venerdì 04 dicembre 2020

Gli analisti si aspettano un dolore “a breve termine” per il titolo Canfor dopo che gli azionisti hanno respinto l’offerta di acquisizione del miliardario

Gli azionisti di minoranza di Canfor Corp. hanno segnato una grande vittoria contro il management respingendo un piano di acquisizione proposto dal suo principale azionista che hanno dichiarato sottovalutato la società.

La Canfor Corp di Vancouver abbandonato un piano approvato dalla direzione per vendere la società per $ 16 per azione – un 81 premio in percentuale sul prezzo commerciale dell’azienda forestale quest’estate, ma meno della metà del prezzo rispetto a giugno 2018.

La società ha dichiarato martedì in un comunicato stampa che 45 per cento dei suoi azionisti idonei al voto hanno sostenuto l’affare, meno del 50 per cento richiesto, e così la società ha annullato un incontro giovedì per discutere il voto.

Il miliardario nonagenario Jim Pattison, Great Pacific Capital Corp., nel mese di agosto, ha chiesto di prendere il società privata, dopo aver acquisito 51 per cento delle azioni di tale società t time.

Pattison ha fatto la sua mossa in mezzo a una serie di fattori che hanno martellato l’industria forestale nella British Columbia, tra cui licenziamenti di massa, riduzioni di turni e chiusure presso le segherie della provincia, nonché i bassi prezzi del legname connessi per scambiare tensioni e un lento mercato immobiliare statunitense.

Le azioni della società, che erano state scambiate intorno a $ 15. 52 il lunedì è sceso più di 18 per cento dopo l’annuncio e si attesta a $ 12. 72 entro mezzogiorno di martedì – ancora significativamente più alto del prezzo richiesto di $ 8 80 il giorno dell’offerta di Pattison. Gli analisti hanno affermato che il calo era atteso e diversi segnali hanno indicato una probabile ripresa.

“Per gli attuali azionisti di Canfor, ci aspettiamo un po ‘di dolore a breve termine per preservare il rialzo a più lungo termine”, Paul Quinn , un analista di RBC Securities, ha scritto.

Quinn ha scritto che aveva abbassato il suo obiettivo di prezzo per Canfor a $ 16 basato sull’aspettativa che l’offerta del Grande Pacifico avrebbe ottenuto l’approvazione degli azionisti. Ma alla luce del rifiuto, ha modificato il suo obiettivo di prezzo a $ 22.

Il settore forestale sta vivendo un “dolore a breve termine”, ha scritto Quinn, che interesserà Canfor e le sue compagnie concorrenti, ma ci sono segni che 2020 si rivelerà più positivo di 2019.

Secondo i dati di BMO Capital Markets, gli alloggi statunitensi iniziano a saltare 3,2 per cento a novembre. Inoltre, gli inizi delle abitazioni per ottobre sono stati rivisti al 4,5 per cento.

Gli analisti hanno detto che quei numeri alla fine avrebbero aiutato ad aumentare i prezzi del legname e avrebbero beneficiato Canfor, anche se non ci fosse stato un effetto immediato sui prezzi del legname.

Hamir Patel, di CIBC Capital Markets, ha anche scritto che l’orizzonte appare più chiaro per l’industria.

“Prevediamo che le azioni di legname trarranno beneficio da una maggiore redditività del settore il prossimo anno , alimentato da un aumento a due cifre dei prezzi a seguito del miglioramento della domanda abitativa (permessi di costruzione saliti a 1,5 milioni in ottobre) e razionalizzazione dell’offerta (rimozione permanente del ~ 5% della produzione nordamericana in ) “, ha scritto Patel martedì.

Mark Wilde, analista di BMO Capital Markets, ha scritto che l’offerta del Grande Pacifico” sottovaluta significativamente “Canfor e ha piazzato un Da $ 22 a $ 24 valore intrinseco per l’azienda. Ha notato che anche il programma di acquisto di azioni Canfor alla fine 2018 ha riacquistato 2,3 milioni di azioni ad un prezzo medio di $ 27.90, era 74 per cento in più rispetto a quanto offerto dal Grande Pacifico.

Nella sua circolare informativa sulla gestione pubblicata a novembre, Canfor ha assunto consulenti Greenhill, che ancorato il valore equo dell’azienda tra $ 13. 72 e $ 18. 87 con il punto medio pari a $ 16.

Secondo il deposito, una regista, Barbara Hislop, ha rifiutato di sostenere l’affare a meno che Great Pacific non abbia aumentato l’offerta a $ 16. 29, ma Pattison ha rifiutato e il resto del consiglio di amministrazione di Canfor ha appoggiato l’accordo. La società ha osservato nel documento che, poiché Pattison non intendeva vendere azioni, la società aveva alternative strategiche limitate.

Dopo che l’accordo era stato reso pubblico, alcuni azionisti hanno notato che Pattison aveva ottenuto un 51 partecipazione di maggioranza in parte perché la società aveva riacquistato azioni.

Canfor non ha risposto alle richieste di commento, né il Great Pacific di Pattison, che la scorsa settimana ha dichiarato al Financial Post di non voler aumentare la propria offerta.

Stephane Lebrun, gestore di portafoglio senior di Letko Brosseau & Associates a Montreal, che controlla il 4,8% di Canfor, ha dichiarato di aver votato contro l’offerta di Great Pacific perché era troppo basso.

“Siamo contenti di collaborare con il gruppo Pattison”, ha detto Martedì Lebrun al Financial Post, “e continueremo ad essere molto ottimisti.”

• Email: gfriedman@postmedia.com | Twitter: GabeFriedz

Come riportato da Financial Post