domenica 28 febbraio 2021

‘Superpotenza maratona’: gli Stati Uniti possono guidare la Cina nella tecnologia in questo momento – ma Pechino ha la forza di recuperare

Le bandiere nazionali degli Stati Uniti e della Cina sventolano all’esterno di un edificio.

Teh Eng Koon | AFP via Getty Images

Gli Stati Uniti potrebbero essere leader in alcune aree della sua corsa tecnologica con la Cina – ma gli esperti mettono in guardia contro la più grande economia del mondo appoggiata sugli allori, esortando invece a cooperare con gli alleati e i cambiamenti nella politica interna. Oltre agli sviluppi della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, entrambe le parti sono state coinvolte in una crescente concorrenza per dominare vari campi della tecnologia di prossima generazione, come le reti 5G e l’intelligenza artificiale (AI).

5G si riferisce alla più recente tecnologia di rete mobile che promette velocità di download superveloci e la capacità di sostenere l’infrastruttura critica. Questo è uno dei motivi per cui è vista come tecnologia cruciale per entrambi i paesi.

Negli ultimi anni, Pechino ha presentato una serie di piani che spera trasformeranno la Cina in un leader mondiale in varie aree tecnologiche:

  • Il paese si sta attualmente preparando per rilasciare un 15 – modello dell’anno – noto come “China Standards 2035” – che illustrerà i suoi piani per stabilire gli standard globali per le tecnologie future.
  • In 2017, la Cina ha annunciato le ambizioni di diventare un leader globale nel campo dell’intelligenza artificiale di 2030.
  • Cinque anni fa, a 2015, Pechino ha presentato un “Made in China
  • “piano per dominare la produzione globale di alta tecnologia.

La concorrenza USA-Cina riguarda essenzialmente chi controllerà l’infrastruttura e gli standard della tecnologia dell’informazione globale.

Frank Rose

collega senior per sicurezza e strategia presso il Brookings Institution

The China Standards 2035 il modello è essenzialmente le specifiche tecniche e le regole che definiscono quante delle tecnologie in uso quotidianamente, come le reti mobili, operano. Essere in grado di influenzare ciò che sembrano potrebbero avere implicazioni ad ampio raggio per il potere che Pechino esercita in varie aree della tecnologia a livello globale.

“La concorrenza USA-Cina riguarda essenzialmente chi controllerà l’infrastruttura e gli standard della tecnologia dell’informazione globale”, ha dichiarato Frank Rose, senior fellow per la sicurezza e la strategia nel programma di politica estera presso The Brookings Institution, a un webinar all’inizio di questo mese.

Stati Uniti leader nell’intelligenza artificiale competitività

Un recente rapporto di Citi che ha studiato la competitività dell’IA di 48 le economie hanno scoperto che gli Stati Uniti continuano a guidare in modo significativo. Le altre economie 47 incluse nell’indice dovrebbero affrontare “gravi difficoltà nel raggiungere il settore dell’intelligenza artificiale degli Stati Uniti in 2020 – 30, “diceva il rapporto.

Ciò è stato attribuito alla forza degli Stati Uniti, in particolare nei brevetti di intelligenza artificiale, negli investimenti e nella ricerca accademica. Citi ha dichiarato che la classifica non è stata una sorpresa, dato che le principali società di software hanno sede negli Stati Uniti

La classifica è stata calcolata da che pesa cinque fattori, vale a dire: ricerca accademica, brevetti, investimenti, manodopera e hardware nel campo dell’intelligenza artificiale.

Tuttavia, il rapporto ha anche scoperto che solo la Cina, al secondo posto rispetto al Gli Stati Uniti nell’indice, sarebbero probabilmente “coltivare un forte ecosistema indipendente per l’industria dell’intelligenza artificiale a causa di motivi sia economici sia geopolitici”.

Nessun riposo sugli allori

La Cina dovrebbe ancora recuperare il ritardo in due aree, vale a dire i motori a reazione e semiconduttore, secondo Michael Brown, direttore dell’unità per l’innovazione della difesa presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

“Quindi (la Cina) non è ancora del tutto lì, ma penso che noi non possiamo riposare sugli allori “, ha detto al webinar della Brookings Institution. “Penso che possano competere molto, ed è questo che mi preoccupa molto, se non ci svegliamo e vediamo cosa dobbiamo fare per competere.”

Anche se molti paesi hanno investito gli sforzi per rafforzare il proprio settore domestico nel settore delle biotecnologie, la Cina è “l’unica la cui scala potrebbe potenzialmente … rappresentare una minaccia per la preminenza americana” nel settore delle biotecnologie, ha affermato Scott Moore, direttore del Penn Global China Program presso il Università della Pennsylvania, durante lo stesso webinar.

L’obiettivo politico della Cina è che le biotecnologie rappresentino circa il 4% del PIL cinese di 2020 e, a confronto, la biotecnologia rappresenta circa il 2% del PIL degli Stati Uniti, ha affermato Moore.

‘Superpower marathon’

Gli esperti hanno sottolineato che gli Stati Uniti potrebbero attingere alleanze con altre nazioni e riorientare la politica interna per aumentare la competitività.

“Gli Stati Uniti ei suoi alleati comprendono quasi i due terzi della R&S globale e ci sono modi straordinari in cui possiamo provare a sfruttare quel pool di ricerca e sviluppo e coordinare le priorità condivise “, ha affermato Andrew Imbrie, membro senior del Center for Security and Emerging Technology presso la Georgetown University durante il webinar .

Investire nella ricerca intrapresa dal governo e dal mondo accademico è una “strategia comprovata” dell’era della guerra fredda che può essere usato di nuovo in questa situazione attuale, ha detto Brown. Tuttavia, “la strategia più importante e più difficile” implicherebbe la “necessità di riformare il nostro pensiero imprenditoriale e i nostri mercati dei capitali, per allontanarci dal pensiero a breve termine, per essere più orientati a lungo termine”, ha affermato.

Ha indicato il pensiero a breve termine che è radicato nella comunità degli affari negli Stati Uniti – un risultato, ha affermato, di misure che includono un focus sugli utili trimestrali, l’aumento del prezzo delle azioni a breve termine e periodi più brevi per le azioni detenute.

Al contrario, la Cina ha una visione molto a lungo termine e vede la tecnologia e l’innovazione come chiave per lo sviluppo delle capacità nazionali come parte della sua strategia nazionale complessiva, ha affermato.

Il pensiero a breve termine non è l’approccio giusto se gli Stati Uniti si stanno preparando per una “maratona di superpotenze” con la Cina, ha affermato Brown. “Dobbiamo riformarlo o non riusciremo a competere con la Cina.”

Articolo originale di CNBC