venerdì 23 luglio 2021

Kelly Evans: Non così grandi novità per il mercato azionario

Si è parlato molto di quanto denaro potrebbe riversarsi nel mercato azionario questa settimana grazie al “riequilibrio trimestrale”. Si scopre che era un caso lieve di pesce d’aprile.

Gli investitori speravano che grandi afflussi potessero aiutare a stabilizzare le azioni dopo che il Dow ha avuto la sua peggiore performance di gennaio-marzo di sempre, in calo quasi 20%. Invece, il volume è stato piuttosto leggero negli ultimi giorni. Brian Reynolds della sua omonima società di ricerca porta questo fino a grandi pensioni che non si riequilibrano in azioni, come era ampiamente previsto.

Ecco come funziona in genere il riequilibrio, per chiunque, dai singoli investitori ai maggiori fondi pensione del paese: dire che l’investitore mira a 45% delle sue attività in azioni. Quando i valori delle azioni scendono 20%, il fondo rimane solo 36% del suo denaro (approssimativamente parlando, dal momento che le altre attività si stanno muovendo di valore anche) in stock. Pertanto, deve acquistare più azioni per riportare l’allocazione sul target.

Potete immaginare, quando tutti i maggiori investitori pensionistici hanno a che fare con la stessa dinamica, come ciò possa generare massicci afflussi di borsa. Ma non questa volta. Perché? “Una simile mossa non ha senso per le pensioni dato il capitale che stanno affrontando dal credito e dai relativi prodotti”, afferma Reynolds . “Riteniamo che un numero significativo di pensioni abbia rinviato il loro riequilibrio di almeno sei mesi e più a lungo se le condizioni finanziarie non sono migliorate .” Questo probabilmente peserà sul mercato per il momento.

La buona notizia è che non aggiungendo principalmente alle loro posizioni azionarie proprio ora, i fondi pensione avranno meno probabilità di essere costretto a venderli nel panico in seguito. Questa sarebbe una lezione importante da cui hanno appreso 2008 e potrebbe aiutare a evitare di aggravare un futuro sell-off.

La cattiva notizia è che Reynolds e altri sono sempre più preoccupati per le condizioni dei mercati finanziari. La sua speranza è che i fondi pensione e la Fed stiano facendo delle mosse per impedire che questo si trasformi nelle fasi successive del ‘008 – 09 crisi del credito. Ma rileva le somiglianze, tra cui un aumento delle attività e passività bancarie mentre le aziende attingono alle loro linee di credito, tra ora e l’ambiente post-Bear Stearns.

Anche David Zervos di Jefferies ieri sembrava un po ‘abbattuto nella nota del suo cliente. “La totalità della spesa per deficit e l’espansione del bilancio della Fed sarà almeno 40% del PIL “, ha scritto” e probabilmente molto di più, prima che tutto sia detto e fatto. Solo quelle rare anime che possono ricordare i mercati del 1940 s avrà visto qualcosa di simile a ciò che è stato appena implementato dal governo degli Stati Uniti “.

“Il fatto che queste misure estremamente aggressive siano state gettate nell’economia, e stiamo ancora negoziando in ribasso ~ 20% da inizio anno, è più che un po ‘triste “, ha scritto Zervos. “Quindi, ciò che sta arrivando dietro l’angolo per questa economia è probabilmente abbastanza brutto.”

Ugh.

Quindi lasciatemi lasciare una nota leggermente più fiduciosa, per gentile concessione del ritardo Georges Bernanos . “Uno non si sottomette al futuro; uno lo fa.”

Ci vediamo alle 13!

Kelly

Twitter: @KellyCNBC

Instagram: @realkellyevans

Articolo originale di CNBC