giovedì 05 agosto 2021

Come gli ospedali sperano di tenere “preoccupati” le inondazioni dei pronto soccorso durante l’epidemia di coronavirus

Visione d’insieme di un ospedale dove agenti sanitari, indossando maschere e tute protettive speciali, si prendono cura di un paziente infetto dal coronavirus (COVID – 19) in un ospedale di Teheran, in Iran, a marzo 02, 2020.

Fatemah Bahrami | Agenzia Anadolu | Getty Images

Sutter Health, una California del Nord catena ospedaliera, ha inviato per e-mail i suoi pazienti nel fine settimana del 7 marzo per incoraggiarli a utilizzare un nuovo strumento online se presentano sintomi simili al coronavirus.

L’app funziona guidando i pazienti attraverso una serie di domande per scoprire come si sentono, per quanto tempo hanno manifestato i sintomi, la loro età e background medico e se ho viaggiato di recente. Chi è interessato può scegliere di parlare con un medico tramite chat video.

Temendo che il virus si sarebbe diffuso in tutta la Bay Area nelle prossime settimane, Albert Chan, capo dell’esperienza dei pazienti digitali di Sutter Health, ha dichiarato di aver riunito un incontro con esperti di malattie infettive, alcuni clinici e un piccolo team di sviluppatori web. L’ospedale aveva già una capacità per le visite video, ma sapeva che doveva essere rapidamente ingrandito. “Abbiamo lavorato fino a tarda notte … in molte sere e durante il fine settimana”, ha detto Chan.

È andato in diretta il 7 marzo e il servizio video ha subito iniziato a essere prenotato rapidamente, con la maggior parte degli slot presi a mezzogiorno.

Lo strumento è solo un esempio di come gli ospedali degli Stati Uniti si stanno arrampicando per prepararsi a una possibile inondazione di COVID – 19 pazienti. I dirigenti del sistema sanitario si aspettano che molto presto gestiranno molti più pazienti del normale volume e che dovranno prendere misure estreme se esauriranno le scorte, secondo una mezza dozzina che ha parlato con la CNBC. A partire da venerdì, ci sono più di 1, 200 casi confermati di coronavirus negli Stati Uniti e più di 137, 000 in tutto il mondo, secondo i dati compilati dalla Johns Hopkins University.

Mantenere le persone a casa se non sono troppo malate

“Temo che siamo solo all’inizio”, ha dichiarato il Dr. Rod Hochman, CEO di Providence St. Joseph Health.

Hochman gestisce ospedali a Seattle, una delle regioni più colpite e afferma che il suo staff dell’ospedale si sintonizza sulle riunioni ogni mattina alle 7: 30 per discutere le ultime informazioni sul coronavirus. La Provvidenza ha implementato gli strumenti di chatbot, in collaborazione con Microsoft , per mantenere i pazienti fuori dall’ospedale che non hanno bisogno di essere lì così i suoi medici possono concentrarsi sui casi più critici. La Provvidenza sta già vedendo un “aumento di cinque volte” dei servizi di visita virtuale in generale, secondo Hochman.

“Ci aspettiamo che i volumi aumentino, con migliaia di pazienti che usano i canali virtuali, per non parlare delle altre migliaia nei nostri pronto soccorso e nelle cliniche”, ha detto.

Molti dirigenti dell’ospedale si stanno rivolgendo alla telemedicina e ad altre offerte di assistenza virtuale per arginare il flusso di pazienti. Tale strategia è in linea con le indicazioni delle associazioni ospedaliere e delle organizzazioni di sanità pubblica come i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Il loro consiglio è di valutare le persone che sono preoccupate per i loro sintomi da remoto, quindi tenere i pazienti con sintomi lievi a casa ma monitorarli da vicino tramite check-in.

La provvidenza è una delle prime sistemi sanitari per il trattamento di pazienti che sono stati messi in quarantena a casa nello stato di Washington, che è l’epicentro dei casi diagnosticati finora negli Stati Uniti. Per Providence, il protocollo prevede l’invio di un termometro e di un pulsossimetro a pazienti con sintomi lievi e di fare chiamare i medici durante il giorno e vedere se le loro condizioni stanno cambiando.

Per gli ospedali, è un momento critico per verificare se le tecnologie di telemedicina possono essere invocate nei momenti di crisi. La tecnologia esiste da decenni. Ma non ha ancora colpito il mainstream a causa di una varietà di ostacoli, che vanno dalla mancanza di pagamento ai complessi requisiti di licenza statale. Allo stato attuale, i medici devono essere autorizzati in quello stato per curare un paziente. Possono essere necessari mesi e migliaia di dollari per ottenere quelle licenze.

“Vorrei che fosse più facile per gli ospedali utilizzare la telemedicina in modo veramente scalabile”, ha affermato Aaron Miri, responsabile delle informazioni di UT Health ad Austin.

Il principale responsabile delle informazioni mediche di Penn Medicine, il Dr. C. William Hanson, ha affermato che il volume virtuale è già raddoppiato nel suo ospedale, sia che si tratti degli strumenti di screening sia delle visite video. Un’area di interesse per lui è assicurarsi che i pazienti più anziani capiscano come utilizzare le offerte virtuali, poiché gli anziani fanno parte dei gruppi ad alto rischio.

“C’è molta istruzione continua adesso “, ha detto Hanson. “Abbiamo dovuto ridimensionare tutto rapidamente.”

Allo stesso modo, Chan vede un’opportunità per la telemedicina di avere il suo momento mentre più persone iniziano a usarla. “Per gli ospedali come il nostro è fondamentale bilanciare il carico”, ha affermato. “Dobbiamo capire chi deve essere testato e chi deve essere visto, poiché ci occuperemo di molte persone.”

Garantire forniture e comunicazione

Gli ospedali più piccoli si stanno arrampicando per garantire che i loro medici e infermieri abbiano scorte sufficienti.

Alla Baptist Health nel Kentucky, il responsabile delle informazioni mediche Brett Oliver ha dichiarato che il gruppo della catena di fornitura sta valutando l’acquisto di pannolini per bambini alla rinfusa perché potrebbero essere potenzialmente utilizzati come maschere di fortuna in caso di emergenza. Alcuni ospedali stanno già segnalando che sono scesi alla fornitura dell’ultimo mese di N

maschere respiratorie, con fornitura globale cancellata a causa dello scoppio in Cina.

A peggiorare le cose, uno dei magazzini della Baptist Health che immagazzina materiale chirurgico è stato recentemente colpito dal tornado che ha lacerato Nashville. “Stiamo pensando a tutto ed essendo realistici”, ha detto Oliver.

La maggior parte degli ospedali è preoccupata per il calo delle forniture di equipaggiamento protettivo per i propri medici e infermieri. “L’offerta globale è stata assorbita rapidamente dai paesi colpiti prima da noi dal virus”, ha affermato Hanson. “Ma riconosciamo di avere un potere d’acquisto migliore rispetto ad alcuni degli ospedali più piccoli.”

Anche gli strumenti di comunicazione digitale sono fondamentali. I dirigenti dell’ospedale comunicano spesso tra loro tramite i documenti di Google e le videochiamate per condividere le loro migliori pratiche, ha detto Miri.

“Vogliamo prepararci per questo, ma anche noi no vogliono causare isteria di massa “, ha detto. “Ciò su cui mi sto concentrando ora sono più soluzioni digitali, in modo che possiamo connetterci con i pazienti anche nelle parti più rurali dello stato.”

Articolo originale di CNBC