martedì 01 dicembre 2020

Carmichael-poloz

Il mese scorso, il governatore della Banca del Canada Stephen Poloz ha tenuto un discorso alla Federal Reserve Bank di San Francisco. Fu presentato da Sylvain Leduc, che Poloz assunse come vice governatore in 2015 ma poi persa con il sistema della Federal Reserve in 2018.

“Non riesco a pensare a una persona migliore che abbia guidato la Bank of Canada in periodi molto tumultuosi”, Leduc, che ora è direttore della ricerca e vicepresidente esecutivo della Fed di San Francisco, ha detto del suo ex capo. “Il Governatore Poloz è stato davvero su misura per far fronte alle tensioni commerciali che hanno avuto un impatto molto negativo sulle esportazioni canadesi e sugli investimenti canadesi.”

Ho pensato di prendere in prestito l’introduzione di Leduc per iniziare a elaborare la notizia che Poloz, che trasformò 64 in ottobre, andrà in pensione quando il suo mandato di sette anni termina all’inizio di giugno di 2020.

La caratteristica distintiva di Poloz come politico è stata la sua capacità di entrare nei capi dei dirigenti.

Era uno dei migliori della University of Western Ontario, ed era sfruttato per aiutare a gettare le basi per il passaggio della Banca del Canada all’inflazione mirata all’inizio 1990 S. Ma poco dopo si è avvicinato all’economia reale, finendo per diventare amministratore delegato di Export Development Canada in 2011.

Quando è stato nominato governatore della BoC due anni dopo, Poloz ha affermato di aver parlato con più di 70 amministratori delegati nell’ultimo anno. Lo ha mantenuto come governatore, cercando di riunire attori economici reali per costruire il suo deposito di prove aneddotiche di ciò che stava accadendo sul campo.

Ciò ha fatto la differenza. Ha supervisionato un taglio dei tassi di interesse a gennaio 2015 prima che fosse diventato evidente che il crollo del prezzo del petrolio avrebbe causato danno serio. Quando lo scorso inverno l’economia è quasi in stallo, ha portato il Consiglio direttivo a margine, ma non si è fatto prendere dal panico invertendo i recenti aumenti dei tassi, poiché ha percepito che il tempo insolitamente rigido stava distorcendo i numeri commerciali. Aveva ragione.

Il suo tempo all’EDC “gli dà una prospettiva davvero unica per capire le questioni che gli esportatori stanno affrontando”, ha detto Leduc.

Potremmo aver bisogno di un governatore disposto a contestare lo status quo delle banche centrali.

Charles St-Arnaud, capo economista del Credit Union Central di Alberta , precedentemente di Bank of Canada e Dipartimento delle finanze

Se possiamo essere abbastanza fortunati da assumere un governatore su misura per i prossimi sette anni, cosa potrebbe assomigliare a lui?

Claire Kennedy , un avvocato fiscale di Toronto, passerà i prossimi parecchi mesi meditando su quella domanda. Come direttore indipendente principale del consiglio di amministrazione della Bank of Canada , è suo compito organizzare la ricerca della sostituzione di Poloz.

Pubblicherà la descrizione del lavoro all’inizio del nuovo anno e presenterà una raccomandazione al ministro delle finanze Bill Morneau entro la primavera, ha affermato la Bank of Canada. Morneau e il gabinetto federale possono accettare la raccomandazione del consiglio o fare la propria scelta.

Da quassù nei seggi economici sembra che i candidati abbiano bisogno di almeno quattro attributi: discreta capacità tecnica, eccellente capacità comunicative, una certa astuzia nei confronti dei politici e una mentalità aperta alla possibilità che l’economia che esiste ora potrebbe essere diversa da quella di cui hanno appreso alla scuola elementare.

Il prossimo governatore inizia il suo mandato sotto una nuvola. Pochi meteorologi prevedono una recessione degli Stati Uniti a breve termine, ma quasi tutti riconoscono la possibilità. Quindi il comitato per le assunzioni di Kennedy dovrebbe selezionare qualcuno con una comprensione di tutti i trucchi che le banche centrali hanno sviluppato dopo la crisi finanziaria per fornire stimolo quando i tassi di interesse sono a zero. Il tasso di riferimento canadese era del 4,5 per cento a dicembre 2007, quando la banca centrale iniziò a tagliare i tassi di interesse per contrastare quella che sarebbe diventata la Grande Recessione. Il tasso ufficiale è solo dell’1. 75 per cento oggi.

Il valore tecnico dovrebbe essere abbastanza facile da trovare. Il pool di tecnici di livello mondiale con capacità comunicative adeguate sarà inferiore. Non molto tempo fa, era scontato che il requisito principale per la gestione di una banca centrale fosse il dottorato in economia. Ma le banche centrali sono cambiate. La Fed e la Banca centrale europea sono gestite da avvocati, non da economisti, la prova che il ruolo sempre più pubblico delle banche centrali richiede leader che si sentano a proprio agio sotto i riflettori.

La comunicazione non può più essere vaga.

Charles St-Arnaud, ex economista della Bank of Canada

“Il ruolo si è evoluto in modo da chiedere ai governatori di essere comunicatori molto migliori”, ha affermato Charles St-Arnaud, capo economista del Credit Union Central di Alberta, che ha lavorato presso la Bank of Canada e il dipartimento finanziario all’inizio della sua carriera. “La comunicazione non può più essere vaga.”

Il prossimo governatore della banca centrale del Canada deve anche essere pronto a rivedere il modo in cui viene fatta la politica monetaria.

A come minimo, sarà responsabile di un ripensamento pluriennale che potrebbe sfociare nella decisione di eliminare l’obiettivo di inflazione della Banca del Canada a favore di qualcos’altro. Con i tassi di interesse così bassi e il debito delle famiglie così elevato, la politica fiscale potrebbe emergere come il modo migliore per fornire stabilità economica, sollevando dubbi su come la Banca del Canada dovrebbe interagire con il Dipartimento delle finanze. Sembra certo che le valute digitali diventeranno presto mainstream; le banche centrali dovranno decidere se dirigere tale addebito o se le società private come Facebook Inc. possono essere ritenute affidabili per farlo.

Sorgeranno considerazioni politiche. Il governo Trudeau sicuramente vorrebbe nominare una donna, e nessuno dei nove governatori finora è stato francese canadese. Il Consiglio direttivo tutto bianco, prevalentemente maschile, della Bank of Canada trarrebbe sicuramente beneficio da una certa diversità. Ma l’attributo principale dovrebbe essere un’apertura al cambiamento drammatico.

“Potremmo aver bisogno di un governatore che sia disposto a sfidare lo status quo delle banche centrali”, ha affermato St-Arnaud.

• Email: kcarmichael@postmedia.com | CarmichaelKevin

Come riportato da Financial Post