martedì 26 gennaio 2021

Quasi 1 americano su 3 non è sicuro di riuscire a tenere un tetto sopra la testa se una recessione colpisce

Gli americani hanno presentato un totale di 281, 000 nuove richieste di sussidi di disoccupazione durante la settimana che termina a marzo 14, su 70, 000 dalla settimana precedente e la più alta livello da quando l’uragano Harvey ha colpito a settembre 2017, il Dipartimento del Lavoro ha riferito Giovedi.

È un primo segnale che il coronavirus colpirà probabilmente molti americani duramente. Quasi un terzo ha già paura di non essere in grado di pagare fatture importanti, come le abitazioni, se l’economia crolla ancora di più.

JoAnna Vrasich, 54, è uno di quelli senza lavoro, dopo che la società finanziaria per cui stava tentando l’aveva lasciata andare a causa del coronavirus. “Non è facile trovare un lavoro a tempo indeterminato”, dice a CNBC Make It . E con la pandemia, si aspetta che sia ancora peggio perché nessuno vorrà che i candidati vengano per un colloquio di lavoro. Senza prospettive di lavoro immediate, è preoccupata di come potrà permettersi l’affitto dopo che è arrivata la sua ultima busta paga.

Mentre Vrasich ha presentato domanda di disoccupazione in Florida, stima che lo farà solo ricevi circa $ 275 a settimana, o circa $ 1, 100 un mese. Eppure dice che l’affitto mensile nel suo appartamento con una camera da letto appena fuori San Pietroburgo costa $ 1, 178. Dovrà anche coprire le sue altre spese di soggiorno, tra cui il pagamento della sua auto, generi alimentari, telefono cellulare e bolletta.

Il piano di Vrasich è quello di pagare l’affitto e l’auto con la sua ultima busta paga e quindi utilizzare le indennità di disoccupazione per pagare il cellulare e l’elettricità. Questo la porterà ad aprile. Ma “dopo, sono come il Titanic, sto andando giù”, dice Vrasich. Ha fatto affidamento sui risparmi e sul rimborso delle tasse per superare i mesi precedenti di disoccupazione tra concerti temporanei, quindi questa volta non è rimasto nulla.

Quelli come Vrasich che stanno dichiarando la disoccupazione ora sono probabilmente la punta dell’iceberg, dicono gli esperti . Soprattutto se gli Stati Uniti entrano in una recessione, che circa la metà degli americani crede che accadrà nei prossimi sei mesi, secondo un nuovo sondaggio di oltre 1, 200 Adulti statunitensi messi in campo da YouGov a marzo 16 e 17.

Quando la crescita economica rallenta in una recessione, la disoccupazione di solito aumenta perché le aziende generano meno entrate e potrebbe essere necessario licenziare i dipendenti . Nel caso del coronavirus, non c’è stato un appello ufficiale sul fatto che gli Stati Uniti siano in recessione, ma centinaia di migliaia stanno chiedendo sussidi di disoccupazione.

Molti americani possono affrontare problemi finanziari. Di 31% di coloro con pagamenti dovuti afferma di non essere sicuri di poter pagare l’affitto o l’ipoteca se gli Stati Uniti entreranno in una recessione, secondo quelli intervistati da YouGov esclusivamente per CNBC Make It .

L’affitto non è l’unica fattura che gli americani sono preoccupati di pagare. Di 31% di coloro che sono indebitati afferma di non essere sicuri della propria capacità di effettuare pagamenti con carta di credito. E quasi la metà di quelli con prestiti studenteschi è preoccupata di continuare a pagare i propri debiti, dicendo che non sono fiduciosi nella loro capacità di tenere il passo.

Complessivamente, circa 26% di quelli intervistati da YouGov afferma di essere “molto impreparato” o “per nulla preparato” personalmente per una recessione economica.

Nonostante le ricadute del coronavirus, ci sono segni positivi

Prima di iniziare il panico, gli esperti dicono che ci sono alcune buone notizie. L’indice del sentimento dei consumatori dell’Università del Michigan è salito a un massimo a febbraio, e mentre probabilmente diminuirà a marzo, i consumatori stanno esponendo resilienza rispetto alla Grande Recessione, afferma Dan Geller, un economista comportamentale e fondatore di Analyticom LLC . L’indice del sentimento dei consumatori ha iniziato a diminuire un anno prima della recessione ufficiale di 281.

“Questa volta i consumatori sono più fiduciosi perché sanno che stiamo affrontando una crisi sanitaria temporanea piuttosto che un problema economico di fondo”, afferma Geller, aggiungendo che non ci sono problemi sistemici questa volta e l’economia è fondamentalmente ricca. “Il fatto che i consumatori abbiano mostrato grande fiducia fino a febbraio indica che possiamo aspettarci che riprendano non appena la crisi sanitaria sarà finita”, afferma.

In nel frattempo, il governo sta prendendo provvedimenti per aiutare gli americani a mantenere un tetto sopra la testa durante la pandemia di coronavirus. Il presidente Donald Trump ha annunciato mercoledì che ci sarebbe un 60 – pausa di un giorno su “tutti i pignoramenti e sfratti” per i proprietari di case con mutui assicurati dalla Federal Housing Amministrazione. Anche i proprietari di case con mutui unifamiliari sostenuti da Fannie Mae e Freddie Mac saranno inclusi nel rilievo di preclusione, secondo la Federal Housing Finance Agency .

L’FHFA ha anche lanciato un programma di tolleranza al pagamento per i mutuatari colpiti dal coronavirus all’inizio di questo mese che consente di sospendere un pagamento ipotecario fino a 12 mesi a causa delle difficoltà causate da COVID – 19.

Tuttavia, per coloro che noleggiano, come Vrasich, il rilievo è meno certo. Città e stati in tutto il paese – compresi Baltimora, Boston, Kansas, Los Angeles, Miami, nello stato di New York, Portland, Sacramento, San Francisco, San Jose e Seattle – hanno annunciato il bando sugli sfratti per impedire agli affittuari di essere cacciati dalle loro case almeno per il mese successivo.

Per la maggior parte, i i migliori consigli degli esperti hanno è per parlare con il tuo singolo padrone di casa, dice Bobbi Rebell , un pianificatore finanziario certificato e conduttore del Financial Grownup podcast. “Sono effettivamente il tuo partner in questo. Non vogliono che tu vada via e che tu debba trovare un nuovo inquilino. Quindi trova una soluzione reciprocamente vantaggiosa, come un differimento dell’affitto”, dice.

Naturalmente, questa non è una garanzia. “Il mio complesso residenziale non è disposto ad aiutare”, afferma Vrasich. La sua direzione ha distribuito un elenco di enti di beneficenza che potrebbero essere in grado di intervenire, però. Coloro che si trovano in questa situazione possono prendere in considerazione la possibilità di stipulare prestiti personali, mettendo in conto le spese carte o prendendo un prestito dai loro conti di pensione.

“È un peccato perché tutto andava davvero bene, ma poi il maledizione ha colpito il coronavirus,” dice Vrasich.

Don da non perdere: 76% degli americani temono che il coronavirus scateni una recessione: ecco i passi da compiere se si è già interessati

Check-out: Le migliori carte di credito di 2020 potrebbero farti guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Articolo originale di CNBC