domenica 29 novembre 2020

Il coronavirus potrebbe far aumentare gli investimenti sostenibili

La pandemia di coronavirus ha modificato molte abitudini e comportamenti, compresi, ovviamente, gli investimenti. Le azioni che hanno beneficiato del cosiddetto “stayathome”, come Netflix (NFLX) e Zoom Video (ZM), hanno superato le aspettative negli ultimi mesi, mentre i rivenditori e le compagnie aeree, tra gli altri, hanno visto crollare le proprie azioni. E ora alcune di quelle azioni con le peggiori performance di marzo e aprile stanno mettendo in scena un ritorno, mentre le economie iniziano a riprendersi.

Ma potrebbe esserci un effetto più duraturo su Wall Street: il Covid-19 potrebbe rivelarsi un importante punto di svolta per gli investimenti ESG.

Questo approccio di investimento, che valuta i rating ambientali, sociali e di governance di un’azienda insieme a parametri finanziari tradizionali, stava già uscendo da un anno banner e la sua portata continua ad espandersi. Finora quest’anno, i fondi sostenibili quotati negli Stati Uniti stanno registrando afflussi record, nonostante le turbolenze del mercato.

E gli analisti e gli investitori affermano che la pandemia – e la morte e la distruzione lasciate sulla sua scia – daranno la priorità agli investimenti con una coscienza. Ma laddove una volta che la “E” era probabilmente il profilo più elevato del trio di considerazioni, gli attributi sociali e di governance di un’azienda potevano diventare sempre più importanti poiché gli investitori esaminano le risposte delle società alla pandemia, così come la loro fattibilità non vede l’ora.

“Il rimbalzo nella società civile è stato impressionante, con un aumento del volontariato, della coesione sociale, del sostegno della comunità e dell’attenzione al bene pubblico rispetto alle libertà private”, ha detto JPMorgan in una nota recente ai clienti. “Vediamo la crisi del Covid-19 che accelera la tendenza agli investimenti ESG.”

A parte la coscienza, questi fondi stanno anche attirando livelli record di liquidità perché stanno dimostrando che possono offrire rendimenti comparabili, se non addirittura al di fuori del mercato. L’ETF Nuveen ESG Large-Cap Growth (NULG) è tornato 10% questo anno, ad esempio, mentre l’iShares ESG MSCI USA ETF (ESGU) – il più grande del suo genere con oltre $ 7,1 miliardi di attivi gestiti – è tornato allo 0,6% da inizio anno. L’S & P 500, al confronto, è sceso all’incirca dell’1% per l’anno.

Questo poco tempo il frame non fa tendenza, ovviamente, ma molti di questi fondi hanno anche sovraperformato i loro indici di riferimento nell’ultimo anno e anche di più. Jon Hale, direttore della ricerca sulla sostenibilità di Morningstar, ha osservato che questa è la prima volta che questi tipi di fondi vengono messi alla prova durante una recessione del mercato, e finora stanno resistendo bene. Gli investimenti sostenibili esistono da decenni, ma il boom dei fondi ESG è davvero decollato negli ultimi cinque anni, il che significa che questo angolo del mercato deve ancora sperimentare una recessione.

“Prevediamo un maggiore focus degli investitori sulle considerazioni ESG dopo COVID – 19, con una particolare domanda di maggiore trasparenza aziendale e responsabilità delle parti interessate “, ha dichiarato UBS in una nota recente ai clienti. “La crisi sottolinea la rilevanza delle considerazioni ESG sulla performance dell’azienda e sui rendimenti degli investimenti, e prevediamo che ciò continuerà a influenzare le azioni delle società e degli investitori in futuro”, ha aggiunto la società.

Record afflussi

I fondi incentrati sulla sostenibilità hanno attratto una quantità record di capitale nel primo trimestre di quest’anno, anche se la pandemia ha scosso i mercati di tutto il mondo. I fondi globali sostenibili hanno visto afflussi di $ 45 .7 miliardi, mentre l’universo dei fondi più ampio ha avuto un deflusso di $ 384. 7 miliardi, secondo Morningstar.

Negli Stati Uniti, i fondi sostenibili hanno registrato un record di $ 10. 5 miliardi di afflussi nel primo trimestre, anche se il ritmo degli acquisti ha fatto lento entro marzo. Con la ripresa del momentum degli investitori, 2020 è sulla buona strada per essere un altro anno record per i fondi sostenibili. In effetti, gli afflussi nel primo trimestre sono stati più della metà del record $ 21. 4 miliardi pompati in fondi sostenibili in 2019.

