sabato 31 ottobre 2020

Partite Iva e PMI, come funzionano i contributi a fondo perduto

Il Decreto Rilancio, annunciato mercoledì sera dal presidente del Consiglio e in attesa che arrivi il testo, conterrà fra le altre cose gli attesi contributi a fondo perduto (sovvenzione statale) a favore di PMI, lavoratori autonomi e titolari di reddito agrario che fatturano meno di 5 milioni all’anno e che nel mese di aprile 2020 abbiano un fatturato inferiore ai due terzi di quello dello stesso mese 2019. In pratica, deve esserci stata una riduzione superiore a un terzo di fatturato.

Il contributo minimo è pari a 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per le imprese. La somma precisa – evidenzia il sito delle piccole-medie imprese pmi.it – dipende dal fatturato, il decreto stabilisce con precisione come si calcola.

Per alcune tipologie di soggetti, ad esempio coloro che hanno iniziato l’attività a partire dal primo gennaio 2019 (Startup o nuove Partite IVA), il contributo spetta indipendentemente dalla riduzione di fatturato.

Chi ne ha diritto
“Soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, titolari di partita IVA, comprese le imprese esercenti attività agricola o commerciale, anche se svolte in forma di impresa cooperativa, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro”.
Dunque, hanno diritto al contributo a fondo perduto le imprese o le Partite IVA che nel 2019 hanno avuto ricavi o compensi fino a 5 milioni di euro. Il requisito fondamentale è la riduzione degli incassi di aprile 2020 superiore ad un terzo (ammontare del fatturato e dei corrispettivi inferiore ai due terzi rispetto a quello di aprile 2019). Importante: per effettuare correttamente questo calcolo, bisogna fare riferimento alla data di effettuazione dell’operazione.

Importo
Il contributo  non concorre alla formazione del reddito o della base imponibile, quindi è esentasse. Per conoscere la somma a cui si ha diritto bisogna prima di tutto calcolare la differenza di fatturato aprile 2020/aprile 2019. A questa cifra si applica poi una percentuale, che varia nel seguente modo:

  • 20% per chi nel 2019 ha ricavi o compensi fino a 400mila euro;
  • 15% per imprese e partite IVA con incassi 2019 fra 400mila e 1 milione di euro;
  • 10% per chi ha fatturato l’anno scorso fra 1 e 5 milioni di euro.

In ogni caso, ci sono dei tetti minimi: il contributo non può essere inferiore ai mille euro per le persone fisiche e ai 2mila euro per le imprese.

Esempi (fonte pmi.it)
Impresa con differenza di fatturato pari a 50mila euro.

  • Fatturato 2019 900mila euro: contributo a fondo perduto pari al 15% di 50mila euro, quindi a 7mila 500 euro.
  • Fatturato 2019 2 milioni di euro: sovvenzione di 5mila euro.
  • Fatturato 2019 300mila euro: contributo di 10mila euro.

Domanda
La domanda va presentata all’Agenzia delle Entrate, anche tramite intermediario. Le modalità saranno indicate da apposito provvedimento della stessa Agenzia, e dal momento in cui verrà avviata la procedura telematica ci saranno 60 giorni di tempo per presentare richiesta. Il Fisco versa la somma direttamente sul conto corrente bancario o postale del beneficiario, basandosi sui dati presenti nella domanda. Se successivamente rileva un’irregolarità, recupera le somme non dovute e applica sanzioni, che possono essere anche penali.

Articolo originale di Quifinanza.it.