giovedì 22 ottobre 2020

7 Macchie luminose nell’aggiornamento Altrimenti brullo di Aurora Cannabis Q2

                                     

                                                                                          

Certo, l’ultimo aggiornamento trimestrale di Aurora è stato principalmente una brutta notizia. Ma c’erano almeno alcune cose da apprezzare.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Con sorpresa di nessuno, Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) riportato triste fiscale 700 risultati del secondo trimestre giovedì. Le entrate di Aurora sono diminuite 26% dal trimestre precedente. La società ha registrato un altro utile rettificato al lordo di interessi, imposte, ammortamenti (EBITDA ) perdita che riflette un forte declino dal Q1.

Ma mentre c’era molto da antipatia per i risultati del secondo trimestre di Aurora, i dirigenti dell’azienda hanno discusso alcune buone notizie nella teleconferenza trimestrale di giovedì mattina. Ecco sette punti luminosi nell’aggiornamento Q2 altrimenti desolante di Aurora.

Fonte immagine: Getty Images.

1. Vendite ricreative in crescita esclusi i ritorni dei prodotti

Aurora ha riferito che le entrate della cannabis di consumo nel mercato ricreativo canadese per uso adulto sono diminuite 24% trimestre su trimestre a 22 9 milioni in dollari canadesi. Tuttavia, quel numero preoccupante rifletteva una disposizione per un totale di CA $ 10 .6 milioni per resi e adeguamenti dei prezzi per le vendite del trimestre precedente. Adattandosi a tale disposizione, le vendite ricreative di Aurora sono aumentate 11% in sequenza da Q2 a CA $ 33.5 milioni.

2. Lancio del marchio Value

Uno dei principali venti contrari di Aurora nel secondo trimestre è stato un drammatico cambiamento nei modelli di acquisto dei clienti per valorizzare i marchi. Mentre questa tendenza ha danneggiato le vendite di Aurora nel secondo trimestre, la società ha lanciato il proprio marchio di valore, Daily Special, all’inizio di questo mese. Il CFO Glen Ibbott ha dichiarato nella teleconferenza trimestrale della società che Aurora si aspetta che il nuovo marchio competerà bene con i prodotti del mercato grigio.

3. Pazienti con cannabis terapeutica

A prima vista, la base di pazienti di cannabis medica relativamente piatta di Aurora di 90, 307 nel secondo trimestre potrebbe non sembrare molto incoraggiante. Tuttavia, è importante ricordare che il mercato ricreativo per adulti sta cannibalizzando il mercato della cannabis medica in una certa misura. La capacità di Aurora di trattenere i propri clienti medici di fronte a questa sfida è in realtà un segno positivo.

4. Di nuovo in affari in Germania

Aurora ha subito un grave imbarazzo a dicembre perdendo temporaneamente la sua licenza di cannabis medica in Germania. Il problema era che Aurora spediva cannabis medica irradiata senza prima ottenere il permesso necessario per usare le radiazioni per uccidere i microbi sulle foglie di cannabis.

La società ha annunciato all’inizio di questo mese che la sua licenza era stata ripristinata dalle autorità tedesche. Ibbott ha affermato che Aurora ha accumulato arretrati durante la sospensione temporanea e pensa che la compagnia riacquisterà rapidamente la sua quota di mercato.

5. Momento di ripresa del mercato della cannabis 2.0

Il CEO ad interim Michael Singer ha dichiarato che Aurora si aspetta che il mercato dei prodotti derivati ​​dalla cannabis 2.0 in Canada crescerà lentamente. L’importante da asporto, tuttavia, è che il mercato dovrebbe continuare a espandersi un po ‘.

Ibbott lo proiettò 20% delle vendite del terzo trimestre di Aurora proverrà dai prodotti Cannabis 2.0. Ciò è significativo considerando che il mercato della Cannabis 2.0 non esisteva fino a dicembre.

6. Alla ricerca di un CEO incentrato sul CPG

Aurora non si è impegnata a rispettare un lasso di tempo per l’assunzione di un nuovo CEO a tempo pieno. Tuttavia, c’erano alcuni indizi sul tipo di CEO che l’azienda sta cercando.

Singer ha detto che Aurora ha già ricevuto molto interesse per la posizione. Ha inoltre indicato che la società cercherà probabilmente un nuovo CEO con esperienza nel settore dei beni di consumo confezionati (CPG). Con il potenziale del mercato globale per i prodotti di consumo contenenti cannabinoidi, la ricerca di un CEO incentrato sul CPG sembra essere una mossa intelligente per Aurora.

7. Sulla strada della redditività

Probabilmente il punto più luminoso di tutti dall’aggiornamento Q4 di Aurora è che la società prevede di fare passi da gigante verso la redditività nel prossimo futuro. La società ha annunciato importanti riduzioni del personale e le iniziative di riduzione dei costi del 6 febbraio. Aurora ha anche ristrutturato le proprie linee di credito garantite per includere un impegno a raggiungere soglie EBITDA positive a partire dall’imposizione fiscale 2021 Q1.

EBITDA positivo garantito, non si traduce in una redditività dei profitti reali. Tuttavia, generare un EBITDA positivo è un passo importante sulla strada per diventare redditizi. Oltre ai tagli alla spesa già annunciati, Ibbott ha suggerito che potrebbero essere in arrivo ulteriori riduzioni dei costi.

Uno dei maggiori fattori alla base della scarsa performance del canadese le scorte di marijuana complessivamente lo scorso anno sono state le tendenze di fondo di molti produttori di cannabis sulla strada sbagliata. Aurora Cannabis ora sembra essere seria nel muoversi nella giusta direzione.

                                                                                                                                                                                                                 Keith Speights non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

Articolo originale di Fool.com