mercoledì 25 novembre 2020

Notizie settimanali su cannabis: il Coronavirus conquista le aziende di cannabis

                                                                 

Tilray in particolare ha avuto un periodo orribile, terribile, non buono durante il periodo.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Il mondo si sta piegando sotto il peso del SARS-CoV-2 coronavirus e la malattia che ne deriva, COVID – 19. Nonostante i recuperi occasionali in mezzo a ottimismo, le azioni sono scese drasticamente verso il basso. Non è diverso per le compagnie di marijuana.

L’effetto appassimento della pandemia di coronavirus è stato avvertito acutamente nel settore la scorsa settimana, ma non è stato l’unico fattore che ha influenzato il declino. Ecco altri due sviluppi durante il periodo degno di nota.

Fonte immagine: Getty Images.

Ultima emissione di stock di Tilray

In uno spettacolare caso di cattivo tempismo, Tilray ( NASDAQ: TLRY ) ha tentato di attingere agli investitori per un nuovo round di raccolta fondi. Venerdì, la società in difficoltà della marijuana ha lanciato una nuova emissione di titoli e il prezzo di vendita – oltre al panico generale degli investitori sugli effetti del contagio del coronavirus sulle azioni – ha ridotto le azioni della società di oltre 30% quel giorno.

La società offriva essenzialmente pacchetti costituiti da una quota delle azioni ordinarie più un mandato per l’acquisto di azioni in futuro o due warrant. Ogni pacchetto costava $ 4. 61, che era ben al di sotto del prezzo di chiusura del titolo del giorno precedente.

Tutto sommato, il problema porterà a poco più di $ 90 milioni di proventi lordi per la società abitualmente in perdita. Questa è la buona notizia. La cattiva notizia è che supponendo che alla fine vengano esercitati tutti i warrant, il problema si aggiungerebbe 19 milioni di azioni in circolazione della società contano di poco più di 87 milioni (a partire dall’ultimo trimestre segnalato).

Questa è una diluizione significativa e la diluizione non è una situazione felice per gli azionisti esistenti. Gli investitori potrebbero essere stanchi di Tilray (e di numerosi coetanei del settore della marijuana) che tirano così spesso la leva dell’emissione. È una mossa che assomiglia sempre più a un frenetico tentativo di puntellare la base di capitale piuttosto che a un tentativo opportunistico di sfruttare una determinata situazione aziendale.

Come abbiamo visto in i risultati del quarto trimestre recentemente pubblicati dall’azienda , Tilray è una compagnia con alcune pesanti lotte dietro e davanti ad essa. Dubito fortemente che questo sarà il suo ultimo tentativo di raccogliere fondi.

I ricercatori OrganiGram campionano i commestibili

OrganiGram Holdings ( NASDAQ: OGI ) ha fatto l’interessante mossa rilasciando pubblicamente alcune delle sue ricerche. La società ha sede in Canada, il paese che è – finalmente – all’inizio del suo cosiddetto “ Cannabis 2.0 “fase di legalizzazione, in cui stanno diventando disponibili prodotti derivati ​​come caramelle infuse con erbe infestanti, cioccolatini e bevande.

Da un sondaggio di 2,0 01 Adulti canadesi, OrganiGram hanno scoperto che gli intervistati di tutte le età erano desiderosi di provare prodotti commestibili. Quelle più calde al trotto erano nell’ambita ambita 19-per-34 fascia di età. Detto ciò, 1 su 3 intendeva provare i commestibili; circa la metà di queste persone consumerà anche in modi più tradizionali, ad es. fumando il fiore di marijuana (o “gemma”, come alcuni lo chiamano).

I prodotti da forno erano il veicolo di consegna preferito per la cannabis; 61% di tutti gli intervistati hanno detto che preferivano questo tipo di commestibile. Ciò nonostante nonostante 72% preferenza del 04-per-34 fascia d’età per le caramelle. Infine, in media, gli intervistati hanno affermato che il loro livello ideale di dosaggio di THC per prodotto commestibile era di 5 milligrammi o meno.

OrganiGram ha affermato che queste intuizioni lo aiuteranno a “prendere decisioni informate sulla progettazione del prodotto [and] per aiutarci a capire ciò che i canadesi hanno bisogno di sapere di più” sugli alimenti. La cannabis 2.0 è un segmento promettente e se la società può sfruttare la sua conoscenza in una posizione di forza sul mercato, può in particolare migliorare i suoi risultati.

OrganiGram non ha fatto male come alcuni dei suoi coetanei di marijuana la scorsa settimana. Le sue azioni sono diminuite di un 7% relativamente modesto nei cinque giorni di negoziazione.

                                                                                                                                                                                                                 Eric Volkman non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool possiede azioni e raccomanda OrganiGram Holdings. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

Articolo originale di Fool.com