sabato 16 gennaio 2021

Attenzione ai risparmi sul conto corrente. Il potere di acquisto è in picchiata

Gli italiani sono grandi risparmiatori, ma custodiscono il denaro in conti correnti senza interessi.

Secondo un sondaggio di aprile di quest’anno, la quantità di denaro depositato su conti correnti ha raggiunto quasi 800 miliardi di euro, che rispetto a cinque anni fa è esattamente il 37,5% in più.

Tuttavia, è un denaro che sta per scomparire, almeno in termini di potere d’acquisto, poiché spesso si parla di conti correnti senza interessi.

Questo fenomeno ha raggiunto l’apice in Italia, secondo i dati raccolti da Deposit Solutions, la società che gestisce la piattaforma di Open Banking per i depositi a risparmio.

C’è una grande economia personale in Italia

L’abitudine di lasciare il denaro in giacenza su conti correnti infruttiferi non è esclusiva dei cittadini di italiani. La Spagna, ad esempio, ha l’86% del denaro risparmiato in conti correnti. Molto più simili a noi sono la Germania con il 66% e l’Inghilterra con 68%. Come accennato in precedenza, il fenomeno è in costante aumento. A livello europeo, il nostro risparmio in conti correnti è cresciuto dal 39% del 2015 al 50% del 2020. Così, in circa 5 anni, siamo passati da 2.547 milioni a 3.984 milioni rimanenti in conti correnti. Non ci sono state, invece, variazioni significative in relazione al denaro trasferito su conti di risparmio, conti correnti e conti correnti: il totale è ancora intorno ai 4 miliardi di milioni.

Così commenta Deposit Solutions.

“La maggior parte del denaro degli italiani rimane in conti infruttiferi anziché essere utilizzato come depositi vincolati, e questo implica una perdita di redditività per i depositanti anno dopo anno, anche durante periodi di bassi tassi di interesse. A causa dell’ l’inflazione, negli ultimi 5 anni gli italiani hanno perso un potere d’acquisto pari a 22 miliardi. Questa cifra cresce in modo esponenziale, se si tiene conto dell’intera Unione Europea. Un buon prodotto per le banche, che quindi hanno una risorsa importante. Tuttavia, la liquidità a tempo limitato darebbe alle banche il vantaggio di una migliore corrispondenza tra attività e responsabilità, in quanto questo denaro potrebbe essere utilizzato per coprire attività a medio e lungo termine, come un prestito aziendale. o consumo “.