mercoledì 20 gennaio 2021

Bank of Canada detiene il tasso di interesse chiave all’1,75%

La Bank of Canada finirà 2019 come una delle uniche banche centrali che sta navigando nelle guerre commerciali senza tagliare i tassi di interesse.

Il governatore Stephen Poloz e la sua cerchia di deputati interni hanno lasciato invariato il tasso di riferimento a 1. 75 per cento il 4 dicembre, segnando la nona riunione politica consecutiva in cui i leader della banca centrale hanno deciso di mantenere la rotta.

È straordinario, dato che i mesi passati 12 hanno portato decine di interessi- tagli dei tassi da parte di altre banche centrali in risposta alla più lenta crescita economica globale dopo la crisi finanziaria.

Non vi è inoltre alcun suggerimento nella nuova dichiarazione secondo cui la Banca del Canada vede che tale cambiamento cambierà presto. I politici sembrano cautamente ottimisti sul fatto che il Canada sia sopravvissuto alla tempesta, rilevando che gli investimenti delle imprese “hanno mostrato inaspettatamente una forte crescita” nel terzo trimestre e che i timori di recessione sembrano scemare.

“La proiezione di ottobre della banca per la crescita economica globale sembra essere intatta “, afferma la dichiarazione. “Ci sono prove nascenti che l’economia globale si sta stabilizzando, con una crescita che dovrebbe ancora salire nei prossimi due anni.”

Certo, quel barlume di speranza potrebbe rivelarsi effimero.

Le guerre commerciali si sono calmate quando il Consiglio direttivo ha concluso l’ultima serie di deliberazioni all’inizio di questa settimana. Ma in passato 48, l’amministrazione di Donald Trump ha minacciato Francia, Brasile e Argentina con nuove tariffe, e il presidente degli Stati Uniti ha affermato che un accordo di pace anticipato con la Cina potrebbe non dopo tutto succede. I mercati azionari sono crollati sulla più recente ondata di incertezza.

“I conflitti commerciali in corso e le relative incertezze continuano a pesare sull’attività economica globale e rimangono la principale fonte di rischio per le prospettive”, la Banca di Canada ha detto.

Ma per ora, la banca centrale canadese appare piacevolmente sorpresa dalla resilienza dell’economia.

Il prodotto interno lordo nel terzo trimestre è aumentato ad un tasso annuale di 1,3 per cento, un risultato poco interessante, ma esattamente il risultato previsto dalla banca. I responsabili politici hanno osservato che la spesa per i consumatori e gli alloggi sono rimasti fonti di “forza”.

Non hanno chiaramente previsto di aggiungere investimenti commerciali a tale elenco. Quel motore di crescita è tornato alla vita nel terzo trimestre, registrando una crescita a un tasso annuo del 9,5 per cento, invertendo un calo del 7 per cento nel secondo trimestre, guidato dalla spesa per attrezzature di trasporto e progetti di ingegneria.

I funzionari hanno indicato di non essere abbastanza pronti a credere che gli investimenti siano solidi come indicano i nuovi numeri.

“La banca valuterà fino a che punto questo indica un nuovo slancio negli investimenti, “, Ha affermato la dichiarazione.

Tuttavia, l’evidenza di un rimbalzo degli investimenti è motivo per lasciare invariati i tassi di interesse, almeno fino a quando la banca centrale non aggiorna le sue previsioni a gennaio.

I responsabili politici hanno affermato di continuare a “monitorare l’evoluzione delle vulnerabilità finanziarie legate al settore delle famiglie”, ed è così che la Banca del Canada esprime preoccupazione per i livelli elevati di debito delle famiglie. La crescita del credito è balzata al suo massimo in un paio d’anni, ricordando che i canadesi prenderanno in prestito tanto quanto le loro banche daranno loro.

La ripresa è guidata da tassi ipotecari più bassi, che sono diminuiti La Federal Reserve americana ha tagliato i costi del prestito questa estate. La Banca del Canada resisterà all’aggiunta di ulteriori incentivi il più a lungo possibile.

• Email: kcarmichael@nationalpost.com | Twitter: carmichaelkevin

Come riportato da Financial Post