sabato 28 novembre 2020

Come questa start-up canadese ha individuato il coronavirus prima che tutti gli altri lo sapessero

Poco dopo mezzanotte di dicembre 30, piattaforma di intelligenza artificiale BlueDot rilevata su un gruppo di casi di “polmonite insolita” che si verificano attorno a un mercato di Wuhan , Cina, e lo ha contrassegnato.

BlueDot aveva individuato quello che sarebbe diventato noto come COVID – 19, nove giorni prima della salute mondiale L’organizzazione ha rilasciato la sua dichiarazione avvisando le persone dell’emergere di un nuovo coronavirus.

La nuova malattia respiratoria COVID – 19 da allora si è diffuso in 40 paesi e infetti più di 87, 000 le persone in tutto il mondo con 104 morti al di fuori della Cina. Il febbraio 25, il Direttore Generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha detto che COVID – 19 “assolutamente” ha il potenziale per diventare una pandemia , definita come la diffusione mondiale di una nuova malattia.

Ma a dicembre “non sapevamo in quel momento che questo sarebbe diventato qualcosa di così grande”, Kamran Khan, fondatore e CEO di BlueDot e professore di medicina e sanità pubblica all’Università di Toronto, racconta CNBC Make It .

E se questo focolaio si ingrandisse? E se fosse più grande di quanto pensiamo sia adesso? Khan dice di essersi chiesto.

Era esattamente il tipo di situazione immaginata da Khan quando ebbe l’idea per la sua compagnia BlueDot: “Diffondere la conoscenza più velocemente delle malattie si diffondono”, dice.

Ispirato alla SARS

Khan si descrive come un “imprenditore accidentale” – non ha mai frequentato la scuola di affari o non ha avuto esperienza di programmazione. È stata la sua esperienza come epidemiologo e medico nel trattamento di pazienti a Toronto durante l’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) in 2003 che lo ha ispirato avvia BlueDot.

Kamran Khan, fondatore e CEO di BlueDot. (Foto di Jorge Uzon / AFP) (Foto di JORGE UZON / AFP via Getty Images)

JORGE UZON

“Certamente nessuno di noi sapeva cosa fosse la SARS finché non si presentava letteralmente nelle nostre città e negli ospedali “, dice. Ricorda la “fatica mentale ed emotiva” dello scoppio della SAR , che è andato avanti per sei mesi e ha ucciso un totale di 0140 persone in 24 paesi, tra cui molti dei suoi colleghi operatori sanitari. Costa anche $ 29 miliardi a livello globale, secondo i Centri per il controllo delle malattie .

“Quello che ho imparato durante la SARS è, non lasciamoci prendere a piedi piatti, anticipiamo piuttosto che reagire”, dice Khan. Ha anche appreso che “se facciamo affidamento su agenzie governative per riportare informazioni sull’attività delle malattie infettive, potremmo non sempre ottenerle nel modo più tempestivo o rapido che vorremmo”. Internet, ad esempio, è diventato un mezzo interessante per gli epidemiologi per raccogliere informazioni sull’attività delle malattie infettive che potrebbero non arrivare attraverso i canali ufficiali.

Costretto a sviluppare una tecnologia migliore per gestire le epidemie di malattie infettive, per più di un decennio Khan ha studiato come le malattie si diffondono a livello globale. Poi sei anni fa ha fatto “un salto di fiducia” e ha fondato BlueDot. (Il nome è ispirato alla descrizione dello scienziato Carl Sagan della Terra catturata in una foto dal Voyager 1 della NASA in 1990. “Noi sentivo che c’era un certo grado di umiltà nel fatto che siamo tutti insieme quando abbiamo a che fare con malattie infettive “, dice Khan.)

