lunedì 17 maggio 2021

UNDRIP afferma che First Nations può dire di no allo sviluppo. Ma dobbiamo anche poter dire di sì

Di Dale Swampy

Il mese scorso è stata raggiunta una nuova pietra miliare nel viaggio verso la riconciliazione del Canada con l’introduzione di Bill 41 nel BC legislatura. Il disegno di legge richiede al governo di B.C. di allineare le sue leggi con le disposizioni della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni indigene (UNDRIP). Questa legislazione fornirà un altro strumento per First Nations per garantire che siano adeguatamente consultati e impegnati in progetti di sviluppo delle risorse e condividano i loro benefici.

Credo che l’intenzione di questa legislazione sia nobile e sostengo , in particolare, il sentimento espresso in una dichiarazione congiunta del Ministro delle relazioni indigene e della riconciliazione di BC, BC Leader delle Nazioni Unite e MLA: “È tempo che riconosciamo e tuteliamo i diritti umani delle popolazioni indigene, in modo che possiamo finalmente allontanarci da conflitti, casi giudiziari e incertezza risolti e andare avanti con collaborazione e rispetto … creeremo di più certezza e opportunità per i popoli indigeni, aC imprese, comunità e famiglie ovunque. ”

Tuttavia, mi rivolgo a questa nuova legislazione con cautela. L’obiettivo generale di tutte le politiche pubbliche dovrebbe essere quello di sconfiggere la povertà di riserva. Lo sviluppo delle risorse offre il percorso più pratico e realizzabile per creare sviluppo economico e opportunità commerciali e occupazionali per coloro che vivono in riserva, specialmente per le comunità situate nelle regioni rurali e remote del Canada.

Abbiamo visto in passato 15 anni, dopo che il dovere di consultazione è stato affermato dalla Corte suprema del Canada, in che modo le ONG ambientaliste e radicali hanno usato il trattato delle Nazioni Unite e i diritti costituzionali come strategia per bloccare lo sviluppo delle risorse. Vengono nelle nostre comunità con disinformazione, tattiche di pressione e promesse di supporto legale. Ma troppo spesso il loro interesse è, non nell’assistere le First Nations a ottenere accordi migliori, ma nell’appropriarsi delle nostre voci e credibilità per il loro fine egoistico di bloccare tutto lo sviluppo. Dopo che le urla si sono esaurite, le nostre comunità spesso non hanno più nulla.

Le prime nazioni sono unite nel voler un migliore coinvolgimento e coinvolgimento in progetti che influenzano il nostro popolo e il nostro territorio. Ma nessuno sa come interpreteranno Bill i tribunali 41. Molti esperti legali hanno concluso che la legislazione non è chiara, vaga e aperta alle interpretazioni del tribunale.

L’articolo più controverso in UNDRIP riguarda se il diritto al “consenso libero, preventivo e informato” significa che le Prime Nazioni hanno il veto sullo sviluppo delle risorse nei loro territori tradizionali. Ovunque i tribunali finiscano su tale questione, Bill 41 creerà un’altra strada per le sfide legali ai progetti di sviluppo. La mia paura è che coloro che si oppongono allo sviluppo delle risorse in qualsiasi circostanza armino UNDRIP contro le Prime Nazioni e altre comunità rurali che favoriscono tale sviluppo.

UNDRIP menziona i diritti e lo sviluppo economico

volte. Tuttavia, la discussione su UNDRIP si è concentrata strettamente sulla capacità delle popolazioni indigene di dire “no” allo sviluppo economico. Garantire un’equa partecipazione all’economia moderna e trarne beneficio – essere in grado di dire “sì” allo sviluppo – è altrettanto importante per il benessere delle popolazioni indigene.

Per molti Primo Nazioni, questo significa essere liberi da regolamenti e processi gravosi o arbitrari. L’incertezza giuridica e procedurale relativa allo sviluppo rende estremamente difficili gli sforzi per attrarre investimenti e imprese nei territori indigeni. Ciò si traduce in un minor numero di posti di lavoro, opportunità e entrate per le comunità indigene.

Avvertiamo i governi provinciali e federali e i tribunali a non trasformare l’affermazione dei diritti degli indigeni come descritta da UNDRIP in una scusa per scoraggiare gli investimenti in progetti di risorse sui territori indigeni rendendo il processo troppo rischioso o poco chiaro per i potenziali partecipanti a questi progetti, che sono sempre più società e imprese di proprietà delle First Nations.

Dale Swampy è presidente della National Coalition of Chiefs e membro della Samson Cree Nation.

Come riportato da Financial Post