lunedì 26 ottobre 2020

Fuori dagli schemi: i salvataggi devono servire prima i lavoratori e i contribuenti americani

                      

  

    Fuori dagli schemi   

 

  Qualsiasi supporto alle grandi imprese deve prevedere regole rigide e una forte supervisione

                

  

    

                  

           

            Getty Images              

  

                

            

         

Nel corso degli ultimi giorni, quando il coronavirus ha preso piede nell’economia degli Stati Uniti, abbiamo ascoltato vari settori, tra cui compagnie aeree, casinò e operatori di navi da crociera che hanno riportato perdite inaudite e persino il fallimento. Per il bene dell’economia, non è una questione se ci saranno salvataggi nei prossimi mesi, ma quando e come.

      

Ultime notizie: Segui le ultime novità sul coronavirus.

      

La vera domanda è: chi dovrebbe prenderli e come dovrebbero essere strutturati? L’ambiente attuale che molte industrie e aziende devono affrontare non è di loro scelta e alcuni meritano assistenza. Ma deve essere attentamente pensato.

      

Leggi anche: I ceppi del senato per raggiungere un terreno comune sull’affare di stimolo del coronavirus

             

Più di 50 anni fa, il presidente di GM          GM,          – 5 . %       ha dichiarato: “ciò che è buono per il nostro paese è buono per General Motors e viceversa”. L’economia è cambiata radicalmente da quel momento. Ciò che è buono per l’industria Y o la società X – potrebbe non essere buono per il lavoratore americano.

      

Nel suo famoso 992 Articolo di Harvard Business Review, “Who is Us?” , l’economista ed ex segretario del lavoro Robert Reich pone argomentazioni convincenti sul perché gli interessi di una società possano essere disallineati con quelli del paese. Sebbene il suo argomento si concentri sull’impatto sulle tariffe, gran parte della sua analisi è applicabile alla questione dei salvataggi durante questa crisi.

      

Reich sostiene che il paradigma storico – che le aziende hanno identità nazionali – non è più vero. L’outsourcing e l’offshoring hanno ridotto le attività produttive in molti paesi, portando a catene del valore globali. Trent’anni fa, Reich chiese, “alcune di queste compagnie americane sono davvero americane?” Quella domanda è ancora più rilevante ora.

      

Quando i responsabili politici iniziano a valutare quali settori e aziende stanno per salvare, dovrebbero prima chiedere come un tale salvataggio avrà un impatto sui lavoratori americani. La maggiore presenza di outsourcing, ovvero la catena di approvvigionamento globale, rende tutto ciò incredibilmente difficile. Questa crisi richiede che i legislatori mettano la salute economica e il benessere dei singoli lavoratori davanti ai bisogni delle grandi multinazionali, che sono molto meglio attrezzate per resistere a una tempesta come questa.

      

Per questi motivi, molti economisti hanno sostenuto che il contribuente americano dovrebbe ricevere prima i soldi. Questa idea è stata messa in atto attraverso la legislazione recentemente approvata. Mentre la crisi della corona continua, tuttavia, dobbiamo pensare al modo migliore di strutturare eventuali salvataggi in modo tale che vadano a beneficio del consumatore americano.

      

Sen. Elizabeth Warren è in prima linea in questo dibattito con il suo recente “Tornasole per salvataggi di grandi dimensioni corporazioni. ” Il suo forte background nel fallimento e nel diritto fallimentare la rendono la persona giusta per guidare questa iniziativa. Ho seguito le sue idee e ne ho sostenute molte in altre aree del mio lavoro. Di seguito sono riportati alcuni punti in cui trova particolarmente giusto:

       

In primo luogo, le aziende devono mantenere i propri salari e utilizzare i fondi per mantenere i lavoratori nel libro paga. Aggiungerei che i fondi dovrebbero essere assegnati in qualche modo per rivolgersi a “Chi siamo?” problema, cioè dovrebbero essere focalizzati sul lavoratore americano.

      

In secondo luogo, queste società dovrebbero essere dirette in modo permanente a effettuare riacquisti di azioni o “riacquisti”. Vorrei aggiungere l’avvertenza che questo dovrebbe rimanere in vigore fino a quando i loro debiti non saranno stati completamente rimborsati.

      

In terzo luogo, come sostiene Warren, a queste società o industrie dovrebbe essere vietato il pagamento di dividendi o premi esecutivi per i tre anni successivi.

      

Infine, il punto più importante è che il Congresso deve istituire un organo di controllo, modellato sul Congressional Oversight Panel e sul programma di salvataggio della banca TARP, per garantire il rispetto delle regole.

      

I salvataggi stanno arrivando. Assicuriamoci di impostare le regole del gioco in modo che abbia il massimo impatto positivo sul consumatore americano. Mettiamo al primo posto i lavoratori americani.

                             

                             

Articolo originale di Marketwatch.com