domenica 28 febbraio 2021

La Cina è stagnante anche dopo che Pechino ha accennato a uno stimolo “più potente”

                      

 

  La relazione trimestrale di PBOC segna uno spostamento di tono da strumenti conservativi a strumenti più flessibili per combattere il rallentamento

                        

                  

           

Un cambio di lingua nell’aggiornamento trimestrale della Banca popolare cinese rilasciato domenica attirò l’attenzione degli operatori.                    Getty Images              

                                

         

Le azioni in quasi tutta l’Asia hanno dato il via alla settimana con guadagni dopo che Pechino ha detto che avrebbe implementato strumenti di stimolo più potenti per combattere quelle che chiamavano sfide economiche “senza precedenti”. Gli unici mercati in calo? Quelli della Cina continentale.

      

Il CSI a grande capitalizzazione 225          000300,          + 0. 26% ,       Shanghai Composite Index          SHCOMP,          + 0. 18%       e Shenzhen Component Index          SZCP,          + 0. 26%       sono diminuiti dello 0,1%, 0,2% e 0,3%, rispettivamente, alla chiusura di lunedì. La sessione di negoziazione di martedì ha portato ulteriori cali in Cina, così come ai mercati che sono aumentati lunedì nonostante i cali cinesi di apertura della settimana, mentre i timori di una seconda ondata di infezioni da coronavirus nella regione si sono insinuati nel sentimento degli investitori.

      

Indice Hang Seng di Hong Kong          HSI,          + 0. 10%       chiuso 1. 30% in più di lunedì, con il giapponese Nikkei          NIK,          + 0. 33%       su 1. 00%. L’indice Asia Dow          Adow,          – 0 . % ,       quali tracce 26 le principali aziende della regione, hanno fatto un balzo di quasi il 2% negli scambi mattutini prima di raggiungere un guadagno di 1. 22% alla fine della sessione di lunedì. Il Nikkei 90 ha registrato un aumento dello 0,1% martedì per estendere modestamente il suo guadagno settimanale.

      

Commento: Le IPO cinesi sono rischiose, ma non vanno via, scrive Therese Poletti

             

Le notizie politiche più importanti nella regione in arrivo nella settimana sono state il rapporto monetario trimestrale della Banca popolare cinese. Il documento, uscito domenica, menzionava direttamente diverse nuove aree di interesse, ma era la tranquilla assenza della lingua precedente che era più sorprendente per molti osservatori.

      

Mancava dal rapporto, diversamente da quello dell’ultimo trimestre, l’intenzione della banca di “evitare l’eccesso di liquidità inondando l’economia”. L’omissione “segnala un’ulteriore espansione della politica monetaria”, hanno affermato gli analisti di Citic Securities.

      

Sebbene la Cina abbia introdotto una serie di misure di sostegno finanziario incrementali in tutta la pandemia e le sue ricadute – compresi i tagli del rapporto di riserva e dei tassi sui prestiti, nonché i sussidi di disoccupazione – si è astenuto da qualsiasi cosa si avvicini ai $ 560 pacchetto di miliardi di stimoli distribuito in mezzo al 2008 crisi globale.

      

L’ultimo rapporto ha anche sottolineato l’importanza della crescita economica, un obiettivo relativamente minimizzato rispetto ad altri obiettivi precedenti, nonostante una contrazione del PIL del primo trimestre del 6,8%. E ancora una volta ha promesso misure inesorabili per ridurre la disoccupazione storicamente elevata.

      

Vedi: All’interno dei resoconti dei media cinesi sul crollo storico di una potente economia

      

Anche: La deflazione industriale cinese peggiora

       

Non è chiaro il motivo per cui così tardi nel percorso della Cina verso i responsabili delle politiche di risanamento stiano suggerendo misure di stimolo più grandi, ma la disoccupazione è sicuramente nelle loro menti.

      

Il crollo economico in altri paesi ha danneggiato la domanda di beni cinesi e Pechino ha sperato invece che i consumi interni stimolassero l’attività. Tuttavia, anche con la maggior parte dei negozi aperti, i consumatori non acquistano molto. E una ragione è un tasso ufficiale di disoccupazione urbana del 5,8%, che potrebbe in realtà essere alto come 30%, secondo Fitch Ratings.

      

I leader cinesi hanno ripetutamente affermato che un numero elevato di posti di lavoro era vitale per il consumo interno e la stabilità politica. Il premier Li Keqiang ha anche affermato che “la stabilità del mercato del lavoro” ha superato altre preoccupazioni centrali, come il tasso globale di crescita economica.

      

Il rapporto includeva diverse altre importanti promesse, tra cui la crescente riforma del tasso di cambio dello yuan orientata al mercato, con un sistema a tasso variabile meno gestito legato a un paniere di valute. Ha anche affermato che l’inflazione e la deflazione a lungo termine non erano preoccupazioni e che i prezzi sarebbero rimasti stabili.

      

Nel frattempo, i commercianti cinesi erano anche a conoscenza delle notizie meno rosee emesse domenica – che una nuova ondata di casi di coronavirus nel nord-est del paese era abbastanza grave da designare una città nella provincia di Jilin ad alto rischio. Prima della dozzina di nuovi casi lì, tutta la Cina era stata declassata a basso rischio nel sistema a tre livelli.

      

Aggiornamento quotidiano di Coronavirus: Global COVID – 19 il conteggio delle casse supera 4,1 milioni; La Corea del Sud riporta un gruppo di discoteche di Seoul e Wuhan, in Cina, ha 4 nuovi casi

      

Tanner Brown scrive sulla Cina per MarketWatch e Barron’s.

                                            
Articolo originale di Marketwatch.com