martedì 27 ottobre 2020

Bonus baby sitter: le regole, i tempi e i modi

In conformità con i recenti decreti, il governo ha modificato criteri, importi, richieste e metodi di pagamento per le famiglie e per i cosiddetti servizi di assistenza all’infanzia. Mentre le famiglie con bambini di età inferiore ai dodici anni possono pagare una baby sitter solo dopo il loro rilascio a marzo, le nuove regole offrono anche benefici a coloro che utilizzano i servizi di centri estivi, centri familiari o asili nido. L’importo del bonus è raddoppiato, da 600 a 1.200 euro, ma chi lo ha già utilizzato a marzo sarà in grado di raggiungere un importo totale di 1.200 euro. La domanda deve essere presentata elettronicamente all’INPS. Il pagamento direttamente nel conto corrente.

Secondo le circolari emesse dall’INPS, in conformità con i decreti, un buono di assistenza all’infanzia può essere richiesto in alternativa a un’altra misura introdotta a favore dei genitori per aiutare i propri figli, ovvero il congedo parentale Covid, che ha prorogato l’ordine di rinnovo per altri 15 giorni (30 in totale tra i due genitori) fino al 31 luglio. In entrambi i casi, i premi per il congedo di maternità (pagati al 50%) si applicano ai dipendenti, ai membri registrati esclusivamente nell’amministrazione separata dell’INPS, ai dipendenti indipendenti iscritti in fondi professionali.

Gli importi erogati

Anche l’espansione con un decreto sul rinnovo dell’obbligazione è raddoppiata da 600 a 1.200 euro (1.000 e 2.000 per le categorie speciali). Coloro che non hanno richiesto il primo bonus possono qualificarsi per il secondo. La stessa opportunità è offerta a coloro che hanno già richiesto e ricevuto il primo bonus. Tuttavia, in un caso o nell’altro, il limite massimo è fissato a 1.200 euro. Pertanto, coloro che hanno già raccolto 600 euro possono avere un massimo di 600. Il buono può essere utilizzato per uno o più bambini di età inferiore ai 12 anni.

L’INPS concede la possibilità del buono di assistenza all’infanzia ai genitori che hanno figli di età inferiore ai 12 anni. Il limite di età scade per i bambini con disabilità. Per poter beneficiare di un bonus, uno dei due genitori (anche adottivo e / o adottivo) non deve essere un beneficiario di un’indennità Naspi o di altri strumenti di sostegno al reddito e non deve essere disoccupato o disoccupato alla data della domanda . Il bonus non è compatibile con quello specifico per asilo nido.