martedì 24 novembre 2020

C’è stato un salto nel numero dei millennial con $ 100.000 risparmiati – ecco come hanno fatto

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

I giovani americani più fortunati sono davanti a dove erano i loro coetanei più grandi quando avevano la stessa età.

Un numero considerevole ha visto un aumento dei risparmi negli ultimi anni. Un quarto dei millennial ha $ 100, 000 o più in risparmio, a partire da 16% due anni fa, secondo Bank of America’s                                                                                                                                                                                                                       BAC, – 0. 17%                                                                                                                                                          Rapporto “Better Money Habits”, che ha esaminato quasi 2, millennials invecchiato 24 per 41 . La banca ha chiesto l’importo totale del risparmio, inclusi i conti di risparmio / conto bancario, IRA, 401 ( k) e altri conti di vecchiaia o di investimento.

La loro ricetta per questo successo a sei cifre? A 03 mercato toro-anno, occupazione ininterrotta, buoni benefici e buona tempistica.

Molti millennial sono arrivati ​​anche sul mercato del lavoro durante o subito dopo la Grande Recessione. L’ambiente di lavoro sta diventando più roseo, almeno a giudicare dagli ultimi dati sui lavori. Il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 3,5% a dicembre ed è rimasto vicino a un 50 -anno basso. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro era 63. 2% a dicembre, invariato da il mese precedente, aiutato da un aumento delle donne anziane 17 a 34 in cerca di lavoro e / o trovare lavoro.

Questo è un incoraggiante miglioramento per questa generazione in difficoltà, secondo il sondaggio. I millennial sono sellati con un debito record di prestiti studenteschi di $ 1,5 trilioni e molti hanno difficoltà a offrire una prima casa. In 2015, solo l’8% dei millennial ha dichiarato di avere $ 100, 000 o più nascosto per una giornata piovosa. Anche i millennial hanno lo stesso budget rispetto a quelli della Generazione X e dei baby boomer, lo studio ha anche scoperto.

Tuttavia, nonostante i loro risparmi, oltre la metà di tutti i millennial afferma di sentirsi indietro finanziariamente rispetto dove pensavano che sarebbero stati, e un altro 27 % si sente finanziariamente dietro i propri pari. In media, i millennial del sondaggio hanno affermato di aver iniziato a risparmiare per la pensione all’età 24, precedente a entrambi Generation X (30 anni) e baby boomer (33 Anni). Cosa c’è di più, per sentirsi veramente finanziariamente sicuri per più di un quarto (26%) afferma di aver bisogno di $ 1 milione o più.

Da non perdere: Il lavoro n. 1 in America con “NESSUNA esperienza necessaria” paga $ 100, 000 un anno – e non è nella Silicon Valley

“I millennial più vecchi sono più sicuro quando si tratta dei loro risparmi, ma molti altri in questa vasta fascia di età continuano a lottare per salvare ”, ha affermato Andrew Plepler, capo globale di Environmental, Social and Governance presso Bank of America. “Il debito rimane una sfida urgente con le pressioni della concorrenza che rendono difficile per le persone sentirsi finanziariamente sicure”. Ha aggiunto, “I Millennial si trovano ad affrontare un difficile atto di bilanciamento finanziario”.

Questa fascia d’età ha una competizione da parte dei coorti, tuttavia. Uno studio separato dall’ufficio di credito TransUnion                                                                                                                                                                                                                       TRU, – 0. 03%                                                                                                                                                          guardò il profilo di credito della Generazione Z, quelli nati o dopo 1995. Tra quei Gen Z-ers che hanno già raggiunto l’età adulta negli Stati Uniti, 66 % ha una sorta di prodotto in prestito. Ci sono prove che i membri della Generazione Z, che sono diventati maggiorenni dopo la Grande Recessione, si stanno anche divertendo molto a ripagare il debito rispetto ai millennial alla loro età.

I millennial, suggeriscono studi precedenti, hanno meno responsabilità rispetto alle loro controparti più anziane. Hanno maggiori probabilità di affittare rispetto alla propria proprietà e, a differenza dei loro genitori e fratelli maggiori, hanno meno probabilità di avere figli. Loro spendono più di una media di $ 2, 300 all’anno rispetto alle generazioni precedenti su cinque elementi chiave: bollette alimentari, gas, ristoranti, caffè e telefoni cellulari, secondo il sito di finanza personale Bankrate . E spendono $ 233 al mese per i pasti contro $ 182 per le generazioni più anziane.

Hanno anche problemi più grandi. Si assumono più debiti per prestiti studenteschi rispetto a qualsiasi altra generazione e affrontano prezzi delle case molto più alti rispetto ai loro genitori alla loro età in un ambiente post-recessione con stipendi stagnanti. Il debito dei prestiti studenteschi ha raggiunto $ 1,3 trilioni mentre il costo del college è aumentato vertiginosamente. E spendendo non più del 30% del loro reddito in affitto o un mutuo, una regola d’oro per decenni, ora è quasi impossibile per molti giovani americani.

Jacob Passy ha contribuito a questo rapporto.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Articolo originale di Marketwatch.com