martedì 04 agosto 2020

FCA-PSA, sarà Stellantis il nome del nuovo super gruppo

Il nuovo gruppo, che nascerà dalla fusione di FCA e PSA, si chiamerà Stellantis. Dal latino stello, che significa “brillare di stelle”.

Il nome Stellantis, come indicato nella nota congiunta, sarà utilizzato esclusivamente a livello di Gruppo come marchio aziendale. Il prossimo passo in questo processo sarà la presentazione del logo, che insieme al nome determinerà l’identità del nuovo gruppo. I nomi e i loghi precedentemente esistenti dei singoli marchi costituenti del Gruppo Stellantis rimarranno invariati. Stellantis deriva dal verbo latino “stello”, che significa “essere illuminato dalle stelle”.

La scelta del nome segna un passo importante verso il completamento della fusione congiunta (50/50), come definito nell’accordo di combinazione del 18 dicembre 2019“, sottolineano le due società.

Come osservato nella nota, “trae ispirazione da questo nuovo ambizioso mix di leggendari marchi automobilistici e forti culture aziendali, che, se combinati, sono in procinto di creare uno dei nuovi leader nella prossima era della mobilità. l’eccezionale valore del complesso “. e il significato dei singoli componenti. “Stellantis, come specificato di seguito”, combinerà la dimensione di un gruppo veramente globale con una straordinaria ampiezza e profondità di talento, know-how e risorse per fornire soluzioni di mobilità sostenibile per i prossimi decenni.

L’origine latina del nome rende omaggio a una lunga e importante storia delle due società fondatrici, mentre lo sviluppo dell’astronomia richiama lo spirito di ottimismo, energia e rinnovamento basati su questa alleanza che cambierà il settore automobilistico. “Il processo di identificazione di un nuovo nome è iniziato immediatamente dopo l’annuncio dell’accordo di fusione, il 18 dicembre 2019, e il senior management di entrambe le società ha partecipato attivamente a questo processo con il supporto del Gruppo Publicis.

“Come precedentemente affermato, la fusione tra FCA (FCA) e PSA dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre del 2021, fatte salve le consuete condizioni di chiusura, inclusa l’approvazione degli azionisti di entrambe le società nelle rispettive assemblee degli azionisti. Straordinario e rispetto dell’antitrust e di altri requisiti normativi. “