Informazioni su 80% del denaro è andato in fondi indicizzati, il che significa che gli investitori al dettaglio sono probabilmente dietro l’ondata. “Sebbene i fondi negoziati in borsa siano solo una parte del panorama degli investimenti, sono la destinazione principale per i nuovi flussi di investitori al dettaglio, quindi vedere i fondi relativi a ESG assorbire così tanto capitale in 2020 spettacoli questo tema sta ora catturando un grande vento in coda “, ha osservato Nicholas Colas, co-fondatore di DataTrek Research.

Nell’ultimo mese l’ETS MSG USA ESG MSG (ESGU) ha dimostrato di essere il più popolare veicolo, attirando all’incirca $ 555 milioni di nuovi investimenti, secondo FactSet. Altre scelte popolari includono Xtrackers MSCI USA ESG Leaders Equity ETF (USSG), che ha visto afflussi di circa $ 503 milioni, mentre l’iShares ESG MSCI USA Leaders ETF (SUSL) ha guadagnato $ 493 milioni di nuovi capitali. Tutti e tre i fondi sono tornati tra il 9% e 10% nell’ultimo mese, sebbene rimangano in territorio negativo per l’anno.

Covid – 19 “accelerando” gli investimenti ESG

Prima della pandemia, il capitalismo delle parti interessate – l’idea che L’unico obiettivo delle aziende non dovrebbe essere l’approfondimento delle tasche degli azionisti, ma sta crescendo in popolarità. E la pandemia probabilmente accelererà questo spostamento, con gli investitori che premiano le aziende che hanno risposto alla crisi concentrandosi su obiettivi a lungo termine, piuttosto che dare la priorità agli utili a breve termine a tutti i costi.

“Questo la pandemia globale ha davvero messo in rilievo l’importanza di come le aziende trattano i loro stakeholder, in particolare i loro dipendenti e i loro clienti “, ha affermato Hale. “Al giorno d’oggi gran parte del valore aziendale si basa su beni immateriali come la tua reputazione, e penso che le parti interessate ricorderanno come le aziende sono salite all’occasione o non sono riuscite a cogliere l’occasione durante la pandemia e che li ripagherà . ”

Andy Howard, responsabile della ricerca sostenibile presso Schroders Investment Management, ha aggiunto che Covid – 19 susciterà probabilmente un crescente interesse per le tendenze che si stanno sviluppando, come la protezione dei dipendenti. Da marzo più di 40 milioni di persone hanno chiesto la protezione della disoccupazione negli Stati Uniti, con i lavoratori delle minoranze che in genere peggiorano . “Non è una nuova tendenza; ne abbiamo parlato per un po ‘”, ha detto Howard. “Ma in effetti la crisi del coronavirus sta iniziando a cristallizzare alcune azioni politiche cercando di accelerare l’inversione di alcune di queste tendenze”.

Inoltre, il rallentamento economico indotto dal virus sta esponendo alcuni dei pericoli delle politiche prioritarie vantaggiose per gli azionisti, come riacquisti e dividendi. Alcune società hanno già tagliato i dividendi come alcune delle lotte più duramente colpite per rimanere a galla e si prevede che anche i riacquisti rallenteranno quest’anno. A lungo termine, l’atteggiamento del “primo azionista” potrebbe rivelarsi un ricordo del passato. O come riassunto brevemente JPMorgan: “COVID – 19 sta accelerando la tendenza degli stakeholder capitalismo e sfidante primato degli azionisti. ”

Cosa c’è nei fondi ESG?

Esistono molti stili e approcci agli investimenti ESG, compresi i fondi che rispecchiano gli indici di riferimento, tranne che con ponderazioni diverse. Uno dei motivi per cui il gruppo ha ampiamente sovraperformato il mercato più ampio quest’anno è che questi fondi tendono ad essere in sovrappeso nei nomi di tecnologia: l’S & P con le migliori prestazioni 500 settore quest’anno – pur avendo sottopeso l’esposizione a prodotti industriali ed energia. Quest’ultimo è il settore con le peggiori prestazioni quest’anno, registrando una perdita di oltre il 30% .

Guardando attraverso le partecipazioni di fondi gestiti attivamente, RBC ha scoperto che Microsoft era il titolo più posseduto, comparendo in 55% di fondi. Alphabet e Visa erano in 47% e 42% di fondi, rispettivamente, mentre Apple e Xylem hanno completato i primi cinque, comparendo 35% e 34% del tempo, rispettivamente. Dei venti titoli che si trovano più comunemente nei fondi ESG, 75% sta sovraperformando lo S&P 500 quest’anno, l’azienda ha scoperto.

Nel frattempo, secondo una ricerca del Credit Suisse, Intel, Amgen e Merck sono tra i nomi che sono diventati più popolari con fondi ESG nell’ultimo trimestre.

Per gli investitori alla ricerca di fondi più specifici per la causa, non mancano le offerte specializzate, tra cui l’ETF Invesco Solar (TAN) e l’SSGA SPDR Gender Diversity Index ETF (SHE).