lunedì 30 novembre 2020

Notizie Dow Jones: indice di paura dei carri armati; Apple e Boeing Tumble

                                                                 

Gli investitori erano in panico quando l’epidemia di coronavirus si è intensificata.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Mentre l’epidemia di coronavirus che ha avuto origine in Cina continua a intensificarsi, il Dow Jones Industrial Average ( DJINDICES: ^ DJI ) è sceso alla grande lunedì. Il Dow aveva perso più di 18 punti di : 15 am EST, ottimo per un calo del 2,5%.

Mela ( NASDAQ: AAPL ) e Boeing ( NYSE: BA ) erano due dei più grandi perdenti del Dow, entrambi inciampando un po ‘più dell’indice. Un analista ottimista vede i problemi della catena di approvvigionamento di Apple in Cina che durano almeno fino ad aprile, il che non ha aiutato lo stock lunedì. Nel frattempo, secondo quanto riferito, Boeing sta affrontando un diffuso problema di detriti con i suoi fondamenti 737 Max.

Interruzione della catena di approvvigionamento mensile per Apple

Apple dipende dall’iPhone e da altri gadget per la maggior parte delle sue entrate, e dipende dalla Cina per gran parte della sua produzione. L’epidemia di coronavirus ha ribaltato il gigante della tecnologia catena di approvvigionamento nel paese, con i fornitori che rallentano per aumentare la capacità e soddisfare la domanda. Insieme alla domanda depressa per i prodotti Apple in Cina, i problemi della catena di approvvigionamento hanno portato l’azienda a ritirare il secondo trimestre guida all’inizio di questo mese.

Fonte immagine: Getty Images.

Per quanto tempo persisteranno questi problemi? L’analista Daniel Ives di Wedbush, che valuta lo stock “sovraperformato”, non prevede che la catena di approvvigionamento di Apple tornerà a pieno regime fino ad aprile non prima. Questo è lo scenario migliore, secondo Ives. La custodia di base è un ritorno a piena capacità all’inizio di maggio, e il caso peggiore ritardi che tornano fino a giugno, abbastanza tardi per influire sul lancio di iPhone entro la fine dell’anno.

Naturalmente, il vero caso peggiore è probabilmente molto peggio di così. Il coronavirus non è ancora stato messo sotto controllo in Cina e sta iniziando a infettare un numero significativo di persone in altri paesi. Anche se la catena di approvvigionamento sarà pienamente operativa entro un paio di mesi, la domanda di prodotti Apple potrebbe iniziare a colpire al di fuori della Cina.

Le azioni di Apple sono scese del 3,3% lunedì mattina, un po ‘più degli ampi indici di borsa. Lo stock è ancora circa 75% over l’anno scorso, ma quei guadagni saranno probabilmente testati mentre continua l’epidemia di coronavirus.

Boeing trova detriti in 737 Max serbatoi di carburante

Il titolo Boeing è sceso del 2,8% lunedì mattina, cadendo insieme al Dow. In cima alle paure del coronavirus, The Wall Street Journal ha riferito alla fine della scorsa settimana che il produttore di aeroplani aveva trovato detriti nei serbatoi di carburante della maggior parte 737 Max piani che aveva ispezionato. Ciò suggerisce che il problema è più profondo di quanto si pensasse inizialmente.

Boeing ha trovato strumenti, stracci e altri detriti lasciati negli aerei dagli operai, un problema che è emerso in più fabbriche. Questi problemi potrebbero non ritardare ulteriormente la ricertificazione di 737 Max, che è stato messo a terra a seguito di due voli fatali causati da un problema software, ma sicuramente non ispira fiducia nella compagnia.

Insieme a questi problemi di produzione, i procuratori federali che indagano su Boeing stanno ora indagando se la società abbia intenzionalmente fuorviato la Federal Aviation Administration, secondo un rapporto di Il New York Times. L’attenzione si concentra sul fatto che un pilota di punta della compagnia abbia mentito intenzionalmente sul sistema di controllo di volo al centro del 737 Scandalo massimo.

Anche se il 737 Max tornerà in servizio nei prossimi mesi, probabilmente questa debacle getterà un’ombra sulla società per gli anni a venire.

                                                                                                                                                                                                                 Timothy Green ha nessuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool possiede azioni e raccomanda Apple. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com