martedì 09 marzo 2021

Il Sundar Pichai di Google ha appena ottenuto il peggior lavoro nella Silicon Valley

Congratulazioni a Sundar Pichai, che è appena stato promosso al peggior lavoro nella Silicon Valley.

Martedì, la società madre di Google Alphabet ha lasciato cadere la bomba che i cofondatori Larry Page e Sergey Brin si stanno dimettendo rispettivamente da CEO e presidente e che il 47 – Pichai sarà diventa CEO di Alphabet.

La mossa arriva dopo quattro anni da quando Page ha orchestrato il piano di pensionamento più geniale della storia degli affari. Sempre annoiato delle faccende quotidiane di Google, ha diviso la società in diverse “Altre scommesse” o società separate che esplorano progetti scientifici come auto a guida autonoma e città intelligenti, lasciando al contempo la principale attività di ricerca su Internet al suo fidato vice Pichai. Ciò ha liberato Page ad esplorare i suoi progetti di passione.

Ora, dopo aver trascorso gli ultimi anni in modo efficace AWOL dal pubblico e gran parte di Alphabet, Page e Brin, entrambi 46, sono usciti giusto in tempo per la compagnia di confondere le sue più grandi sfide nella sua storia.

E il povero Pichai è stato incaricato di navigare in Alphabet attraverso tutto questo, mentre Page e Brin riescono a proteggersi da tutti i controlli e le sfide

Ma anche come nuovo leader di Alphabet, Pichai è bloccato tra una roccia e un luogo difficile. E Page e Brin continueranno a incombere su tutto questo.

La roccia: Pichai ora è responsabile di un focalizzazione senza focalizzare la perdita di denaro Altre scommesse che vanno in giro con qualsiasi cosa, dalla cura della morte alla trasmissione di Internet sulla Terra da palloni ad alta quota. Ma nessuna di quelle altre scommesse si è trasformata nelle principali attività sperate da Alphabet.

Google è ancora la mucca da soldi di Alphabet, generando in modo efficace tutte le sue entrate grazie alla sua redditizia attività di pubblicità digitale. Non ci sono segni che il “prossimo Google” crescerà presto da un’altra scommessa. (In effetti, alcune altre scommesse come la società di casa intelligente Nest e la società di sicurezza informatica Chronicle sono state ripiegate su Google.)

Newsletter del Byers Market

Ricevi le ultime notizie e le analisi interne sul mondo in rapida evoluzione dei media e della tecnologia direttamente nella tua casella di posta.

Il compito di Pichai sarà ora di decidere cosa fare con i ragazzi di Alphabet. Tornano in Google? Impacchettano tutto e lo chiamano smettere? Alphabet investe meno in loro?

Ma questo ci porta a …

Il luogo difficile: Page e Brin potrebbero essersi dimessi dal loro lavoro quotidiano, ma sono ancora in agguato. Hanno quote di controllo nella società e hanno detto che sarebbero rimasti membri del consiglio “attivi”. Se Pichai decide che è tempo di ridurre alcune altre scommesse, potrebbe comunque essere superato da Page e Brin. Buona fortuna a Pichai se mai vuole convincerli a mettere i loro progetti scientifici preferiti sul ghiaccio e concentrarsi su modi per far crescere Google invece.

Ma aspetta, c’è di più.

Oltre alla dinamica di potere tra Page, Brin e Pichai, Google affronta crisi dopo crisi, spaziando dalle proteste dei dipendenti alle indagini antitrust che minacciano di sciogliere la società.

I dipendenti di Google si ribellano apertamente la gestione di molestie sessuali da parte di dirigenti e poliziotti controversi come Miles Taylor, ex capo dello staff del Dipartimento della sicurezza nazionale che ha difeso il divieto di viaggio musulmano dell’amministrazione Trump. Lo scorso mese, 200 i dipendenti di San Francisco hanno protestato contro le varie decisioni controverse di Google . Poco dopo, quattro manifestanti sono stati licenziati. Google ha negato che i dipendenti siano stati licenziati per l’organizzazione. Ora quegli ex dipendenti, soprannominati i “Thanksgiving Four” hanno in programma di sporgere denuncia nei confronti di Google con i Rapporti nazionali del lavoro Consiglio .

Nel frattempo, Google sta indagando sui propri dirigenti su relazioni inadeguate che potrebbero aver avuto con subordinati, come riportato per la prima volta il CNBC il mese scorso. Ciò include il Chief Legal Officer David Drummond, che ha recentemente sposato un dipendente del dipartimento legale di Google e affronta un serie di accuse dannose di un altro ex dipendente con cui ha avuto una relazione extraconiugale.

Successivamente, c’è YouTube, che ha affrontato polemiche dopo polemiche negli ultimi anni, che vanno dai pedofili in agguato nei commenti video in cui compaiono bambini minorenni, alla diffusione delle teorie del complotto sulle vittime delle sparatorie a Parkland, in Florida, l’anno scorso. (Saremo qui tutto il giorno se elenchassi tutte le recenti crisi e fallimenti di YouTube.)

E poi ci sono i dollari e i centesimi. La crescita del core business della pubblicità digitale di Google sta rallentando e il la pressione sta aumentando affinché l’azienda trovi nuove aree di espansione. Mentre le sue attività cloud e hardware stanno mostrando qualche promessa, rappresentano comunque una piccola parte delle entrate complessive di Google. Fondamentalmente, Google è ancora una società pubblicitaria.

Ma è solo roba interna. All’esterno della società, quasi tutti i procuratori statali del paese sta esaminando le violazioni dell’antitrust relative all’attività pubblicitaria di Google. CNBC ha riferito il mese scorso che le sonde potrebbero espandersi in Anche l’attività di ricerca di Google. Si dice anche che la FTC e il Dipartimento di Giustizia stiano esaminando le potenziali violazioni dell’antitrust di Google.

Con così tanto controllo da parte dei regolatori e degli avvocati generali, quasi sicuramente ci sarà una sorta di azione intrapresa, e Pichai è ora colui che deve guidare la nave poiché varie agenzie governative cercano di punire la sua compagnia. Page e Brin hanno scelto il momento perfetto per dimettersi e proteggersi.

Adesso per le buone notizie

È quasi impossibile dire qualcosa di negativo su Pichai. È più silenzioso e più riservato dei suoi predecessori. È un vero geek e ingegnere, il raro bravo ragazzo che gestisce un colosso da quasi trilioni di dollari. È più probabile che Pichai porti attenzione e attenzione ai problemi che devono affrontare Alphabet, eliminando gli eccessi. Alphabet non può più mantenere la sua cultura a ruota libera alle sue dimensioni e Pichai ha le gravitas all’interno dell’organizzazione per cambiarla.

Quindi c’è la responsabilità. Mentre Alphabet e il resto di Big Tech navigano attraverso la cosiddetta sferzata tecnologica, la società ha finalmente un leader che non è diventato AWOL, nascosto al pubblico e agli investitori e che fa chissà che tipo di decisioni dietro le quinte.

In pratica, non cambierà molto. Pichai gestisce efficacemente il nucleo di Alphabet da oltre quattro anni. Page e Brin avevano quindi il massimo controllo, e andando avanti la loro influenza sarà ridotta modestamente solo grazie ai loro posti nel consiglio di amministrazione e alle quote di maggioranza nella società. Sono ancora i capi di Pichai.

Ma sulla carta, ora è tutto su Pichai. Ed è difficile invidiare qualcuno che ha appena avuto il peggior concerto in tecnologia.

Come riportato da NBC News