domenica 28 novembre 2021

Salone dei Pagamenti 2021: il futuro di Nexi presentato da Marco Ferrero

Il Salone dei Pagamenti, organizzato il  3-4-5 NOVEMBRE 2021, è un Laboratorio di innovazione promosso dall’ABI e considerato l’evento di riferimento del settore, un palcoscenico autorevole e riconosciuto per le voci e le esperienze dei principali stakeholder dell’industry dei pagamenti e della tecnologia, che vede la partecipazione di esperti nazionali e internazionali, istituzioni, università e imprese. Ha partecipato oggi Marco Ferrero, in rappresentanza di Nexi, azienda leader del settore dei pagamenti online che destina circa 300 milioni di euro in innovazione

“Sta succedendo una trasformazione importante e siamo orgogliosi di portare in Europa un progetto importante di consolidamento di realtà italiana come Sia, azienda capace di affacciarsi in Europa, portando tecnologia e competenze. Oggi c’è la consapevolezza diffusa che pagare in digitale è più sicuro, anche in un momento come quello della pandemia in termini di prevenzione, ed è anche più semplice, veloce, ed efficiente per tutti. Crea efficienza e trasparenza, è trend che oramai è partito. Oggi il 60% dei pagamenti in Italia sono in contanti, ma 3 anni fa erano al 65%”.

Un riferimento è stato fatto durante la prima giornata dell’evento anche sul ruolo del cashback, iniziativa che ha aiutato molto, non tanto in volumi quanto nello sbloccare e creare un’abitudine di acquisto in chi era più reticente, soprattutto in transazioni di piccolo importo.

“Siamo in un percorso di accelerazione e trasformazione digitale in Italia anche, e soprattutto, grazie alle banche e a tutti gli attori che hanno affrontato la pandemia con grandissimo coraggio e resilienza e con focalizzazione. L’augurio è che l’accelerazione continuerà di pari passo con la crescita economica. Il numero dei Pos sul mercato non è aumentato da solo, ma perché è stato promosso dalle banche ai propri clienti. La maggiore diffusione delle carte è grazie a una maggiore iniziativa di promozione ed educazione. Una volta portata la carta su smartphone l’utilizzo diventa un gesto quotidiano. 

Secondo l’esperto sono infatti tre elementi per accelerare il trend in corso: l’innovazione di prodotto, fondamentale per le banche, una chiara strategia di segmentazione perché non tutti i clienti sono uguali e investimenti in iniziative commerciali, in promozione e comunicazione.