi principali.

Fonte immagine: Getty Images.

1. Debole entrate all’ingrosso

Le entrate del secondo trimestre di Aurora hanno avuto un grande successo con le sue vendite all’ingrosso di cannabis. La società ha riferito che le entrate nette all’ingrosso di cannabis all’ingrosso sono scese a soli $ 2,4 milioni nel secondo trimestre da $ $ 10. 3 milioni nel Q1. Quello è un enorme 56 % calo trimestrale.

L’ex Chief Corporate Officer Cam Battley ha detto in Aurora’s Q1 conference call che “il mercato all’ingrosso continua a rappresentare un’opportunità per Aurora”. Ha aggiunto che la società era “in una posizione unica per acquisire una quota maggiore di quel mercato nei prossimi trimestri con potenziali strategie di white label e altre opportunità di vendita all’ingrosso”. Tuttavia, il CFO Glen Ibbott ha avvertito che Aurora si aspettava che le entrate all’ingrosso “continuassero ad essere irregolari”

È ovvio che la visione più cauta di Ibbott è stata confermata nel secondo trimestre. Un altro fattore alla base delle minori entrate all’ingrosso di Aurora è che i prezzi della cannabis venduti nel mercato all’ingrosso erano più bassi nel secondo trimestre. Il prezzo medio di vendita netto dell’azienda per la vendita all’ingrosso di cannabis sfusa è precipitato 39% trimestre su trimestre a CA $ 1. 90.

2. Resi di prodotto e adeguamenti dei prezzi

Il secondo motivo alla base delle scarse prestazioni di Aurora nel secondo trimestre sono stati i rendimenti dei prodotti dell’azienda e gli adeguamenti dei prezzi. Aurora ha registrato $ 6,1 milioni in rendimenti effettivi e adeguamenti dei prezzi nel secondo trimestre e ha prenotato un accantonamento di $ 4,5 milioni per rendimenti futuri e adeguamenti dei prezzi. In totale, ciò ha portato le entrate nette della società nel secondo trimestre a essere $ CA 10. 6 milioni in meno di quanto non sarebbe stato altrimenti.

Solo tre mesi fa, Battley ha detto agli analisti che Aurora non stava riscontrando gli stessi problemi con i ritorni del prodotto che hanno avuto un impatto negativo su alcuni dei suoi pari, tra cui in particolare Crescita del baldacchino ( NYSE: CGC ) . Ha anche dichiarato: “Voglio toccare il legno perché non sai mai cosa accadrà in futuro, ma non prevediamo che avremo anche questi problemi.”

Battley si dimostrò di nuovo eccessivamente ottimista nella sua visione. Aurora finì per affrontare gli stessi problemi di Canopy. L’unica fodera argentata nella nuvola scura è stata che il successo di Aurora per i ritorni dei prodotti e gli adeguamenti dei prezzi era molto più basso rispetto ai CA $ 26 .7 milioni che Canopy registrò nel suo bilancio 2020 secondo quarto.

3. Germania imbarazzo

Un altro problema significativo per Aurora nel Q2 è derivato da la debacle dell’azienda in Germania . Aurora ha perso temporaneamente la sua licenza di cannabis medica nell’importante mercato europeo perché vendeva cannabis medica irradiata senza il permesso necessario di usare le radiazioni per prevenire la contaminazione microbica.

La società ha riferito che la sospensione temporanea della sua licenza in Germania ha causato un calo delle sue entrate internazionali nella cannabis medica a 1,8 milioni di dollari nel secondo trimestre da 5 milioni di dollari nel trimestre precedente. Questo impatto negativo è stato un po ‘peggio di quello che avevo proiettato a dicembre .

Le prossime novità di Aurora

Non cercare la situazione per Aurora migliorare molto nei prossimi mesi. In effetti, le prospettive per le scorte di marijuana canadese nel complesso non sembra essere molto luminoso.

Aurora ha dichiarato che “ci sarà probabilmente un tasso di crescita del settore più lento di quanto precedentemente previsto nel breve termine”. La società prevede che i venti del settore tra cui uno spostamento del mercato verso i marchi di valore e la crescita lenta del numero di negozi al dettaglio in Canada si tradurrà in una “modesta o nessuna crescita” nel terzo trimestre fiscale rispetto al secondo trimestre.

Nel frattempo, Aurora si sta notevolmente rafforzando tagliando le spese e rivalutando tutti i suoi progetti di capitale. Glen Ibbott ha affermato che queste azioni “hanno già avuto un impatto positivo sulla spesa SG&A [sales, general, and administrative] e siamo certi che il nostro tasso di esecuzione sarà approssimativamente [CA] $ 40 milioni – [CA] $ 45 milioni mentre usciamo dal quarto trimestre fiscale del 2020.”

                                                                                                                                                                                                                 Keith Speights non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

                                                                                               

                                              

Articolo originale di Fool.com