Entra in contatto con noi

Attualità

Germania: serve il lockdown

Pubblicato

il

La Germania è chiara: “Serve un lockdown”. I contagi covid non si fermano, la variante Omicron rischia di peggiorare una situazione già drammatica.

In Germania anche mondo scientifico invita ad una chiusura totale: “Un nuovo lockdown è la soluzione giusta – afferma Bild am Sonntag il professor Kristian Schneider, che analizza i nuovi dati relativi al covid.

Alla rivista Focus il virologo Martin Sturmer dichiara: “Non saremo in grado di evitare un lockdown generale in questa situazione”.

La Germania ha superato i 60mila contagi al giorno con un’incidenza quota 444 casi per 100mila abitanti. Gli ospedali non riescono a contenere  l’emergenza anche dalla Baviera, decollano voli dell’aeronautica per trasferire pazienti nei reparti di terapia intensiva di Amburgo o nel  Nord Reno-Westfalia.

Advertisement

L’idea di lockdown conquista e adesso comincia a trovare spazio. Il premier del Baden-Württemberg, Winfried Kretschmann con parole dirette afferma:  “Non escludo un lockdown generale. Non rimandiamo all’ipotesi di una stretta, che potrebbe prendere forma a livello locale, con misure varate dai Laender prima che dal governo federale”.
Dai  risultati del sondaggio che Bild ha Sonntag in Germania emergono le idee della popolazione tedesca e le loro percezioni: le attuali misure sono inadeguate per il 58%, solo il 16% ritiene che siano corrette mentre il 22% le giudica eccessive, il 73% pensa che prima della fine dell’anno verrà deciso un lockdown. E, in base ad un’altra domanda, il 57% vuole una chiusura totale per fermare i contagi.

Intanto Israele sceglie di “non parlare” ma di passare direttamente ai fatti con una chiusura preventiva di ben due settimane per limitare i possibili rischi. Diametralmente opposta la decisione del governo Svizzero che in realtà decentralizza le scelte: “Il governo federale  non cara nuove restrizioni di fronte all’impennata di contagi, lasciando il compito ai cantoni, che in molti casi hanno inasprito le regole, soprattutto per quanto riguarda le mascherine”. 

Advertisement