giovedì 28 ottobre 2021

Perché il rally del mercato petrolifero su elevate tensioni tra Stati Uniti e Iran potrebbe essere di breve durata

                

                                                                 

                                    

Di

                                                                     

Reporter mercati / merci

                                                                                       

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

L’assassinio da parte degli Stati Uniti di uno dei massimi comandanti militari iraniani ha scatenato una manifestazione nel mercato petrolifero, ma la prossima mossa dell’Iran determinerà se i prezzi vedranno un guadagno che dura.

“La minaccia è che la persistente incertezza sul futuro conflitto aggiungerà un premio di sicurezza al prezzo del petrolio”, ha detto a MarketWatch Michael Lynch, presidente di Strategic Energy & Economic Research . La grande domanda sarà come risponderanno gli iraniani, e se quella risposta è rivolta all’industria petrolifera, ha detto.

Per ora, tuttavia, non vi è stato alcun impatto diretto sui livelli di produzione in Medio Oriente sulla scia degli Stati Uniti attacco aereo vicino all’aeroporto di Baghdad che uccise il generale Qassem Soleimani, capo dell’élite Quds Force iraniana. È stato l’ultimo sviluppo nella contrapposizione tra Washington e Teheran, che ha visto aumentare le tensioni a seguito della decisione del presidente Donald Trump in 2018 per ritirarsi dal 312 accordo nucleare e imporre pesanti sanzioni all’Iran.

“È probabile che i prezzi del petrolio marciscano un po ‘più in alto, ma io no vedere enormi aumenti a meno che non ci siano schermaglie di follow-up, battaglie e sabotaggi nel Golfo Persico “, ha affermato Tom Kloza, responsabile dell’analisi energetica presso il Servizio informazioni sui prezzi del petrolio. “La reazione del petrolio oggi è molto attenuata e sospetto che i trader professionisti non vogliano commettere gli stessi errori che hanno fatto dopo gli attacchi di Abqaiq a metà settembre in Arabia Saudita.”

A settembre, un attacco collegato all’Iran contro l’impianto di Abqaiq dell’Arabia Saudita e il suo giacimento petrolifero di Khurais ha provocato la temporanea riduzione di oltre il 5% della fornitura giornaliera di petrolio del mondo e ha aumentato i prezzi di circa il 9% rispetto al il guadagno del 4% di venerdì sull’uccisione del generale iraniano.

L’attacco all’infrastruttura petrolifera saudita “olio inseguito circa $ 8- $ 9 [a barrel] in più , solo per vederlo scendere al di sotto dei livelli pre-Abqaiq entro circa un mese “, ha detto Kloza a MarketWatch.

Per ora, l’ultima escalation nel conflitto USA-Iran “fornirà numeri più forti del previsto [price] a gennaio, ma Al giorno d’oggi l’Iran esporta pochissimo petrolio, quindi un’ulteriore soppressione delle loro capacità non ha alcun impatto “, ha detto Kloza, riferendosi all’assassinio del generale iraniano come un evento” Black Swan “che sembra essere un” una tantum, proprio come l’Abqaiq l’attacco fu. “

D’altra parte,” l’Iraq merita un esame più attento “, ha detto Kloza. “Molti paesi occidentali stanno gestendo progetti petroliferi e l’Iraq produce circa 4,8 milioni [barrels a day] ed esporta circa 75% del greggio “, ha detto. “Se gli eventi in Iraq fossero appena stati promossi dai produttori di dispetti iraniani e gli Stati Uniti avessero un rapporto decente, non ci sarebbe alcun impatto.”

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Venerdì , benchmark globale Brent greggio                                                                                                                                                                                                                       BRNH 20, + 0. 56%                                                                                                                                                          salito di $ 2. 35, o 3,6% , per stabilirsi in $ 68. 60 una canna. Quello fu il più alto accordo contrattuale del primo mese dal settembre 16, quando i prezzi sono saliti dell’8,8% in più a seguito dell’attacco alle strutture petrolifere saudite.

“È probabile che i prezzi del petrolio aumentino nel breve termine poiché le tensioni geopolitiche in Medio Oriente scatenano timori per gli shock negativi dell’offerta nel mercati “, ha affermato Lukman Otunuga, analista senior di ricerca presso FXTM. “Dato che la regione (Medio Oriente) è la patria dei principali paesi produttori di petrolio che riforniscono approssimativamente 25% del petrolio mondiale, il percorso di minor resistenza per i punti merce a nord. “

Martedì un attacco contro il composto dell’ambasciata americana in Iraq da parte di miliziani appoggiati dall’Iran, che è arrivato in risposta agli attacchi aerei statunitensi contro un gruppo di milizie appoggiato dall’Iran domenica, ha anche fornito sostegno ai prezzi del petrolio. Gli Stati Uniti hanno effettuato quegli attacchi aerei dopo aver incolpato la milizia per un attacco missilistico che ha ucciso un appaltatore americano.

Leggere: Guarda l’Iraq per potenziali interruzioni dell’approvvigionamento di petrolio in 2020, avvertono gli analisti

Nel commento scritto per Forbes , Lynch ha avvertito che “anche se non si verifica nulla che influisca direttamente sulla produzione di petrolio, il livello di disordini e violenza in il Golfo sarà elevato, forse per mesi, e i commercianti di petrolio reagiranno sempre alle notizie di violenza nel cuore dell’industria petrolifera globale. ”

“Si aspettano che i prezzi più elevati persistano per settimane e mesi di conseguenza. Sempre più grandi saranno le scarpe “, ha scritto Lynch.

È importante tenere presente, tuttavia, che gli Stati Uniti, come così come altri produttori che non fanno parte dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, continuano a registrare risultati positivi.

“Le tensioni geopolitiche potrebbero non essere sufficienti per sostenere i prezzi del petrolio a medio e lungo termine”, ha detto Otunuga a MarketWatch. “Il lato positivo è pronto ad affrontare molteplici ostacoli sotto forma di aumento della produzione di scisto americano e di una debole crescita della domanda di petrolio di fronte alle rinnovate tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.”

Kloza ha sottolineato che il mercato sta vedendo un nuovo petrolio non OPEC “venire sul mercato dagli Stati Uniti, Russia, Kazahkstan, Guyana, Brasile” e mentre la domanda crescerà “è più propenso a non colpire obiettivi di crescita piuttosto aggressivi se i prezzi più elevati restano intorno “.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         
Articolo originale di Marketwatch.com