venerdì 27 novembre 2020

Capitol Report: retorica del “virus cinese” di Trump e cosa significa per il commercio USA-Cina, elezioni presidenziali

         

La decisione del presidente Trump di usare il termine “virus cinese” per la pandemia di coronavirus avrà un effetto profondamente dannoso sulle relazioni USA-Cina, temono gli esperti.

      

“Il fatto che Trump lo stia definendo il” virus cinese “è rilevante per il mercato”, ha dichiarato a Brian Market Brian McCarthy, macro stratega focalizzato sulla Cina presso la società di ricerca indipendente Macrolens.

      

“Quando il fumo scompare, il mercato dovrà fare i conti con una spaccatura molto seria nelle relazioni USA-Cina.”

      

La comunità scientifica ha designato ufficialmente il virus COVID – 19, mentre altri lo hanno chiamato, semplicemente, il coronavirus.

             

Trump, tuttavia, ha preso a chiamarlo “virus cinese” o “virus cinese” durante le riunioni stampa giornaliere, insieme ad altri politici repubblicani e membri dei media conservatori.

      

Il fotografo del Washington Post Jabin Botsford ha pubblicato una foto su Twitter che mostra che il presidente ha barrato la parola “corona” e l’ha sostituita con “cinese”, indicando potenzialmente uno sforzo concertato per continuare questo dibattito, che può distrarre dalle critiche che la sua amministrazione non ha agito abbastanza rapidamente per preparare la nazione a COVID – 19.

              

La decisione del presidente di usare il termine virus cinese è l’ultima di una serie di misure adottate sia dalla Cina che dagli Stati Uniti che riflettono rapporti in rapido peggioramento, pochi mesi dopo la firma di un accordo commerciale che i mercati finanziari speravano fosse la prova di rinnovata comprensione tra le due maggiori economie del mondo.

      

Martedì il presidente ha dichiarato di aver iniziato a usare il termine in risposta agli sforzi del governo cinese di incolpare gli Stati Uniti per l’epidemia.

      

“La Cina ha cercato di dire ad un certo punto – forse si sono fermati – che è stata causata dai soldati americani”, ha detto Trump. “Non può succedere. Non succederà, purché io sia presidente. Viene dalla Cina. ”

      

In effetti, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha suggerito in un tweet di marzo 12 che il NOI i militari hanno portato il virus in Cina .

       

Entrambi i paesi si sono spostati per espellere i giornalisti, con gli Stati Uniti che hanno ridotto il numero dei giornalisti dei media statali cinesi nel Paese ha permesso di 100 il 2 marzo e la Cina ha seguito l’esempio il marzo 17 per espellere i giornalisti che lavorano per il New York Times , The Wall Street Journal e Washington Post.

      

Nel frattempo, l’epidemia stessa ha sottolineato la minaccia rappresentata dagli Stati Uniti affidandosi alla Cina e ad altri partner commerciali per la produzione di forniture mediche e prodotti farmaceutici di vitale importanza. Un articolo pubblicato all’inizio di questo mese dall’agenzia di stampa statale cinese Xinhua ha minacciato che la Cina ha il potere di vendicarsi contro le restrizioni ai viaggi negli Stati Uniti limitando le esportazioni di maschere mediche e prodotti farmaceutici vitali in un momento in cui gli Stati Uniti stanno già affrontando una grave carenza di forniture necessarie per aiutare a combattere l’epidemia.

      

Alan Tonelson, fondatore del blog RealityCheck e osservatore attento dell’industria manifatturiera americana, ha dichiarato che l’amministrazione Trump ha fatto un passo fondamentale nel ricostruire l’autosufficienza americana nella produzione di dispositivi medici, quando ha annunciato l’intenzione di invocano il Defence Production Act, che conferirebbe alla Casa Bianca ampi poteri per costringere l’industria americana a fabbricare forniture mediche.

      

“Non solo dovrebbero essere messe in atto le disposizioni in questo momento per colmare le lacune attuali della catena di approvvigionamento, ma anche per garantire che nelle future pandemie, l’America abbia le forniture di cui ha bisogno”, ha detto.

      

I rapporti suggeriscono, tuttavia, che il Presidente è stato lento nell’utilizzare i poteri che gli sono stati concessi invocando l’atto, e la Casa Bianca deve ancora indicare quali direttive specifiche ha dato all’industria privata per accelerare la produzione di attrezzature mediche.

      

Anche la retorica del presidente sembra mirare alla sua base politica, in quanto fa eco al tono dei suoi discorsi discorsi alle manifestazioni del partito repubblicano.

      

I critici del presidente sostengono che riferirsi a COVID – 19 come il “virus cinese” è razzista e incita alle molestie e alla violenza contro gli americani asiatici. Il pastore di Seattle Eugene Cho ha preso Twitter per esprimere queste opinioni lunedì.

                      

Ma il presidente ha respinto questa critica, sostenendo che è sempre stata una convenzione nominare le malattie in base al loro luogo di origine.

      

“Politicamente, concentrarsi sul fatto che la Cina sia l’origine del virus ha senso perché uno dei primi passi che Trump ha fatto per rallentare la diffusione del virus è stato quello di limitare i viaggi da lì”, ha scritto Steve Pavlick, analista politico di Washington al Rinascimento Macro Research, in una nota del venerdì ai clienti.

      

“In termini di esca per i media”, ha aggiunto, “Trump preferirebbe parlare se i suoi commenti sono” razzisti “piuttosto che la mancanza di kit di test.”

              

Articolo originale di Marketwatch.com