venerdì 23 ottobre 2020

Donald Trump ha appena portato la guerra commerciale a un livello completamente nuovo?

Il presidente Donald Trump sta ripristinando le tariffe sull’acciaio e sull’alluminio dall’Argentina e dal Brasile, nazioni che ha criticato per aver svalutato le loro valute a danno degli agricoltori statunitensi, e ha nuovamente invitato la Federal Reserve ad allentare la politica monetaria.

Collegando la sua agenda commerciale con le critiche della Fed in un tweet di prima mattina, ha detto che i due paesi sudamericani “hanno presieduto a una massiccia svalutazione delle loro valute. che non va bene per i nostri agricoltori. ”

… .. Anche la riserva dovrebbe agire in modo che i paesi, di cui ci sono molti, non sfruttano più il nostro dollaro forte svalutando ulteriormente le loro valute. Questo rende molto difficile per i nostri produttori e agricoltori esportare equamente i loro prodotti. Tassi più bassi e allentati – Fed!

– Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 2 dicembre, 2019

L’azione del presidente equivale a una rappresaglia contro due nazioni che sono diventate fornitori alternativi di soia e altri prodotti agricoli per la Cina, strappando quote di mercato al di fuori del peso degli Stati Uniti, l’Argentina è precipitata all’inizio di quest’anno sui risultati elettorali mettendo un candidato di sinistra alla presidenza. Il Brasile è intervenuto più volte nell’ultimo mese per sostenere il suo reale svalutante.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha detto che avrebbe parlato con il suo ministro dell’economia prima di reagire ai commenti di Trump sul reale brasiliano e l’imposizione dell’acciaio tariffe.

“Se necessario, posso anche parlare con Trump, ho un canale aperto con lui”, ha aggiunto mentre lasciava il palazzo presidenziale.

Indica una potenziale nuova fase delle sue guerre commerciali in cui i mercati dei cambi sono il campo di battaglia

In un secondo post su Twitter, Trump ha segnalato che vuole che la banca centrale americana faccia qualcosa per le valute represse.

Trump ha da tempo lamentato della forza del dollaro e ha esortato la Fed ad abbandonare decenni di precedenti e agire per indebolire il biglietto verde. La politica del dollaro del governo degli Stati Uniti è stata tradizionalmente diretta dal Dipartimento del Tesoro. Ciò ha suscitato il timore che gli Stati Uniti potessero condurre il mondo in un’era di politica monetaria armata.

Mentre una tale guerra valutaria non è ancora avvenuta, la mossa di lunedì segna la prima volta che Trump ha collegato l’imposizione delle tariffe esplicitamente ai movimenti di valuta. In quanto tale, significa una potenziale nuova fase delle sue guerre commerciali in cui i mercati dei cambi sono il campo di battaglia.

Azioni, mosse Forex

Gli Stati Uniti hanno importato circa 3,8 milioni di tonnellate di acciaio dal Brasile finora quest’anno, la maggior parte delle quali sono lastre, secondo i dati dell’US Census Bureau. L’acciaio brasiliano rappresenta circa il 3,5% dei 110 milioni di tonnellate di acciaio consumate negli Stati Uniti all’anno.

I prodotti siderurgici sono la seconda più grande esportazione del Brasile negli Stati Uniti, con il monitoraggio del solo petrolio greggio e un totale di $ 2. 25 miliardi tra gennaio e ottobre, secondo i dati del governo brasiliano.

Il real brasiliano è stato poco cambiato a 4. 24 per dollaro a 7: 30 sono a New York.

AK Steel Holding Corp. è cresciuto del 2,9 per cento nel commercio al mercato a 7: 32 Sono a New York. U.S. Steel Corp. è cresciuto dello 0,7 per cento, e anche Steel Dynamics Inc. è stato indicato in rialzo.

Nel frattempo il fondo negoziato in borsa iShares MSCI Brazil è aumentato dello 0,4 per cento. Le ricevute di deposito americane del produttore siderurgico brasiliano Gerdau sono diminuite dello 0,5 per cento

A marzo 2018, Trump ha autorizzato un 25 tariffa percentuale sulle importazioni di acciaio e una 10 dazio percentuale sull’alluminio – barriere all’importazione che hanno segnato l’inizio della spinta hawkish del commercio da parte della sua amministrazione – dopo un rapporto del governo ha scoperto che le spedizioni straniere di metalli in pericolo interessi di sicurezza nazionale.

Ha quindi diretto il rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer a negoziare con i paesi che cercano di trasformare le loro esenzioni tariffarie temporanee in esenzioni tariffarie permanenti.

Nell’agosto dello scorso anno , ha concesso alla Corea del Sud, al Brasile e all’Argentina un sollievo mirato dalle quote imposte alle spedizioni di acciaio in entrata per proteggere i produttori statunitensi. La mossa ha consentito agli acquirenti di richiedere esenzioni per le importazioni da fornitori chiave.

Bloomberg.com

Come riportato da Financial Post