martedì 01 dicembre 2020

I rendimenti del tesoro si sono mescolati mentre gli investitori monitorano la risposta del coronavirus

Il 10 – i rendimenti del Tesoro nell’anno sono scesi ad un altro minimo lunedì, mentre lo storico declino dei tassi statunitensi è continuato tra lo scoppio del coronavirus e Wall Street richiede lo stimolo della Federal Reserve.

Il 10 – rendimento annuo ha raggiunto un minimo di 1,0 30% in un punto durante la notte prima di rimbalzare e era l’ultimo a 1. 06%. Il rendimento del Tesoro a 2 anni è sceso a 0. 71%, minacciando di rompere il minimo a novembre 2016. Il 30 – rendimento dell’anno era all’1. 623%, un record basso.

Gli investitori stanno scommettendo che la Federal Reserve ora agirà in modo aggressivo in risposta al prossimo rallentamento economico dovuto allo scoppio del coronavirus. Il mercato dei futures sui fondi alimentati ha già scontato un punto base 50 tagliato alla riunione della Fed questo mese, secondo lo strumento CME Fed Watch.

Il presidente Donald Trump ha aumentato la pressione sulla Fed per ridurre l’interesse tassi, twittando lunedì che la banca centrale americana è “lenta ad agire” e in ritardo rispetto ai suoi pari globali.

Goldman Sachs vede la Fed tagliando il suo indice di riferimento 100 punti base in totale quest’anno . Venerdì, il presidente della Fed Jerome Powell ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il coronavirus “pone rischi in evoluzione” e che i funzionari “useranno i nostri strumenti e agiranno in modo adeguato per sostenere l’economia”.

Investitori hanno abbandonato le scorte e si sono precipitati in obbligazioni, spingendo i rendimenti ai minimi storici, mentre i timori di un focolaio di coronavirus attanagliavano il globo. Il benchmark 10 – tasso annuale, che si muove inversamente con i prezzi, frugò nei punti base 37 nel solo febbraio. Le scorte hanno avuto la settimana peggiore dopo la crisi finanziaria della scorsa settimana e sono state programmate per riaprire lunedì.

Paure della recessione

Gli alti funzionari della Casa Bianca hanno tentato di calmare il panico del mercato sul potenziale del virus di innescare una recessione globale, poiché gli Stati Uniti hanno riferito la sua seconda morte nello stato di Washington e un primo caso a New York confermato.

Tuttavia, alcuni a Wall Street avvertono di una recessione economica. Ed Hyman, un economista ampiamente seguito a Wall Street, ha detto che l’epidemia potrebbe finire per causare una recessione negli Stati Uniti e tagliare la sua Il PIL USA prevede una crescita pari a zero nel secondo e terzo trimestre di quest’anno.

I rendimenti rimangono quasi bassi livelli record dopo aver mostrato un rallentamento il mese scorso. L’indice manifatturiero ISM è sceso a 50 .1 a febbraio, il livello più basso dalla fine del 2019. Inoltre è venuto sotto una stima di 50. 8.

Ad aggiungersi alla serie di cattive notizie c’è l’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti (PMI) della Cina, un indicatore per il suo settore manifatturiero, che è precipitato a un record minimo di solo 35 .7 a febbraio . Qualsiasi lettura in basso 50 segnala una contrazione. La cupa lettura fornisce la prima istantanea ufficiale dello stato dell’economia cinese dallo scoppio del coronavirus che ha ucciso quasi 3, 000 persone nella Cina continentale e contagiati 80, .

– CNBC’s Elliot Smith e John Melloy reporting collaborativo

Articolo originale di CNBC