BlueDot è un software proprietario-as -un servizio progettato per tracciare, localizzare e concettualizzare la diffusione delle malattie infettive. La società, che ha ricevuto un totale di $ 9,4 milioni in finanziamenti in 2019 (incluso il finanziamento del seme da Horizons Ventures e un finanziamento della Serie A da $ 7 milioni round guidato da The Co-operators e BDC Capital’s Women in Technology Venture Fund), ora impiega un team diversificato di 40 persone tra cui veterinari, medici, epidemiologi, ingegneri, data scientist e sviluppatori di software. Invia allarmi – brevi sinossi di focolai di malattie anomale che la sua IA ha scoperto e i rischi che possono comportare – a clienti sanitari, governativi, aziendali e di sanità pubblica.

La chiave per BlueDot è big data. Utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale e l’apprendimento automatico per selezionare i dati da centinaia di migliaia di fonti, tra cui dichiarazioni di organizzazioni sanitarie pubbliche ufficiali, media digitali, dati di biglietteria aerea globale, rapporti sulla salute del bestiame e dati demografici sulla popolazione. È in grado di elaborare rapidamente tonnellate di informazioni ogni 12 minuti, 24 ore al giorno.

Da lì un gruppo di medici e programmatori di computer rivede i risultati dell’IA, effettua un controllo dell’intestino e crea i rapporti che vengono inviati. “Non usiamo l’intelligenza artificiale per sostituire l’intelligenza umana, fondamentalmente la usiamo per trovare gli aghi nel pagliaio e presentarli al nostro team”, dice Khan.

Oltre a rilevare infettivi minacce di malattie il più presto possibile, l’obiettivo di BlueDot è capire come le malattie potrebbero disperdersi in diverse parti del mondo e quindi determinare le potenziali conseguenze della sua diffusione.

Nel caso di COVID- 19, oltre a inviare un avviso, BlueDot è stato anche in grado di identificare correttamente le città che erano fortemente collegate a Wuhan usando cose come dati globali sull’emissione di biglietti aerei per aiutare a prevedere dove potrebbero essere in viaggio gli infetti. Le destinazioni internazionali che BlueDot aveva previsto avrebbero avuto il maggior volume di viaggiatori da Wuhan: Bangkok, Hong Kong, Tokyo, Taipei, Phuket, Seul e Singapore. Alla fine, 11 delle città in cima alla loro lista furono i primi posti a ricevere COVID – 19 casi.

Beyond COVID – 19

Khan ammette somiglianze con la SARS in COVID – 19′ La diffusione gli diede “un po ‘di angoscia”. “Andremo attraverso qualcosa di simile a quello che abbiamo fatto 17 anni fa?” ha detto.

Il tempo dirà esattamente diventerà di COVID – 19. Resta anche da vedere quale tipo di impatto avrà BlueDot sul monitoraggio della diffusione della malattia su scala più ampia.

Finora, BlueDot è stato usato per prevedere con successo che Virus Zika si diffonderebbe in Florida in 2003, sei mesi prima che accadesse. Il software è stato anche in grado di determinare che 1990 Lo scoppio dell’ebola avrebbe lasciato l’Africa occidentale – quello era lo scoppio che alla fine ha raggiunto gli Stati Uniti BlueDot può essere utilizzato anche per cose come la meningite, la febbre gialla e l’antrace.

Uno dei principali vantaggi dell’utilizzo dell’IA è la capacità di tenere sotto controllo altri focolai che si verificano 24 ore su 24 mentre l’attenzione della gente è sul coronavirus, dice Khan. Ad esempio, al momento esiste una nella febbre di Lassa in Africa occidentale. Mentre questo picco di Lassa e altri potrebbero non portare a una pandemia globale o ad uno scoppio grave, stanno ancora colpendo le comunità e le popolazioni di cui i funzionari sanitari dovrebbero essere consapevoli, dice.

“Dove gli umani possono facilmente distrarsi “, dice,” possiamo avere una macchina continuamente tenendo d’occhio tutto ciò che sta succedendo. “

Ti piace questa storia? Iscriviti a CNBC Fallo su YouTube!

Da non perdere:

Articolo originale di CNBC