giovedì 02 dicembre 2021

Il motore di Toyota è apparentemente dimenticato ma certamente non è andato

In tutto il trambusto delle auto elettriche che Tesla (NASDAQ: TSLA ) ispira, Toyota Motor (NYSE: TM ) è stato ignorato. Lo stock di TM continua ad essere un nome a basso volume. Di 330,000 le azioni vengono scambiate in un giorno medio, mentre le azioni TSLA sono in media quasi 41 milioni.

Ma Toyota è la più grande casa automobilistica del mondo, avendo superato Volkswagen (OTCMKTS: VLKAY ) l’anno scorso. Toyota ha fatto $ 213 miliardi di affari durante l’anno fiscale 2020. È più del doppio di quanto General Motors (NYSE: GM ) lo ha fatto e le vendite dell’ultimo trimestre hanno superato livelli pre-pandemici.

Gli investitori non sono impressionati. Non sono stati impressionati dalla Toyota per anni. Dal momento che la pandemia ha toccato il fondo lo scorso marzo, le azioni sono aumentate solo del 32% , mentre il valore di GM è in aumento 213%.

Toyota avrebbe dovuto aprire per il commercio febbraio. 22 in $ 55. 55. Questa è una capitalizzazione di mercato di $ 213 sul calendario 2020 vendite di circa $ 215 miliardi. Ancora più importante, il rapporto prezzo / utili è un 9.4. Il $ 1. un dividendo trimestrale rende 2,7%.

È un vero affare?

Azione della retroguardia

Perché le azioni Toyota non riescono a togliersi di mezzo mentre le case automobilistiche americane stanno raccogliendo il mojo di Tesla?

Uno dei motivi è che alla Toyota non interessa il mojo. L’azienda insiste che i suoi ibridi plug-in, come la Prius, abbiano un’impronta di carbonio inferiore rispetto all’impianto elettrico perché non hanno bisogno di una batteria così grande. Toyota lancerà due nuovi componenti elettrici quest’anno, ma anche un nuovo ibrido. L’azienda ha costruito 07 milioni di auto negli Stati Uniti da quando 1984.

La Toyota ha tutti i tipi di dati che sostiene dimostrano che le auto ibride sono più ecologiche delle plug-in perché possono utilizzare batterie più piccole. Il mercato azionario non vuole sentirlo.

Oltre alle sue ibride e al nuovo impianto elettrico, Toyota sta realizzando anche un’auto a celle a combustibile, la Mirai. Afferma che il Mirai offre “emissioni negative”. La spiegazione è che le celle a combustibile assorbono enormi quantità di aria per ottenere ossigeno, che si combinano con il combustibile a idrogeno. Il Mirai filtra quest’aria per il particolato. Ma quanto è verde se il gas naturale è la materia prima dell’idrogeno?

Toyota può crescere?

Ad essere onesti, agli investitori interessa solo se la Toyota sta crescendo, non ciò che alimenta le sue auto.

In questo momento, non sta crescendo. Le entrate fiscali della società 2020 erano solo del 5% in più rispetto a quelle fiscali 2016. L’utile netto era ancora più basso in 2020 rispetto a allora. Questi erano i “bei vecchi tempi” in cui i produttori di automobili combattevano contro le autorità di regolamentazione del governo per il chilometraggio e le emissioni. Il governo ha finalmente vinto, ma nella nuova era elettrica l’intera battaglia sembra bizzarra.

Toyota afferma che quest’anno produrrà 9,2 milioni di auto, il 2% in più rispetto a prima della pandemia. Dice anche che ha abbastanza semiconduttori per fornire queste auto, qualcosa che i rivali non possono dire. Anche questo non impressiona gli investitori, perché la Toyota tende ad essere molto modesta nel suo marketing. Le sue pubblicità televisive non sembrano molto diverse dalle pubblicità GM delle 330, persone con sorrisi ridicoli che camminano per una concessionaria .

Sofferenza dal dilemma del commerciante secolare

Gli annunci parlano del vero problema di Toyota.

Toyota è una casa automobilistica. La sua rete di concessionari prende una grossa fetta del valore della vita di ogni auto. Quei concessionari sono stati essenziali per il successo di Toyota.

Ma potrebbero anche essere una forma di “debito tecnologico”.

Il modello di business di Tesla è per il produttore per catturare tutto questo valore. Tesla non ha una rete di rivenditori. Il software e l’elettricità provengono direttamente dal produttore. Il produttore si occupa anche della manutenzione. Ciò significa che Tesla ottiene molto più valore da ogni auto che produce di quanto Toyota possa mai fare.

Possiedo Toyota da tre decenni. Le macchine sono fantastiche, così come i concessionari. Ma con quel modello di business seriamente minacciato, tutto ciò che mi resta come investitore è il 2. 76% di dividendo. Ecco perché le azioni Toyota sono solo per i portafogli più difensivi.

della pubblicazione, Dana Blankenhorn non possedeva azioni (direttamente o indirettamente) nelle aziende citate in questa storia.

è giornalista finanziaria e tecnologica da 1978. È l’autore di , disponibile nel Kindle Store di Amazon. Scrivilo a , twittalo a , o iscriviti alla sua newsletter Substack.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)