lunedì 18 ottobre 2021

L’acquisizione di Ubi da parte di Intesa Sanpaolo ci sarà, con il benestare della BCE

Intesa Sanpaolo (ISP) ha annunciato l’intenzione di acquisire Ubi il 17 febbraio scorso per poi depositare il tutto in Consob. E sembra che tutto sia andato liscio, visto l’ok dalla BCE nel termine previsto dei sessanta giorni, al matrimonio tra la quarta e la prima banca d’Italia. Questo è innegabilmente un buon segnale per la banca capitanata da Carlo Messina, soprattutto viste le recenti news che vedevano opposizioni di soci di Ubi alla corte di appello di Milano per effettuare alcuni accertamenti ed evitare operazioni speculative.

OK della BCE, l’acquisizione di Ubi da parte di Intesa Sanpaolo ci sarà

Intesa chiarisce che non includerà la pandemia e le sue conseguenze tra le condizioni per l’efficacia della Ops. “Secondo l’autorizzazione ricevuta dalla Banca centrale europea”, la banca ritiene che “sebbene non abbiamo ancora informazioni sulle possibili conseguenze dannose della pandemia COVID-19 per UBI Banca”, “non ci sono conseguenze ragionevoli per la pandemia, per Ad esempio, modificare negativamente l’attività di UBI Banca e / o la situazione finanziaria, la situazione patrimoniale, la situazione economica o la situazione con gli utili della società e / o delle società del gruppo UBI, oltre alle conseguenze simili per l’Offerta e Intesa Sanpaolo “.

Di conseguenza, Intesa Sanpaolo “non includerà la pandemia causata dal COVID-19 e il suo impatto sulle condizioni per l’efficacia della proposta”, come indicato nel paragrafo 1.5, lettera v), della comunicazione pubblicata dalla Banca il 17 Febbraio 2020.

Allo stesso tempo, l’autorità antitrust sta conducendo un’indagine per verificare il rispetto dei limiti di concentrazione, che dovrebbero ritardare l’inizio dell’Ops, originariamente stabilito per luglio-settembre. Infine, dopo aver ricevuto l’autorizzazione delle autorità prudenziali come la BCE, la Consob esprimerà il proprio parere e il proprio consenso all’operazione.