lunedì 19 aprile 2021

Riunione NATO: Trump è lungi dall’essere l’unico problema per il settantesimo compleanno dell’alleanza

LONDRA – Durante tutta la sua presidenza, il presidente Donald Trump ha spesso allarmato gli alleati europei criticando la NATO , suggerendo che potrebbe non proteggere i suoi stati membri e, a quanto si dice, minaccia di lasciare il alleanza vera e propria.

Ma prima che inizi una riunione della NATO martedì nella periferia di Londra, sono le divisioni e le controversie tra gli stessi alleati europei che minacciano di rovinare il partito.

L’atmosfera è diventata così acida che la NATO ha effettivamente declassato l’incontro di questa settimana dei leader mondiali non definendolo un “vertice” ufficiale, anche se segna il 70 anniversario della fondazione dell’alleanza.

“Penso che sia molto significativo”, ha detto Keir Giles, un consulente senior di Chatham House, un think tank londinese. “Dopotutto, l’ultima volta che hanno avuto un ‘vertice’ è stato silurato da Donald Trump – e ora non è solo Trump di cui devono preoccuparsi.”

Quell’incontro della NATO a Bruxelles in Luglio 2018 era uno dei più rancori nella storia dell’alleanza. Trump ha spinto le critiche stridenti contro gli amici di Washington e, a detta di tutti, ha trascinato l’incontro principale tra i leader mondiali sull’orlo del tracollo .

Come ogni visita europea del presidente, quella di questa settimana non farà mancare trepidazione su ciò che Trump potrebbe fare o dire, non da ultimo perché arriva nove giorni prima un’elezione generale fondamentale a livello nazionale nel Regno Unito

Questa volta, però, gli occhi saranno puntati sui presidenti di Francia e Turchia, Emmanuel Macron e Recep Tayyip Erdoğan, che sono al centro di una spaccatura ideologica più profonda e amara all’interno della NATO.

NATO brain death

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta. Le notizie e le storie che contano, hanno consegnato le mattine nei giorni feriali.

Macron dice che vuole riorientare l’energia lontano dalla Russia e verso la lotta al terrorismo, allineandosi con gli obiettivi del Cremlino. In un’intervista con la rivista Economist il mese scorso, Macron ha affermato che la NATO era “su sull’orlo di un precipizio “e in fase di” morte cerebrale “.

I suoi commenti sono stati ampiamente presi come un tentativo di ripristinare le relazioni con Mosca, allarmando alcuni nell’Europa orientale, in particolare quei paesi sul fronte della NATO linea che ricorda il dominio del Cremlino e ne sente ancora oggi l’influenza. Poiché molte osservazioni di Macron hanno aggravato gli anni in cui Trump veniva visto come troppo morbido sul presidente russo Vladimir Putin .

Tra coloro che non sono d’accordo con Macron c’è il cancelliere tedesco Angela Merkel, che privilegia un approccio più lento, pragmatico e unificato ai problemi della NATO.

La Germania è stata la principale destinataria delle ripetute e forti lamentele di Trump secondo cui gli alleati europei della NATO non pagano abbastanza per la difesa. Altri presidenti degli Stati Uniti hanno sollevato preoccupazioni simili, ma pochi o nessuno hanno suggerito che gli Stati Uniti potrebbero non proteggere paesi che non riescono a tirare il loro peso.

“Mentre il presidente Trump è imprevedibile, penso che sia una quantità abbastanza nota”, ha detto Justin Bronk, ricercatore presso il Royal United Services Institute, un think tank britannico di difesa e sicurezza. “Con lui, da una prospettiva europea, è un caso di controllo dei danni”.

Sebbene le osservazioni di Trump a volte si discostino dalle posizioni ufficiali di politica estera degli Stati Uniti, la Casa Bianca ha annunciato la NATO come “la più vincente alleanza nella storia, garantendo la sicurezza, la prosperità e la libertà dei suoi membri “, in una dichiarazione del mese scorso.

” La questione filosofica più interessante in questo vertice è se la visione di Macron o Merkel di La leadership della NATO viene fuori “, ha detto Bronk.

Macron parla in una conferenza stampa con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg a Parigi la scorsa settimana. Bertrand Guay / AP

Macron è stato anche molto critico nei confronti di Trump e Erdoğan, che, dopo gli Stati Uniti, maneggia il secondo più grande esercito della NATO.

Il presidente francese ha detto all’Economist che i paesi europei devono svegliarsi alla possibilità che gli Stati Uniti “ci voltino le spalle” e hanno criticato il “pazzo” della Turchia offensiva nel nord della Siria , che venne dopo che le truppe americane si ritirarono .

Erdoğan ha risposto alla settimana scorsa a Macron, dicendo: “Dovresti controllare se sei morto nel cervello”. Entrambi hanno rifiutato di scusarsi, aumentando la possibilità questa settimana di parole più aspre – e cattiva pubblicità per la NATO.

‘Perverso come si arriva’

Molti temono che la Turchia si stia allontanando dall’Occidente e verso Mosca. In particolare acquistò un missile russo all’avanguardia sistema di difesa piuttosto che l’alternativa americana.

Questo ha spinto gli Stati Uniti a cacciare Turchia Turchia dalla F – 35 programma di aerei da combattimento, temendo che se l’aereo si trovava sullo stesso suolo del sistema missilistico russo, i suoi movimenti potevano essere appresi e riportati a Mosca. Tuttavia, la Turchia occupa una posizione unica nella NATO in termini di forza e geografia, essendo delimitata da Siria, Iraq e Iran.

“Il problema con la Turchia è che è troppo vicino alla Russia e francamente troppo autoritario e scomodo da mantenere, ma anche troppo strategicamente importante da perdere “, ha detto Bronk.

Tutto ciò alla fine rafforza la mano della Russia, che non ha mostrato contrizione per 2016 interferenze elettorali negli Stati Uniti e altrove, appoggiati ribelli nell’Ucraina orientale e ha tentato di assassinare una spia sul suolo britannico, per citare solo alcune delle accuse mosse contro di essa.

“È abbastanza ridicolo quando si ha la NATO, dove si comprende esplicitamente che il problema principale è il Cremlino, e si ha Macron, che per molti aspetti è il leader dell’Europa, che dà le stesse linee del Cremlino”, ha detto James Nixey , capo del programma Russia ed Eurasia al cap atham House.

“È il più perverso possibile”, ha detto. “Tutto ciò che si può fare per far strofinare le mani al Cremlino deve essere una mossa sbagliata.”

Come riportato da NBC News